10 C
Sessa Cilento
sabato 26 Novembre 2022
HomeMagazineScienza e AmbienteOsservatorio Vesuviano: Connessa con la banda ultralarga della rete GARR la sede...

Osservatorio Vesuviano: Connessa con la banda ultralarga della rete GARR la sede storica sul Vesuvio

Con il collegamento della sede storica dell’Osservatorio Vesuviano dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (OV-INGV), realizzato dalla rete GARR, è stata finalmente raggiunta dalla fibra ottica un’area caratterizzata da un forte divario digitale. La sede dell’Osservatorio Vesuviano dell’INGV, è infatti ubicata sul Colle del Salvatore, a 608 metri s.l.m. ed è raggiungibile solo dalla strada che conduce da Ercolano al cratere del Vesuvio.
Questa sede, fondata nel 1841 per volontà del Re delle Due Sicilie Ferdinando II di Borbone, è stato il primo osservatorio vulcanologico al mondo e, attualmente, ha un ruolo strategico per il monitoraggio del Vesuvio, area oggi ad alta densità abitativa.


Il collegamento in fibra ottica della sede di Ercolano alla rete nazionale GARR, dedicata all’istruzione e alla ricerca, consentirà di ampliare le attività di monitoraggio multiparametrico del Vesuvio e rappresenta un importante passo in avanti in termini di affidabilità ed efficienza. La localizzazione dell’osservatorio, in altitudine sul fianco del vulcano, è strategica anche per raccogliere i dati di monitoraggio provenienti dagli altri punti di osservazione dell’area, dai Campi Flegrei a Ischia. Il link in fibra consentirà un doppio collegamento per l’istituto verso la dorsale nazionale e un nuovo canale di comunicazione libero dalle interferenze tipiche dei canali via etere.
In questo modo viene garantita la continuità operativa della sede di Ercolano, rendendola autonoma – dal punto di vista della connettività – dalla sede operativa dell’OV a Napoli.
“L’aver raggiunto con la fibra ottica la nostra sede storica è un risultato di altissimo valore tecnologico che ci permetterà non solo di consolidare e potenziare le nostre attività scientifiche e di monitoraggio, ma anche di offrire ai visitatori del Museo annesso nuovi percorsi didattici, formativi e divulgativi basati sulla connettività”, commenta il Direttore dell’Osservatorio Vesuviano dell’INGV, Francesca Bianco.


“Uno degli obiettivi più importanti di GARR è quello di garantire a tutti i ricercatori le migliori condizioni per fare ricerca indipendentemente dalla localizzazione delle loro sedi.” ha dichiarato Claudia Battista, coordinatrice del Dipartimento Network e vicedirettrice GARR. “Il collegamento che abbiamo inaugurato oggi, ci rende particolarmente felici perché è stato il frutto di un lavoro e di un investimento significativo, che dimostra ancora una volta il valore e l’unicità della rete della ricerca italiana, perché nessun operatore commerciale avrebbe avuto interesse a realizzarlo”.
La sede storica è attualmente attrezzata con un doppio ponte radio hiperLAN a banda larga per comunicazioni dirette verso la sede operativa dell’OV, che si trova in quella parte della caldera flegrea che insiste nella città di Napoli, e un sistema di WAN bonding per il bilanciamento del traffico sui percorsi multipli. Attraverso la connettività su infrastruttura GARR, inoltre, la sede scambia dati in continuo con le altre sale operative dell’INGV e con le Istituzioni preposte, sia locali che nazionali, come ad esempio il Dipartimento della Protezione Civile (DPC).


Con la sede dell’Osservatorio Vesuviano, arrivano a 17 le sedi INGV connesse con la rete GARR, di cui alcune in area di forte digital divide come la sede di Nicolosi (CT) sulle pendici dell’Etna, l’Info Point di Stromboli e l’Osservatorio Geofisico di Lipari, sedi di centri strategici per il monitoraggio dei vulcani eoliani o la sede di Portopalo di Capopassero (SR), nodo fondamentale dell’iniziativa EMSO che ospita una rete di osservatori marini per il monitoraggio e lo studio di processi geofisici, oceanografici e biologici che hanno luogo nelle profondità oceaniche.
Nel 2021 il traffico complessivo scambiato sulla rete GARR dalle sedi INGV è stato pari ad oltre 2 PB, un volume di dati destinato a crescere in fretta, basti pensare che solo nei primi mesi del 2022 il traffico medio mensile è aumentato del 50% rispetto all’anno precedente. (A cura di INGV)

Giuseppe Jodice
Giuseppe Jodicehttps://www.cilentoreporter.it/
Giuseppe Jodice, Laureato in Scienze e tecnologie per la Natura e per l'Ambiente presso l’Università di Napoli Federico II, da poco si è avvicinato al mondo della scrittura come professione. Aspirante blogger, ha collaborato con varie testate giornalistiche online curandone i contenuti. Durante l’università scrive recensioni e interviste sul blog letterario Viaggio nello Scriptorium e, terminati gli studi, si appassiona al mondo del giornalismo, decidendo di sfruttare il grande potere della scrittura per comunicare al mondo i suoi interessi e le notizie più importanti. Ha avuto l’onore di frequentare il Corso di Giornalismo Ambientale Laura Conti organizzato da Legambiente. Appassionato ed attento osservatore delle tematiche prettamente scientifiche ed ambientali, é redattore per Cilento Reporter della rubrica Scienza & Ambiente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Continue to the category

Devi leggere

Codacons Cilento: “per rilanciare il territorio serve una nomina al Parco qualificata e competente”

In questi giorni sui mass media e in via ufficiosa rimbalzano i nomi dei “papabili” alla nomina ministeriale per la scelta del nuovo presidente...

Meteo: nel week-end ancora maltempo. Campania divisa in due

Dopo una breve tregua dopo il ciclone Poppea, che ha causato allagamenti, alberi caduti e due vittime in Campania, nel week end è attesa sull’Italia una nuova ondata di...
Contattaci su WhatsaApp

Meteo forti temporali: la Campania passa da allerta gialla ad arancione

Peggiora il maltempo sulla Campania tanto che la Protezione civile regionale ha emanato un nuovo avviso

Addio a “nonna Rosetta”. Ha reso popolari le tradizioni del sud Italia

Addio nonna. "Ti chiamiamo nonna, perché per tutti noi sei stata veramente una nonna, oltre che la nostra migliore amica”. Così sul profilo Instagram...

Agricola: spesa e territorio. Ogni sabato l’opportunità per conoscere il Vallo di Diano

Comprare direttamente dai produttori comporta molteplici vantaggi, tra cui portare in tavola prodotti più freschi, più salubri e fare un gesto che sostiene concretamente il proprio territorio e la sua...

Dallo stesso Autore