8.4 C
Sessa Cilento
venerdì, 19 Aprile 2024
Prima PaginaRicette del CilentoCrostata di castagne con fondente

Crostata di castagne con fondente

L’autunno  nel Cilento, quando il freddo diventa pungente, le nuvole si addensano basse sopra le colline puntellate dai piccoli borghi come gioielli custoditi in scrigni segreti  e si incontrano con la nebbia che sale dalla pianura e tira giù come dal cielo un grande tappeto variopinto di foglie di castagno che cambiano dal giallo . Ecco cosa viene in mente. In un attimo l’autunno richiama alla mente questa immagine e la parola da pronunciare non sarà altro se non Castagna.

Le castagne, buonissime. “Ballotte” o “Vaddani”, bollite in acqua e un po’ di sale, oppure cotte nelle padelle forate di antica origine, con i loro nomi : caldarroste, ma anche “vroole”, forse l’emblema del modo di consumare questo frutto, quando noi, da piccoli, inisieme ai nonni intorno alla tavola, recidevano le castagne con un taglietto deciso, necessario per non farle scoppiare quando, nel caminetto, con la padella bucata, il fuoco le avvolgeva per tramutarle in “caldarroste”. Questo è quello che “racchiude” il riccio per noi gente del Cilento. Ma, le castagne, nel Cilento, si usano anche per preparare, marmellate,  confetture e dolci come le pastorelle o pasticelle ma anche una  squisita crostata di castagne con cioccolato fondente , leggiamo e guardiamo  come si prepara.

Ingredienti per 4 persone

  • Pasta Frolla
  • 500 gr di farina
  • 250 gr zucchero
  • 250 gr burro o margarina
  • 3 Tuorli
  • 1 uovo intero
  • Odori a piacere
  • 1 bustina lievito

Ingredienti per il ripieno

    • 500 gr circa di Castagne lesse passate al setaccio
    • 200 gr di Cioccolato fondente da sciogliere a bagnomaria
    • 170 gr di Zucchero a velo
    • generosa grattugiata di buccia di Mandarino
    • 1 tazzina  di Strega

Procedimento

Come prima cosa per comporre questa crostata preparate la pasta frolla dandogli così modo di riposare almeno 1 ora. Una volta che avrete lessato le castagne lasciatele intiepidire e poi procedete alla loro pulizia. passate per due volte le castagne allo schiacciapatate o al setaccio, aggiungete il cioccolato fondente fuso a bagnomaria ed  unitevi tutti gli altri ingredienti, lasciate riposare in luogo fresco per circa 2 ore, questo farà si che tutti gli aromi si fondano insieme.

Foderate gli stampi scelti per la crostata con la pasta frolla, versatevi a cucchiaiate il composto di Castagne, livellate la superficie e poi chiudete con le striscioline di Frolla ( volendo a piacere potreste coprirla a modi Bocconotto).Cuocere per circa 40/45 minuti a 180°in forno possibilmente statico o riducendo la ventilazione al minimo.

© Diritti Riservati

Gerardo Del Duca
Gerardo Del Duca
Chef cilentano di nascita, gran parte della mia carriera lavorativa l’ho trascorsa in Cilento lavorando presso molte strutture ricettive di medio alto livello,molte sono state le esperienze anche al di fuori del Cilento, in Italia ed in paesi esteri. Dopo tanto girovagare ho capito che niente per me e’ paragonabile alla nostra cucina tipica cilentana, senza togliere niente a nessuno. da ormai molto tempo mi dedico alla valorizzazione della cucina tipica cilentana, non con il semplice divulgare orale ma con una mia messa in opera concreta; cosa voglio dire? prendo delle vecchie ricette tradizionali e le porto nei menu’ dei ristoranti nei quali presto servizio, dono nuovo splendore a quei piatti che ci hanno fatto crescere in modo sano. Mangia sano e vivi meglio, noi siamo quello che mangiamo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

L'ultima gara esperita presso Palazzo S. Lucia, è andata deserta mettendo a rischio il servizio che, come già accaduto lo scorso anno, potrebbe non essere attivo per l’intera stagione estiva.
Si terrà martedì 21 maggio 2024 alle ore 17,00 presso l’Aula Consiliare del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni, in Via F. Palumbo, a Vallo della Lucania (SA), la cerimonia di premiazione del Premio Artistico - Letterario
I Campi Flegrei sono la più grande caldera urbanizzata attiva nel cuore del continente europeo. A partire dal 2005 è interessata dal fenomeno bradisismico che ..... 

Articoli correlati

Le alici di menaica sono un prodotto ittico tipico del Cilento, principalmente di Pisciotta.  Si tratta di alici salate prodotte con una tecnica antica, che risale ai tempi degli antichi Greci.
La mia grande passione per la cucina, perché di passione si tratta e, come tale, a differenza di un ...
A Carnevale non possono mancare i fritti dolci e le tradizionali frittelle, che in questo periodo si possono gustare senza provare troppi sensi di colpa per la linea. Non...

Dallo stesso Autore

Un tempo il pane non veniva preparato ogni giorno; si panificava ad intervalli periodici, ogni quindici giorni, ma nelle zone più isolate ed impervie...
Trattandosi di una ricetta profondamente legata alla tradizione familiare e contadina, del Tortano esistono tantissime versioni differenti, ognuna caratterizzata dal suo piccolo segreto. Pur rispettandone...
E’ molto simile alla frittata di maccheroni che si usava preparar il giorno dopo quando, dal pranzo o dalla cena la pasta avanzava;  in...