sabato 21 Maggio 2022
20.6 C
Sessa Cilento
- Pubblicità -
HomeRicette del CilentoTortano rustico n'zogna e pepe

Tortano rustico n’zogna e pepe

- Pubblicità -

Trattandosi di una ricetta profondamente legata alla tradizione familiare e contadina, del Tortano esistono tantissime versioni differenti, ognuna caratterizzata dal suo piccolo segreto. Pur rispettandone i capisaldi, legati ad esempio all’utilizzo delle uova sode, del pecorino e dei salumi, in alcuni casi dei ciccioli (cigoli) ogni cuoco la personalizza a modo suo aggiungendo, ad esempio, cubetti di prosciutto cotto piuttosto che di mortadella o formaggi differenti che spaziano dal Parmigiano fino, talvolta, anche alla provola affumicata, che conferisce all’impasto un aroma del tutto particolare.

Nella tradizione storica di questo rustico, molto probabilmente già da prima del XVI secolo, si differenzia dal suo antenato , il famoso Casatiello, soltanto per la presenza di uova sode intere e con il guscio a decorarne la superficie. Ciò che rende speciale questa ricetta, oltre naturalmente alla bontà, è la profonda simbologia legata più o meno ad ognuno degli ingredienti principali utilizzati per la sua preparazione. Con la farina, infatti, si prepara il pane, simbolo cristiano per eccellenza. Il formaggio, che per tradizione deve essere pecorino in abbondante quantità, è ottenuto, appunto, dalla pecora, il cui piccolo, l’agnello, mantiene ancora oggi un forte legame con la celebrazione della Pasqua, simbolo di innocenza e della vittoria della vita sulla morte.

Le uova veicolano un importante messaggio che richiama i concetti di nascita e resurrezione e per questo sono da sempre considerate l’emblema della Pasqua in ogni loro declinazione, mentre i ciccioli, ottenuti dal grasso del maiale, evocano rituali antecedenti alla tradizione cristiana in cui l’animale veniva sacrificato come simbolo di abbondanza e ricchezza. Anche l’aspetto del Tortano e del Casatiello può essere ricollegato alla simbologia cristiana. Entrambi i rustici vengono, infatti, modellati con la forma di una ciambella che ricorda quella della corona di spine del Cristo.

- Pubblicità -

Ingredienti per 6 persone

  • 1kg di farina
  • 75g lievito di birra
  • 250g di sugna
  • 1 etto di formaggio pecorino grattugiato
  • 150g di provolone semipiccante tagliati a cubetti
  • 6 uova nostrane ben lavate ed asciugate
  • Pepe nero in abbondanza
  • Sale q.b.
Leggi anche:   Mulignane mbuttunate Cilentane

Procedimento

-Pubblicità-

Impastate la farina con 100g di sugna, il lievito, poco sale e acqua tiepida, fino ad ottenere una pasta piuttosto morbido lavorate per almeno una decina di minuti. Lasciate  lievitare l’impasto, in una terrina coperta da un panno e fino al raddoppio della massa.  A lievitazione avvenuta poggiate l’impasto sul tavolo da lavoro,stendete fino allo spessore di circa un cm. A questo punto spalmate la restante sugna e cospargete con il pepe ed il formaggio grattugiato, piegate in 2 la pasta, ungetela di nuovo e ripiegatela, ripetendo questa operazione finché avrete sugna, (Prendete un pezzetto di pasta grande quanto un panino e mettetelo da parte).

Con l’ultima spalmata di sugna aggiungete il provolone tagliato a dadini ed arrotolate la pasta formando un rotolo che sistemerete in una teglia unta ed infarinata da forno a forma di corona circolare, unendo il rotolo di pasta alle estremità. Lasciatelo lievitare per un’altra ora. Quando il Tortano sarà lievitato, sistematevi sopra le uova crude, col guscio ben lavato ed asciugato, con la punta rivolta verso il centro dello stampo; con la pasta tenuta da parte formate 12 bastoncini grossi come dei grissini, che sistemerete ortogonalmente a croce sulle uova per fissarle alla pasta. Infornatelo in forno quasi tiepido e fatelo cuocere mantenendo la temperatura a 180° per almeno un’ora o fino a che sarà ben colorito.

Alcune notizie sulla “Storia” sono tratte da “Esperienza del Cibo” – foto di copertina “Cookist”

- Pubblicità -

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Gerardo Del Duca
Gerardo Del Duca
Chef cilentano di nascita, gran parte della mia carriera lavorativa l’ho trascorsa in Cilento lavorando presso molte strutture ricettive di medio alto livello,molte sono state le esperienze anche al di fuori del Cilento, in Italia ed in paesi esteri. Dopo tanto girovagare ho capito che niente per me e’ paragonabile alla nostra cucina tipica cilentana, senza togliere niente a nessuno. da ormai molto tempo mi dedico alla valorizzazione della cucina tipica cilentana, non con il semplice divulgare orale ma con una mia messa in opera concreta; cosa voglio dire? prendo delle vecchie ricette tradizionali e le porto nei menu’ dei ristoranti nei quali presto servizio, dono nuovo splendore a quei piatti che ci hanno fatto crescere in modo sano. Mangia sano e vivi meglio, noi siamo quello che mangiamo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Croccante alle mandorle. Il torrone di Natale nel Cilento

0
Esistono dolci buonissimi tanto da essere definiti dei veri e proprio “peccati di gola” e...

Pasta & Patate “azzeccata”. Ecco la mia ricetta, diversa ma squisita

0
La storia della Pasta e Patate  viene da molto lontano. Siamo nella  Napoli del XVII...

I profumi del Cilento, con le Melanzane a barchetta

0
I profumi delle cucine cilentane sono sempre state un ottimo viatico per chi come me...

Lasagna al forno con i carciofi del Cilento

0
Girando in questi giorni, l’occhio è caduto sulle bancarelle dei mercati ortofrutticoli, e ho potuto...

Pastiera dolce di maccheroni “cilentana”

0
E’ molto simile alla frittata di maccheroni che si usava preparar il giorno dopo quando,...

Carciofo ripieno o semplicemente, “Carcioffole m’buttunate”

0
Il carciofo, nome comune del cynaria scolymus, è un ortaggio che appartiene alla famiglia delle...

Articoli correlati

Croccante alle mandorle. Il torrone di Natale nel Cilento

0
Esistono dolci buonissimi tanto da essere definiti dei veri e proprio “peccati di gola” e...

Pasta & Patate “azzeccata”. Ecco la mia ricetta, diversa ma squisita

0
La storia della Pasta e Patate  viene da molto lontano. Siamo nella  Napoli del XVII...

I profumi del Cilento, con le Melanzane a barchetta

0
I profumi delle cucine cilentane sono sempre state un ottimo viatico per chi come me...

Lasagna al forno con i carciofi del Cilento

0
Girando in questi giorni, l’occhio è caduto sulle bancarelle dei mercati ortofrutticoli, e ho potuto...

Pastiera dolce di maccheroni “cilentana”

0
E’ molto simile alla frittata di maccheroni che si usava preparar il giorno dopo quando,...

Carciofo ripieno o semplicemente, “Carcioffole m’buttunate”

0
Il carciofo, nome comune del cynaria scolymus, è un ortaggio che appartiene alla famiglia delle...

Altri dall'Autore

Pastiera dolce di maccheroni “cilentana”

0
E’ molto simile alla frittata di maccheroni che si usava preparar il giorno dopo quando,...

Carciofo ripieno o semplicemente, “Carcioffole m’buttunate”

0
Il carciofo, nome comune del cynaria scolymus, è un ortaggio che appartiene alla famiglia delle...

Un’usanza del Cilento nel giorno di Santa Lucia: la Cuccìa

0
L’usanza di mangiar cuccìa il 13 dicembre, festa di S. Lucia, protettrice della vista, non...

“I Fichiti”. Dolce tipico di Torre Orsaia

0
Chi passa dal borgo di Torre Orsaia potrà forse meravigliarsi al sentire il nome “Fichiti”...

Pizza “roce” casereccia di ciliegie e crema

0
Ricordate sempre che le ciliegie migliori sono quelle maturate completamente, non solo per le dimensioni che...

Dal Cilento, il rosolio ai gelsi neri

0
Il Cilento, ma non solo, è stato "scelto" da alcune varietà di gelso, che è...
- Pubblicità -

Devi leggere

29 Maggio. Riapre al culto il Santuario del Sacro Monte Gelbison

Il Santuario della Madonna del Sacro Monte di Novi Velia riaprirà il 29 maggio p.v., ultima domenica del mese.  Il Santuario di Maria ritornerà a essere aperto...

Seconda metà di maggio: caldo estivo, sempre più forte

L’estate inizia, pian piano, a scaldare i motori, tanto che la seconda parte del mese di maggio ora rischia di essere dominata dal ritorno dell’opprimente...

Il Consorzio ricotta di bufala Campana Dop sceglie la continuità. Benito La Vecchia confermato Presidente: “pronti a crescere ancora”

Il Consorzio di Tutela della Ricotta di Bufala Campana Dop sceglie la continuità: Benito La Vecchia è stato rieletto presidente e inizia così il suo terzo mandato...
- Pubblicità -

Devi leggere

EU Agrifood Week: nel Cilento e non solo, dieci giorni di iniziative per celebrare la biodiversità

Nella Giornata Mondiale della Biodiversità il Paideia Campus festeggia il primo anno di attività a Pollica, nel cuore del Cilento. Per l’occasione Future Food Institute, in...

Ricerca di Unisa sul territorio della Comunità Montana Alento-Monte Stella

Nella mattina di lunedì 16 maggio,  all'Università degli Studi di Salerno, i professori Massimiliano Bencardino e Alfonso Conte, tra i docenti responsabili del corso...

Festival Nazionale della Dieta Mediterranea. Al Mipaaf l’evento di lancio

Mercoledì 18 maggio alle ore 11, nella sala Cavour del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, in via XX Settembre 20 a Roma, si terrà la conferenza...