11.7 C
Sessa Cilento
lunedì, 26 Febbraio 2024
Prima PaginaRicette del CilentoCannoli dolci e amari con un prodotto d’identità e territorio: Amaro Teggiano

Cannoli dolci e amari con un prodotto d’identità e territorio: Amaro Teggiano

Dopo un buon pasto non può certo mancare un buon amaro alle erbe, se è Cilentano lo apprezzo ancor di più. Buono e benefico, l’amaro Teggiano,  garantisce una corretta digestione, grazie all’azione delle proprietà naturali delle erbe che lo compongono: come la Genziana, erba predominante nell’infuso insieme ad altre erbe che il titolare, Enzo Sorbo non vuole rivelare, sapientemente miscelate, garantiscono un’azione stomachica, cioè digestiva e stimolante l’appetito.

L’ amaro Teggiano, prodotto nell’omonima cittadina, situata nel Vallo di Diano, è un fiore all’occhiello per la comunità, ha ricevuto l’ambito premio Primula d’Oro e deriva da un antico progetto del papà della compagna di Sorbo, Vincenza, anch’essa collaboratrice nella produzione.

La simbiosi tra questo nettare e una ricetta tradizionale Cilentana, che è quella del cannolo, nonché prelibatezze tutte nostrane come i fichi e la ricotta, ne hanno fatto nascere questo squisito dessert che vi descrivo nel video.

” Cannolo Dolce Amaro” con Ricotta e Fichi.

Mangia "SANO "MANGIA " CILENTANO"Dopo un buon pasto non può certo mancare un buon Amaro alle erbe, se è Cilentano lo apprezzo ancor di più. Questo Amaro Teggiano prodotto nell'omonima cittadina Teggiano situata nel Vallo di Diano è un fiore all'occhiello per la comunità, viene prodotto con Alcool di primissima qualità a base di frutta e cereali, la Genziana è l'erba che predomina nel suo infuso, le altre erbe sempre raccolte nel territorio di produzione sono una miscela segreta di Enzo Sorbo Amaro Teggiano che riprendendo un vecchio progetto del Suocero in collaborazione con Vincenza la sua compagna stanno portando avanti con un grande apprezzamento dagli utenti finali, tanto da ricevere il premio Primula D'oro. Dal suo gusto Dolce ed Amaro allo stesso tempo ne ho creato un dessert " Cannolo Dolce Amaro" con Ricotta e Fichi. Progetto di Valorizzazione Territoriale delle Aziende e dei Prodotti di Eccellenza del Cilento e del PNCVA Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano ed Alburni.Se desideri una mia visita in Azienda contattami in privato, mi rivolgo anche a Trattorie Agriturismi e Ristoranti che propongono Cucina Territoriale. Cilento Reporter Alessandro Giordano

Posted by Chef Gerardo Del Duca on Thursday, 18 October 2018

Un progetto di Gerardo Del Duca per la Valorizzazione Territoriale delle Aziende e dei Prodotti di Eccellenza del Cilento e del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano ed Alburni. Se desideri una mia visita in Azienda contattami in privato, mi rivolgo anche a Trattorie Agriturismi e Ristoranti che propongono Cucina Territoriale.

© Diritti Riservati

Gerardo Del Duca
Gerardo Del Duca
Chef cilentano di nascita, gran parte della mia carriera lavorativa l’ho trascorsa in Cilento lavorando presso molte strutture ricettive di medio alto livello,molte sono state le esperienze anche al di fuori del Cilento, in Italia ed in paesi esteri. Dopo tanto girovagare ho capito che niente per me e’ paragonabile alla nostra cucina tipica cilentana, senza togliere niente a nessuno. da ormai molto tempo mi dedico alla valorizzazione della cucina tipica cilentana, non con il semplice divulgare orale ma con una mia messa in opera concreta; cosa voglio dire? prendo delle vecchie ricette tradizionali e le porto nei menu’ dei ristoranti nei quali presto servizio, dono nuovo splendore a quei piatti che ci hanno fatto crescere in modo sano. Mangia sano e vivi meglio, noi siamo quello che mangiamo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Il Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana Dop punta sull’export e moltiplica le iniziative di promozione all’estero. Dalla Francia al Giappone, la Bufala Campana guarda sempre più ai mercati stranieri,
In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
La cittadina più anziana di Sessa Cilento si è spenta oggi (20 Febbraio)  all’età di 103 anni. Si chiamava Teresina La Greca , residente nell’antico piccolo borgo di Valle Cilento.

Articoli correlati

Le alici di menaica sono un prodotto ittico tipico del Cilento, principalmente di Pisciotta.  Si tratta di alici salate prodotte con una tecnica antica, che risale ai tempi degli antichi Greci.
La mia grande passione per la cucina, perché di passione si tratta e, come tale, a differenza di un ...
A Carnevale non possono mancare i fritti dolci e le tradizionali frittelle, che in questo periodo si possono gustare senza provare troppi sensi di colpa per la linea. Non...

Dallo stesso Autore

Un tempo il pane non veniva preparato ogni giorno; si panificava ad intervalli periodici, ogni quindici giorni, ma nelle zone più isolate ed impervie...
Trattandosi di una ricetta profondamente legata alla tradizione familiare e contadina, del Tortano esistono tantissime versioni differenti, ognuna caratterizzata dal suo piccolo segreto. Pur rispettandone...
E’ molto simile alla frittata di maccheroni che si usava preparar il giorno dopo quando, dal pranzo o dalla cena la pasta avanzava;  in...