8.9 C
Sessa Cilento
lunedì, 26 Febbraio 2024
Prima PaginaRicette del CilentoCilento, odori e sapori del passato: "la lasagna sotto la cenere"

Cilento, odori e sapori del passato: “la lasagna sotto la cenere”

Le foto in copertina, mi sono state inviate da Celeste Consalvo, scrivendomi: “Lasagna cilentana cotta nel caminetto sul treppiedi, con la brace sotto e sul coperchio. E’ stata fatta da mia zia Anna Olga Spinelli di Perdifumo per rievocare odori e sapori del passato.” Quando vedo certe foto che “emanano”, virtualmente,  profumi, sapori, torno indietro col tempo. Le tradizioni del nostro popolo, unite alla storia locale, sono riappropriazione di un patrimonio unico e collettivo, indispensabile alla identificazione culturale di sé e della gente a cui si appartiene.

**Leggi la ricetta della Lasagna**

Non c’è  piatto, della nostra tradizione che si rispetti che non abbia un tangibile e perché no succulento riscontro anche nei profumi e nei sapori della buona cucina. Gusti semplici che sanno di ricordi, di sorrisi e di intensi odori di campagna. L’arte della cucina contadina riconduce agli antichi gusti in cui le materie prime , spesso le più povere, venivano lavorate per rispettarne ed esaltarne la genuinità. Le immagini dell’amica Celeste, anche se scattate di recente, sono una sorta di “macchina del tempo”, un tempo in cui disponibilità tecnologiche erano ridotte al lumicino. Il fuoco del camino, la sua brace erano elementi fondamentali per la preparazione di qualsivoglia pietanza. In pochi possedevano le piccole ma efficienti cucine economiche, tanti si arrangiavano, è un modo di dire,  a cucinare i propri piatti sulle fiamme ardenti, o come nel caso della nostra lasagna, avvolta da una “pelliccia” di cenere che ne esaltava gli odori ed indubbiamente il sapore.

È il richiamo ai vecchi sapori di una volta, al culto della lentezza. Le lunghe giornate invernali trascorrevano intorno al fuoco scoppiettante, era insomma sinonimo di famiglia. Intorno a quel camino c’era tutta la vita familiare: ci si scaldava, si cucinava, si recitava il rosario, si parlava, si ascoltavano le storie dei nonni, si raccontavano le fiabe ai bambini. C’era il passato, il presente e la speranza del futuro. Bisognava alimentare quel fuoco, era un’incombenza importante e non solo per cosa vi era adagiato sopra. Una tradizione culinaria, quella cilentana,  che ha conservato nei secoli i sapori e le abitudini della più antica e semplice cucina mediterranea. Piatti colorati, vivacizzati dalle tonalità degli ingredienti, dove alla genuinità e semplicità delle antiche ricette si alternano raffinate variazioni e insolite “contaminazioni” per creare un’equilibrata unione tra antico e moderno. Stiamo vivendo giorni strani, difficili, ci circonda uno scenario paragonabile, forse, solo alla guerra.

Ci svegliamo la mattina consapevoli del fatto che, ogni giorno, probabilmente, sarà uguale all’altro, eppure nulla ci impone di annoiarci: anzi! Sta a noi rendere questo momento produttivo e trasformarlo in un’occasione di crescita e arricchimento. Possiamo approfittare di questo periodo di calma per fare tutto quello che, a causa dei ritmi di lavoro serrati e del poco tempo a disposizione, lasciamo indietro. Possiamo dedicarci alla cucina! Possiamo approfittare per andare alla scoperta delle ricette tradizionali che hanno fatto grande la nostra tradizione enogastronomica. È il momento giusto per cominciare dalle basi: la pasta fatta in casa, il pane con il lievito madre, da coccolare ogni mattina. Pochi esperimenti, dunque, ma tanta semplicità. E poi, è il momento giusto per indagare sulla storia della nostra cucina, sul perché quello o quell’altro ingrediente, quello o quell’altro dolce. E allora, approfittiamo per prendere coscienza di ciò che mangiamo.
In questo modo potremo preservare la nostra cultura gastronomica e “gustare” appieno la nostra esistenza.

© Diritti Riservati

Alessandro Giordano
Alessandro Giordano
Dal Marzo 2015 racconto la nostra terra, il Cilento, mostrandola con gli occhi di chi la ama, la vive e vuole contribuire a farla apprezzare di più ai turisti e ai Cilentani stessi. La Storia, i Personaggi, la Cultura, le Tradizioni e le Contraddizioni, il patrimonio artistico, gli eventi e le iniziative in programma che ritengo più interessanti segnalare, i musei, le attrazioni e le proposte per i turisti, il cibo ed i prodotti del territorio sono i temi principali dei miei articoli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Il Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana Dop punta sull’export e moltiplica le iniziative di promozione all’estero. Dalla Francia al Giappone, la Bufala Campana guarda sempre più ai mercati stranieri,
In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
La cittadina più anziana di Sessa Cilento si è spenta oggi (20 Febbraio)  all’età di 103 anni. Si chiamava Teresina La Greca , residente nell’antico piccolo borgo di Valle Cilento.

Articoli correlati

Le alici di menaica sono un prodotto ittico tipico del Cilento, principalmente di Pisciotta.  Si tratta di alici salate prodotte con una tecnica antica, che risale ai tempi degli antichi Greci.
La mia grande passione per la cucina, perché di passione si tratta e, come tale, a differenza di un ...
Con il Mercoledì delle ceneri, che quest’anno cade oggi, 22 febbraio, inizia la Quaresima, una ricorrenza cattolica che segna i 40 giorni prima della Pasqua. Nella tradizione, il...

Dallo stesso Autore

I bambini la aspettano con trepidante attesa. Questa notte, infatti, la Befana lascerà tanti dolciumi a quanti sono stati bravi, mentre chi si è comportato male dovrà accontentarsi di un pezzetto di carbone.
La filiera della mozzarella di bufala campana Dop fa bene all’ambiente ed è sempre più green e sostenibile. Lo rivela un nuovo studio scientifico, realizzato dal professor Luigi Zicarelli e da Roberto De Vivo, Roberto Napolano e Fabio Zicarelli.
Le vedute acquerellate delle antiche commende di Rodio e di San Mauro la Bruca, trovate in un cabreo (cioè in un registro patrimoniale) del 1626 custodito presso la National library di Malta