sabato 21 Maggio 2022
21.1 C
Sessa Cilento
- Pubblicità -
HomeRicette del CilentoLe lasagne di Carnevale, senza besciamella

Le lasagne di Carnevale, senza besciamella

- Pubblicità -

La versione di mamma prevede l’assenza di besciamella e la presenza di polpettine nel ragù, di sicuro un piatto più deciso senza troppi compromessi e dal gusto forte e non mitigato dalla besciamella che addolcirebbe troppo il condimento. Un piatto per stomaci forti, quindi?! A voi decidere, per quanto mi riguarda è un piatto della tradizione che non voglio abbandonare e che cerco ogni volta che lo preparo di farlo rivivere.  Le lasagne sono il primo piatto tipico del giorno di Carnevale nella maggior parte delle Regioni italiane. Il martedì grasso, o a volte anche la domenica precedente, è infatti il giorno migliore per divertirsi a tavola in famiglia o con gli amici.

E la lasagna è senza dubbio la pietanza giusta per un pranzo in compagnia, perché è gustosa e ricca di ingredienti che piacciono un po’ a tutti, grandi e piccoli. Solitamente la lasagna si condisce con il ragù bolognese a base di carne macinata, accompagnato da besciamella e provola. Quella che stiamo per proporvi, invece, è una variante del classico sugo, con un ‘dettaglio’ in più che renderà il vostro piatto davvero irresistibile e conquisterà tutti i commensali.
Non è tutto però, perché oltre a riempire i vari strati con questo sugo, la nostra proposta è quella di aggiungere anche la ricotta, la salsiccia e delle mini polpettine fritte, che renderanno il risultato finale davvero paradisiaco! Siete pronti a scoprire come la preparo io?

Ecco gli ingredienti fondamentali necessari

  • Farina 400g
  • Ricotta 500 g
  • Fior di latte 350 g
  • Parmigiano 250 g
  • Salsicce 350 g
  • Uova 2
- Pubblicità -

Per il ragù

  • Salsicce 400 g
  • Muscolo di manzo 400 g
  • Costine di maiale 400 g
  • 2 Cipolle di Vatolla
  • Carota 2
  • Sedano 1 costa
  • Strutto 4 cucchiaini
  • Vino rosso 1 bicchiere
  • Polpa passata di pomodoro 1,5 kg
  • Olio extravergine d’oliva 1 cucchiaio Dop Cilento
  • Sale q.b.

Per le polpettine

  • Carne macinata 250 g
  • Mollica 100 g
  • Prezzemolo 1 ciuffo
  • Parmigiano q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
-Pubblicità-

Per la preparazione della sfoglia

Versate la farina nella classica forma a fontana. Una volta ricavato il buco al centro, versateci le uova sgusciate e aggiungete un pizzico di sale. Iniziate a sbatterle lentamente con una forchetta, poi passate al metodo più tradizionale e sicuramente molto più efficace: le dita! Man mano incorporate la farina dei bordi, fino ad amalgamare tutti gli ingredienti. Ottenuta la vostra palla di pasta all’uovo, lavoratela massaggiandola energicamente e sbattendola di tanto in tanto sulla spianatoia che avrete leggermente infarinato.
Questa fase di manipolazione deve durare almeno un quarto d’ora. Avvolgete quindi l’impasto con un panno umido e lasciatelo riposare per 30 minuti.
Successivamente riprendete l’impasto, massaggiatelo ancora un po’ (sempre sul piano di lavoro infarinato) e iniziate a stenderlo prima facendo pressione con le mani, poi con un mattarello in modo da formare una sfoglia sottilissima (meno di un millimetro). Per facilitare questa operazione potete suddividere il panetto in più porzioni da stendere quindi una alla volta.
A questo punto non vi resta che tagliare la pasta a forma di lasagne, ovvero rettangoli di misura variabile a seconda della grandezza della teglia (i formati più usati sono 8×16 cm o 14×20).

Leggi anche:   Scauratielli Cilentani

Preparazione

Iniziate tagliando a dadini le carote e il sedano, sminuzzando le cipolla. Inserite tutto in una pentola e fate rosolare alcuni minuti con olio e strutto. A questo punto aggiungete tutta la carne intera, lasciandola cuocere con una sbuffata di vino rosso.

Togliete la carne dalla pentola e versate il sugo. Fate cuocere per almeno tre ore, quindi aggiungete di nuovo la carne nelle ultime fasi della cottura. Nel frattempo, preparate le polpettine modellando con le mani i vari ingredienti e friggendole poi in olio d’oliva. Appena pronti il ragù e le polpettine fate scottare le sfoglie in acqua bollente, lasciatele asciugare.
Preriscaldate il forno a 200 gradi. Disponete quindi un primo strato di sfoglia sulla teglia farcendolo con il ragù, un secondo con la ricotta, un terzo con il ragù, un quarto con le polpettine e a seguire il fior di latte tagliato a pezzi, le uova sode e le salsicce tagliate a pezzettini.

Formate al massimo 5-6 strati. Fate cuocere in forno a 180 gradi per 20 minuti, quindi alzate la fiamma a 200. Se volete una crosticina, accendete il grill negli ultimi 2-3 minuti di cottura. Lasciate raffreddare per qualche minuto, quindi servite in tavola.

- Pubblicità -

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Angela Capuano
Angela Capuanohttps://www.cilentoreporter.it/
Il mio piacere è cucinare. Credetemi non è solo un hobby ma uno stile di vita. Le mie pietanze rispecchiano quella che è la mia terra: il Cilento, fonte del mio essere e della mia quotidianità. Vi proporrò le ricette tradizionali e non, alle volte con delle piccole varianti o accorgimenti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Croccante alle mandorle. Il torrone di Natale nel Cilento

0
Esistono dolci buonissimi tanto da essere definiti dei veri e proprio “peccati di gola” e...

Pasta & Patate “azzeccata”. Ecco la mia ricetta, diversa ma squisita

0
La storia della Pasta e Patate  viene da molto lontano. Siamo nella  Napoli del XVII...

I profumi del Cilento, con le Melanzane a barchetta

0
I profumi delle cucine cilentane sono sempre state un ottimo viatico per chi come me...

Lasagna al forno con i carciofi del Cilento

0
Girando in questi giorni, l’occhio è caduto sulle bancarelle dei mercati ortofrutticoli, e ho potuto...

Tortano rustico n’zogna e pepe

0
Trattandosi di una ricetta profondamente legata alla tradizione familiare e contadina, del Tortano esistono tantissime versioni...

Pastiera dolce di maccheroni “cilentana”

0
E’ molto simile alla frittata di maccheroni che si usava preparar il giorno dopo quando,...

Articoli correlati

Croccante alle mandorle. Il torrone di Natale nel Cilento

0
Esistono dolci buonissimi tanto da essere definiti dei veri e proprio “peccati di gola” e...

Pasta & Patate “azzeccata”. Ecco la mia ricetta, diversa ma squisita

0
La storia della Pasta e Patate  viene da molto lontano. Siamo nella  Napoli del XVII...

I profumi del Cilento, con le Melanzane a barchetta

0
I profumi delle cucine cilentane sono sempre state un ottimo viatico per chi come me...

Lasagna al forno con i carciofi del Cilento

0
Girando in questi giorni, l’occhio è caduto sulle bancarelle dei mercati ortofrutticoli, e ho potuto...

Tortano rustico n’zogna e pepe

0
Trattandosi di una ricetta profondamente legata alla tradizione familiare e contadina, del Tortano esistono tantissime versioni...

Pastiera dolce di maccheroni “cilentana”

0
E’ molto simile alla frittata di maccheroni che si usava preparar il giorno dopo quando,...

Altri dall'Autore

Croccante alle mandorle. Il torrone di Natale nel Cilento

0
Esistono dolci buonissimi tanto da essere definiti dei veri e proprio “peccati di gola” e...

Ecco perché la tradizione vieta severamente di mettere il pane capovolto.

0
I nostri nonni erano categorici: non si deve mai mettere il pane sotto sopra a tavola perché porterebbe sfortuna...

Pasta & Patate “azzeccata”. Ecco la mia ricetta, diversa ma squisita

0
La storia della Pasta e Patate  viene da molto lontano. Siamo nella  Napoli del XVII...

I profumi del Cilento, con le Melanzane a barchetta

0
I profumi delle cucine cilentane sono sempre state un ottimo viatico per chi come me...

Lasagna al forno con i carciofi del Cilento

0
Girando in questi giorni, l’occhio è caduto sulle bancarelle dei mercati ortofrutticoli, e ho potuto...

Anche nel Cilento è il periodo di sua maestà la ciliegia

0
Chi di noi, da bambini, ma anche più avanti con l’età, non si è arrampicato...
- Pubblicità -

Devi leggere

29 Maggio. Riapre al culto il Santuario del Sacro Monte Gelbison

Il Santuario della Madonna del Sacro Monte di Novi Velia riaprirà il 29 maggio p.v., ultima domenica del mese.  Il Santuario di Maria ritornerà a essere aperto...

Seconda metà di maggio: caldo estivo, sempre più forte

L’estate inizia, pian piano, a scaldare i motori, tanto che la seconda parte del mese di maggio ora rischia di essere dominata dal ritorno dell’opprimente...

Il Consorzio ricotta di bufala Campana Dop sceglie la continuità. Benito La Vecchia confermato Presidente: “pronti a crescere ancora”

Il Consorzio di Tutela della Ricotta di Bufala Campana Dop sceglie la continuità: Benito La Vecchia è stato rieletto presidente e inizia così il suo terzo mandato...
- Pubblicità -

Devi leggere

EU Agrifood Week: nel Cilento e non solo, dieci giorni di iniziative per celebrare la biodiversità

Nella Giornata Mondiale della Biodiversità il Paideia Campus festeggia il primo anno di attività a Pollica, nel cuore del Cilento. Per l’occasione Future Food Institute, in...

Ricerca di Unisa sul territorio della Comunità Montana Alento-Monte Stella

Nella mattina di lunedì 16 maggio,  all'Università degli Studi di Salerno, i professori Massimiliano Bencardino e Alfonso Conte, tra i docenti responsabili del corso...

Festival Nazionale della Dieta Mediterranea. Al Mipaaf l’evento di lancio

Mercoledì 18 maggio alle ore 11, nella sala Cavour del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, in via XX Settembre 20 a Roma, si terrà la conferenza...