sabato 10 Aprile 2021
sabato 10 Aprile 2021
15.5 C
Sessa Cilento
Prima PaginaMagazineMagazine“Il commissario Ricciardi.” Quel sottile ma forte legame con il Cilento

“Il commissario Ricciardi.” Quel sottile ma forte legame con il Cilento

Devi leggere

Un’inno al Cilento, declamato più volte in quella che è la fiction del momento “Il Commissario Ricciardi” nato dalla penna del prolifico scrittore napoletano Maurizio de Giovanni, romanziere, saggista, sceneggiatore e drammaturgo, che ha dato vita anche ad altri grandi personaggi, ma che a questo in particolare ha legato il suo esordio, la sua passione per il giallo unito al noir. Al trentenne commissario di polizia, di nobili origini ma impiegato, senza alcun interesse per la posizione sociale e la carriera, presso la Squadra mobile della Regia Questura di Napoli, nel pieno regime fascista degli anni Trenta, l’autore ha dedicato una serie di romanzi.

La peculiarità del personaggio di Ricciardi, nato nel Cilento nel 1900 dai baroni di Malomonte e rimasto orfano fin da ragazzo, accudito dalla sua tata Rosa,  cilentana di origini anch’ella, pronta a preparagli gustosi piatti della nostra tradizione culinaria dalla ciambotta alla zuppa di ceci fino alla pastiera, un anima introversa e malinconica,  un uomo silenzioso e misterioso,  come nel suo “dono”, in realtà una condanna, ossia ciò che lui definisce il Fatto: “Ricciardi  – scrive De Giovanni – vedeva i morti. Non tutti e non a lungo: solo quelli morti violentemente, e per un periodo di tempo che rifletteva l’estrema emozione, l’energia improvvisa dell’ultimo pensiero.”

Ed è proprio nel Cilento, in cui De Giovanni, ha  fatto nascere il “Commissario Ricciardi”, precisamente a Fortino, una piccolissima frazione di Casaletto Spartano, una collina a ridosso di Villammare. E’ il luogo dove ho maturato la mia passione per la pallanuoto, i primi amori e fatto le mie prime amicizie,  – commentava De Giovanni qualche anno fa in un’intervista ad Antonietta Nicodemo di 105TV – ed alle quali sono legato ancora oggi” . Il noto scrittore napoletano è dall’età di nove anni che frequenta la costiera cilentana. Nel ’67 i genitori acquistarono  una delle villette sul litorale di Villammare.  “ Allora  – ricorda – era un vero e proprio viaggio quello che affrontavamo per raggiungerla.

Leggi anche:   Qual è la storia che si cela dietro il logo della Salernitana?

L’autostrada terminava a Battipaglia, da quel punto in poi iniziava un interminabile  percorso tra i paesi interni. Un tour tra diversi profumi che ricordo con nostalgia. D’inverno, in particolare, era inteso l’odore della terra bagnata dalla pioggia e della legna che bruciava nei camini. Le vacanze di Natale, Pasqua e quelle estive le trascorrevo con i miei genitori tutte in quella villetta, che resta per me l’unica vera casa. E’ uno scrigno di ricordi, la culla della mia vita e anche dei miei figli. Anche loro sono legatissimi a questa terra, pure oggi che sono cresciuti e dei professionisti. I miei impegni non mi consentono di raggiungerlo spesso ma d’estate almeno una settimana mi rifugio a Villammare “- conclude . La nostra è una terra bellissima  ma da troppo tempo umiliata e insultata e credo che ci sia bisogno anche di “atti”, come lo scriverne, anche solo accennando al Cilento,  per far nascere la voglia, in colui che legge o assiste, di venire ad assaporare “fette” di questa terra.

Leggi anche:   Sessa Cilento - Omignano - Santuario di Santa Maria del Monte della Stella

© Riproduzione Riservata

Alessandro Giordano
Alessandro Giordano
Dal Marzo 2015 racconto la nostra terra, il Cilento, mostrandola con gli occhi di chi la ama, la vive e vuole contribuire a farla apprezzare di più ai turisti e ai Cilentani stessi. La Storia, i Personaggi, la Cultura, le Tradizioni e le Contraddizioni, il patrimonio artistico, gli eventi e le iniziative in programma che ritengo più interessanti segnalare, i musei, le attrazioni e le proposte per i turisti, il cibo ed i prodotti del territorio sono i temi principali dei miei articoli.
-Pubblictà-
vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
- Pubblicità -

Ultimi Articoli

“Tata Rosa”, in fondo al cuore del Cilento

Da fonti certe, sappiamo che il personaggio interpretato da Lino Guanciale ha guadagnato ed ottenuto una seconda stagione. Difatti, come riporta il...
-Pubblictà-

Articoli correlati

Dello stesso autore

- Pubblicità -