sabato 27 Novembre 2021
8.8 C
Sessa Cilento
sabato 27 Novembre 2021
Prima PaginaMagazine“Il commissario Ricciardi.” Quel sottile ma forte legame con il Cilento

“Il commissario Ricciardi.” Quel sottile ma forte legame con il Cilento

Tempo di lettura 3Minuti

- Pubblicità -

Un’inno al Cilento, declamato più volte in quella che è la fiction del momento “Il Commissario Ricciardi” nato dalla penna del prolifico scrittore napoletano Maurizio de Giovanni, romanziere, saggista, sceneggiatore e drammaturgo, che ha dato vita anche ad altri grandi personaggi, ma che a questo in particolare ha legato il suo esordio, la sua passione per il giallo unito al noir. Al trentenne commissario di polizia, di nobili origini ma impiegato, senza alcun interesse per la posizione sociale e la carriera, presso la Squadra mobile della Regia Questura di Napoli, nel pieno regime fascista degli anni Trenta, l’autore ha dedicato una serie di romanzi.

La peculiarità del personaggio di Ricciardi, nato nel Cilento nel 1900 dai baroni di Malomonte e rimasto orfano fin da ragazzo, accudito dalla sua tata Rosa,  cilentana di origini anch’ella, pronta a preparagli gustosi piatti della nostra tradizione culinaria dalla ciambotta alla zuppa di ceci fino alla pastiera, un anima introversa e malinconica,  un uomo silenzioso e misterioso,  come nel suo “dono”, in realtà una condanna, ossia ciò che lui definisce il Fatto: “Ricciardi  – scrive De Giovanni – vedeva i morti. Non tutti e non a lungo: solo quelli morti violentemente, e per un periodo di tempo che rifletteva l’estrema emozione, l’energia improvvisa dell’ultimo pensiero.”

Ed è proprio nel Cilento, in cui De Giovanni, ha  fatto nascere il “Commissario Ricciardi”, precisamente a Fortino, una piccolissima frazione di Casaletto Spartano, una collina a ridosso di Villammare. E’ il luogo dove ho maturato la mia passione per la pallanuoto, i primi amori e fatto le mie prime amicizie,  – commentava De Giovanni qualche anno fa in un’intervista ad Antonietta Nicodemo di 105TV – ed alle quali sono legato ancora oggi” . Il noto scrittore napoletano è dall’età di nove anni che frequenta la costiera cilentana. Nel ’67 i genitori acquistarono  una delle villette sul litorale di Villammare.  “ Allora  – ricorda – era un vero e proprio viaggio quello che affrontavamo per raggiungerla.

Leggi anche:   Daniela Ferolla, Un attimo di respiro: "è quello che serve per riconciliarci con noi stessi attraverso la natura"

L’autostrada terminava a Battipaglia, da quel punto in poi iniziava un interminabile  percorso tra i paesi interni. Un tour tra diversi profumi che ricordo con nostalgia. D’inverno, in particolare, era inteso l’odore della terra bagnata dalla pioggia e della legna che bruciava nei camini. Le vacanze di Natale, Pasqua e quelle estive le trascorrevo con i miei genitori tutte in quella villetta, che resta per me l’unica vera casa. E’ uno scrigno di ricordi, la culla della mia vita e anche dei miei figli. Anche loro sono legatissimi a questa terra, pure oggi che sono cresciuti e dei professionisti. I miei impegni non mi consentono di raggiungerlo spesso ma d’estate almeno una settimana mi rifugio a Villammare “- conclude . La nostra è una terra bellissima  ma da troppo tempo umiliata e insultata e credo che ci sia bisogno anche di “atti”, come lo scriverne, anche solo accennando al Cilento,  per far nascere la voglia, in colui che legge o assiste, di venire ad assaporare “fette” di questa terra.

- Pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

© Riproduzione Riservata

Alessandro Giordano
Dal Marzo 2015 racconto la nostra terra, il Cilento, mostrandola con gli occhi di chi la ama, la vive e vuole contribuire a farla apprezzare di più ai turisti e ai Cilentani stessi. La Storia, i Personaggi, la Cultura, le Tradizioni e le Contraddizioni, il patrimonio artistico, gli eventi e le iniziative in programma che ritengo più interessanti segnalare, i musei, le attrazioni e le proposte per i turisti, il cibo ed i prodotti del territorio sono i temi principali dei miei articoli.
spot_img

Devi leggere

I Marunnari del Monte Cervati. Riconoscimento come elementi Culturali immateriali

Riportiamo l'articolo, redatto dal giornalista Lorenzo Peluso (qui l'originale),  del riconoscimento come Elemento Immateriale della Campania de i “Marunnari del Monte Cervati” -   “Un...
Pubblicità

Altre Notizie

Time Line

L’associazione BookCrossing “Camerota” allestisce un’installazione temporanea contro la violenza di genere

0
Fino al 28 novembre 2021, in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, l’ associazione BookCrossing "Camerota" sarà presente a Marina di Camerota,...

Guida Michelin 2022. Tanta Campania e un pizzico di Cilento

0
L’insegna dell’inventiva e della qualità, la gastronomia italiana è sempre pronta a rinnovarsi, tra idee originali, grandi firme e – talvolta – anche un...

Molteplici le iniziative nel Cilento, per ribadire il No alla violenza...

0
In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulla donna, ancora una volta si è manifestata,  nel nostro Cilento, una diffusa consapevolezza dell’importanza ...

Stop violenza sulle donne. Un piccolo angolo a San Giovanni Cilento

0
Uno spazio decorato sul quale fa bella mostra di se una panchina rossa, simbolo del posto occupato nel mondo da una donna che non c’è...

Il Vangelo secondo Diego, teologi e giornalisti in campo. Presentazione a...

0
Si presenta venerdì 26 novembre 2021 (ore 17:00) presso la Fondazione “Mezzogiorno Europa” a Palazzo Reale di Napoli , Il Vangelo secondo Diego, volume edito dalla Colonnese,...

Giovedì 25 Novembre: Almanacco, Accadde Oggi, Santo del giorno

0
Il Santo di Oggi: Santa Caterina di Alessandria Santa Caterina, secondo la tradizione vergine e martire ad Alessandria, ricolma di acuto ingegno, sapienza e forza d’animo....