venerdì 7 Maggio 2021
20.2 C
Sessa Cilento
venerdì 7 Maggio 2021
Prima PaginaAccademia della VrennaL' "Azzerpulùto" nel dialetto del Cilento

L’ “Azzerpulùto” nel dialetto del Cilento

Azzerpulùto: aggettivo del dialetto cilentano, o anche avverbio di modo, che si potrebbe ipotizzare traducibile come participio passato del verbo “asserpolarsi”.
Nello specifico contesto cilentano, “azzerpulùto” è soprattutto colui che assuma fisicamente una posizione che lo protegga dai rigori del freddo e che contragga le membra, le spalle, e il corpo in genere, o che provi, contraendosi, a rifugiarsi del tutto in un cappotto o nell’abbigliamento inidoneo, nel tentativo di limitare la esposizione all’aria gelida (Esempi: “Scuntài a Zi Pèppo tutto azzerpulùto indo u cippappà ca se ‘nge chiatràva”).


Per estensione, indica una persona che nell’aspetto paia aver conservato la stessa contrazione che si usi per proteggersi dal freddo anche quando non ne faccia. “Azzerpulùto”, quindi, è lo smilzo, il gracile, o anche una persona dimessa, umile, talmente discreta da proiettare anche nel fisico un’attitudine a serrarsi, a farsi piccolo, onde passare inosservato.
Per quanto riguarda l’etimo, potrebbe essere la stessa dell’italiano “asserpolarsi”, ossia “attorcigliarsi, avvolgersi come una serpe” (dal latino serpŭla ‘piccola serpe, biscia’, col prefisso a-).


Nel “Fu Mattia Pascal”, Pirandello usa “asserpolarsi” in questo contesto: ” … presso l’uscio della mia camera, trovai quasi asserpolato su un baule un giovane smilzo” ( … “nnànti la bùssola r’a càmera mia truvài mièzzo azzerpulùto nu uàglione sicco sìcco”).
Nell’indagine dentro la parola si può anche dedurre una derivazione da “zirpuli”, i puntini da pelle d’oca che compaiono sulla pelle o per freddo o per brividi di paura.

©Riproduzione Riservata

Lascia un commento

- Pubblicità -

Devi leggere

Il Codacons Cilento chiede chiarimenti su un progetto, da sette milioni di euro, presentato nell’area archeologica di Elea – Velia

Il Codacons Cilento scrive al Ministro dei Beni Culturali e al direttore del Parco Archeologico di Paestum – Velia per chiarimenti su un progetto...
Lavoro a Sessa Cilento, Lavoro in Campania

“My Age” è il nuovo videoclip nato dalla collaborazione fra i cantautori Walter Di Bello & A Smile From Godzilla

Dopo un’anteprima in esclusiva su Tuttorock esce su Youtube il video ufficiale di “My age”, il nuovo singolo composto dal cantautore Walter Di Bello in collaborazione con A...

Campania: controlli per la prevenzione degli incendi boschivi, sequestrati 87 kg di asparago selvatico.

Circa 400 controlli, ben 87 kg di asparagi sequestrati e 42 sanzioni elevate per circa 16.000 euro: questi sono i numeri della campagna di...

Tra sole e nubi, il meteo nel primo weekend di Maggio

Il mese di maggio continua ad essere governato da un pattern tipico della stagione tardo primaverile, con l’anticiclone delle Azzorre che prova a distendersi...

La Tesi sul territorio. “Governance turistica delle aree protette: il caso del Parco Nazionale del Cilento”

Il turismo contemporaneo è sempre più un fenomeno sistemico sia nelle relazioni tra gli attori che compongono le sue filiere sia nei rapporti che...

Ruggero Cappuccio: “Negli ultimi 50 anni la politica ha avuto molto poco a cuore le sorti della cultura e delle arti”

"I Germania i fondi per la cultura raggiungono i 30 miliardi di euro, in Italia sono solo sei. Tutto questo ci dice una cosa...

Articoli correlati

Nel dialetto cilentano, il “mòccio”

Mòccio: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non si rinviene un vocabolo che in lingua italiana assuma perfettamente lo stesso significato dell'uso dialettale. Nel dialetto...

Quando nel Cilento si tiene “il muso”

"Ammussàta": aggettivo femminile singolare del dialetto cilentano (dal participio passato di "ammussare") . Qui lo decliniamo al femminile in aderenza ad un uso del...

Il “Tócco” cilentano

Tócco: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non è traducibile con una trasposizione letterale in lingua italiana, almeno nel significato con il quale è...

“Sa’cchè”, locuzione in uso nel dialetto del Cilento

Sa'cchè: locuzione assumibile in una sorta di avverbio interrogativo in uso nel dialetto cilentano. La sua traduzione letterale dovrebbe essere "sai cosa?", o "sai...

Dello stesso autore

Nel dialetto cilentano, il “mòccio”

Mòccio: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non si rinviene un vocabolo che in lingua italiana assuma perfettamente lo stesso significato dell'uso dialettale. Nel dialetto...

L’ “Azzerpulùto” nel dialetto del Cilento

Azzerpulùto: aggettivo del dialetto cilentano, o anche avverbio di modo, che si potrebbe ipotizzare traducibile come participio passato del verbo "asserpolarsi". Nello specifico contesto cilentano,...

Quando nel Cilento si tiene “il muso”

"Ammussàta": aggettivo femminile singolare del dialetto cilentano (dal participio passato di "ammussare") . Qui lo decliniamo al femminile in aderenza ad un uso del...

Il “Tócco” cilentano

Tócco: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non è traducibile con una trasposizione letterale in lingua italiana, almeno nel significato con il quale è...
Potrebbe interessarti