8.8 C
Sessa Cilento
domenica, 25 Febbraio 2024
Prima PaginaAccademia della VrennaL' "Azzerpulùto" nel dialetto del Cilento

L’ “Azzerpulùto” nel dialetto del Cilento

Azzerpulùto: aggettivo del dialetto cilentano, o anche avverbio di modo, che si potrebbe ipotizzare traducibile come participio passato del verbo “asserpolarsi”.
Nello specifico contesto cilentano, “azzerpulùto” è soprattutto colui che assuma fisicamente una posizione che lo protegga dai rigori del freddo e che contragga le membra, le spalle, e il corpo in genere, o che provi, contraendosi, a rifugiarsi del tutto in un cappotto o nell’abbigliamento inidoneo, nel tentativo di limitare la esposizione all’aria gelida (Esempi: “Scuntài a Zi Pèppo tutto azzerpulùto indo u cippappà ca se ‘nge chiatràva”).


Per estensione, indica una persona che nell’aspetto paia aver conservato la stessa contrazione che si usi per proteggersi dal freddo anche quando non ne faccia. “Azzerpulùto”, quindi, è lo smilzo, il gracile, o anche una persona dimessa, umile, talmente discreta da proiettare anche nel fisico un’attitudine a serrarsi, a farsi piccolo, onde passare inosservato.
Per quanto riguarda l’etimo, potrebbe essere la stessa dell’italiano “asserpolarsi”, ossia “attorcigliarsi, avvolgersi come una serpe” (dal latino serpŭla ‘piccola serpe, biscia’, col prefisso a-).


Nel “Fu Mattia Pascal”, Pirandello usa “asserpolarsi” in questo contesto: ” … presso l’uscio della mia camera, trovai quasi asserpolato su un baule un giovane smilzo” ( … “nnànti la bùssola r’a càmera mia truvài mièzzo azzerpulùto nu uàglione sicco sìcco”).
Nell’indagine dentro la parola si può anche dedurre una derivazione da “zirpuli”, i puntini da pelle d’oca che compaiono sulla pelle o per freddo o per brividi di paura.

© Diritti Riservati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Il Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana Dop punta sull’export e moltiplica le iniziative di promozione all’estero. Dalla Francia al Giappone, la Bufala Campana guarda sempre più ai mercati stranieri,
In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
La cittadina più anziana di Sessa Cilento si è spenta oggi (20 Febbraio)  all’età di 103 anni. Si chiamava Teresina La Greca , residente nell’antico piccolo borgo di Valle Cilento.

Articoli correlati

Mòccio: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non si rinviene un vocabolo che in lingua italiana assuma perfettamente lo stesso significato dell'uso dialettale. Nel dialetto...
"Ammussàta": aggettivo femminile singolare del dialetto cilentano (dal participio passato di "ammussare") . Qui lo decliniamo al femminile in aderenza ad un uso del...
Tócco: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non è traducibile con una trasposizione letterale in lingua italiana, almeno nel significato con il quale è...

Dallo stesso Autore

Mòccio: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non si rinviene un vocabolo che in lingua italiana assuma perfettamente lo stesso significato dell'uso dialettale. Nel dialetto...
"Ammussàta": aggettivo femminile singolare del dialetto cilentano (dal participio passato di "ammussare") . Qui lo decliniamo al femminile in aderenza ad un uso del...
Tócco: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non è traducibile con una trasposizione letterale in lingua italiana, almeno nel significato con il quale è...