sabato 25 Settembre 2021
24.7 C
Sessa Cilento
sabato 25 Settembre 2021

Il “Tócco” cilentano

-Pubblictà-

Tócco: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non è traducibile con una trasposizione letterale in lingua italiana, almeno nel significato con il quale è utilizzato.
“Tócco” è una condizione umana degenerata a causa di un colpo improvviso, anzi fulmineo, provocato da una notizia o dalla presa d’atto di una situazione inattesa e tale da provocare immediatamente una alterazione delle funzioni cerebrali e motorie, una paralisi insomma, che blocca la lingua e induce ad una condizione di catalessi.

In termini medici, potrebbe indicare una “apoplessi”. Si usa in espressioni del tipo “Quànno sapètte ca la muglière aspèttava tre gemelli, re venètte nu tócco!”, associato ai verbi, in forma riflessiva, “venè”, “piglià”.




In vero, in un vecchio documento d’archivio, mi par ricordare che il redattore avesse scritto che un tale era “morto di tócco”, il che fa pensare che il vocabolo comprendesse anche alterazioni di intensità letale (da “rimanerci” insomma) e non solo momentanee.

Per quanto riguarda l’etimo, credo sia d’obbligo indagare nel verbo “toccàre” e nei suoi vari significati. Vero che il toscano conosce il termine “tócco” che è, però, aggettivo col significato di “tonto” o “stupido” e indica una qualità permanente della persona. Nella parlata cilentana, invece, “tócco” è sostantivo e si riferisce ad una condizione di salute “toccata” e, quindi, mutata, alterata, e caratterizzata dalla fulmineità dell’apparire, inatteso e devastante.



Secondo una soggettiva opinione (del tutto personale), la parola penso che sia stata associata al tocco di campana per la sua capacità di incidere, con la forza e la violenza di una vibrazione sonora e deflagrante, del tutto inattesa, su uno stato d’animo fino a turbarlo, o provocare un “exitus”, con una forza contigua a un destino.

© Riproduzione Riservata

spot_img
spot_img

Devi leggere

“Cicadidae” a Roscigno Vecchia, un laboratorio di teatrodanza condotto da Carlo Roselli

Corpo, improvvisazione, scrittura di scena, voce, parola, azione/ritmo, spazio/ambiente, musica/rumore, drammaturgia del suono e del movimento sono i principi di analisi di “Cicadidae”, workshop...
Pubblicità

Notizie Correlate

Altre Notizie

Dello stesso autore

“Cicadidae” a Roscigno Vecchia, un laboratorio di teatrodanza condotto da Carlo...

0
Corpo, improvvisazione, scrittura di scena, voce, parola, azione/ritmo, spazio/ambiente, musica/rumore, drammaturgia del suono e del movimento sono i principi di analisi di “Cicadidae”, workshop...

Giornate Europee del Patrimonio Musei e Parchi Archeologici aperti a Salerno...

0
Le Giornate Europee del Patrimonio (European Heritage Days) costituiscono il più partecipato degli eventi culturali in Europa, promosso dal 1991 dal Consiglio d’Europa e...

Mozzarella Dop, ricerca di Nomisma per il Consorzio di Tutela: ecco...

0
Ha un titolo di studio elevato, un reddito medio-alto, figli minori di 12 anni, ama viaggiare, è stato in Italia almeno una volta e...

Sessa Cilento al voto. Le elezioni “corrono” sui Social

0
E’ partita la campagna elettorale che ci porterà alle elezioni di Ottobre 2021 e come al solito vengono sparate roboanti promesse, sperando di conquistare...

Video | De Luca: “massimo rigore da parte dei Comuni nell’uso...

0
“C’è una emergenza e, quindi, abbiamo aperto questo capitolo per affrontare con il massimo di rigore e dare una stretta all’uso dei monopattini che è...

Il “mestiere” di Sindaco in un borgo del Cilento. Luigi Guerra

0
Durante il lockdown i video dei sindaci italiani arrabbiati con i propri cittadini hanno fatto il giro del mondo e trasformato alcuni di loro in popolari eroi...