martedì 19 Gennaio 2021
6.7 C
Sessa Cilento
Pubblicità
6.7 C
Sessa Cilento
martedì 19 Gennaio 2021
Pubblicità

“Sa’cchè”, locuzione in uso nel dialetto del Cilento

News

Nuova vita per il castello di Rocca Cilento. Aperta la ricerca di personale

Conto alla rovescia per l’apertura della nuova struttura nel castello Medievale di Rocca Cilento. La nuova struttura  ricettiva sarà...

Una tessere di un antico mosaico restituita al parco archeologico di Paestum

Sebbene poco se ne parli, il mercato nero delle opere d’arte è più vasto di quel che si pensi. Secondo l’ultimo bollettino del Comando...

Resort a “luci rosse” nel Cilento, la Fenait: “Non è naturismo”

Se ne è scritto nei giorni scorsi, tanto che la notizia è rimbalzata a livello nazionale, cosa gradita fintanto...

Sa’cchè: locuzione assumibile in una sorta di avverbio interrogativo in uso nel dialetto cilentano. La sua traduzione letterale dovrebbe essere “sai cosa?”, o “sai che c’è?”, ma dalla mera traslitterazione non si deducono la portata e le sfumature da cogliere nel discorso.

Si pone come anello intermedio in un discorso diretto. Il parlante in una prima fase espone una serie di situazioni, problemi, osservazioni, uno stato di fatto, negativo o positivo che sia, e poi, prima di tirare le somme, o proporre una soluzione, o esprimere una presa di posizione che tenga conto della premessa, usa far precedere la dichiarazione di sintesi finale da questo “sa’cchè?”, pronunciato con tono interrogativo ad anticipare, o avvertire o sottolineare all’interlocutore una sintesi, una reazione, una decisione che potrebbero annunciarsi come inattesi e arbitrari.

Vi si può leggere, latente, una sorta di introduzione a un decidere di netto, con effetto tranciante, tale quindi da richiedere una forma verbale di introduzione che leghi tesi, antitesi e sintesi in una sequenza logica e consequenziale che si giustifichi alla luce di una premessa già ben illustrata.

Il suo significato si può modulare ed estendere con un ” e adesso sai cosa ti dico a questo punto?”(Esempio: “Fulìppo ogn’anno sposta chìro mùro inda lu mmìo, e na vòta e ddòie e trè, se tròva mòa trasùto rui metri inda l’uorto mio … sa’cchè? mo’ lu piglio e lu fòtto ppè l’aria, a iddo cu tutto lu mùro!”).

© Riproduzione Riservata

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
- Advertisement -

Ultimi Articoli

Le storie della tradizione nel Cilento. Il pane con i “ciccioli”

Nelle campagne cilentane e nei forni di un tempo, fino a qualche decennio fa, il pane veniva cotto a...

Articoli correlati

- Advertisement -