sabato 21 Maggio 2022
21.1 C
Sessa Cilento
- Pubblicità -
HomeMagazineAmbienteI "giganti" silenziosi del Monte della Stella

I “giganti” silenziosi del Monte della Stella

- Pubblicità -

Può sembrare scontato cogliere le caratteristiche di un personaggio, grazie alle foto e domande che si possono fare con un’intervista. Diverso è dover raccontare una foresta, cercando di ascoltare i suoi grandi alberi, che da secoli stanno nel silenzio. Creature di quattro, cinque o sei secoli di vita, che si ergono indisturbati in un anfratto del Monte della Stella, poco lontano dal borgo  di Omignano. Uno scampolo di  terra aspra, dove la vita ha ancora il profumo autentico della natura, e gli unici uomini, cacciatori o raccoglitori, sono solo di passaggio. Protagonisti sono castagni millenari che troneggiano in quella che appare come un’Itaca selvaggia, dove l’antico paesaggio resiste alla modernità. Qui l’unica tutela è messa in pratica dalla natura stessa, coi suoi ritmi. Un bosco che non viene segnalato neppure dalle cartine geografiche o turistiche, solo da una tabella in legno, posta nelle prossimità della dimora di questi “giganti” silenziosi. Una dimenticanza umana che, forse, ha permesso il mantenimento di questo piccolo miracolo naturale. I colossi arborei sembrano nascondersi alla vista, mascherati da quei massicci che svettano sull’azzurro del cielo ; Bisogna cercarli, perdendosi per poi ritrovarsi come spesso accade nella fatalità della bellezza.

So di essere ripetitivo ma l’amore spasmodico per il Cilento mi invita a condividere con Voi queste Meraviglie, che hanno il loro habitat naturale alle pendici del Monte della Stella,  fra i Comuni di Omignano e Sessa Cilento, castagni millenari dalle dimensioni sorprendenti. Essi, si presume, siano stati collocati tra i sec. IX e X e fanno parte di una fitta piantagione longobarda. Il più grande ha una circonferenza di 18,50 metri, mentre il secondo è leggermente più piccolo con una circonferenza di 12,50 metri. L’altezza, in alcuni casi, supera gli 8 metri. Di alberi secolari ne ho visti  alcuni, ma mai tanti e tutti così riuniti,  bisogna vederli per capire! Quassù il turismo è arrivato ed arriva sporadicamente , così sono pochi coloro che possono bearsi di tanta meraviglia.  Chi  si spinge nel vecchio bosco, è solo per raccogliere qualche porcino. Qui la fantasia spazia dalla foresta di Sherwood, alla dantesca Selva Oscura, fino alle antiche foreste californiane di sequoie.

Qui le acque che per anni hanno dissetato i popoli della collina e delle valli, sgorgano e scorrono indisturbate. La suggestione si stempra coi ricordi di chi parla di questi castagni come parte vitale della loro vita: “Questi giganti – mi racconta l’amico Pasquale – sono stati la riserva naturale per  intere generazioni che si sono sfamate con i loro frutti e riscaldate con i loro rami secchi, in tempi di carestia, venivamo quassù per dissotterrare le scorte di castagne che avevamo raccolto la stagione precedente, interrandole in buche ricoperte di foglie.” Il senso di stupore è quasi infantile nel sentire il legame di quest’uomo con questi castagni. Basta così trovarsi tra le nodose radici per sperimentare antiche emozioni. Gli alberi più vecchi mostrano squarci lungo il tronco dal quale entrandovi dentro, puoi gettare lo sguardo fino all’apice della chioma. Alcuni sono anneriti dal fumo, antico anche questo, dei fuochi accesi al loro interno dai pastori che un tempo cercavano riparo. Come in un museo ci si sposta da una scultura all’altra, ma in uno spazio aperto. Ognuno con la sua forma, forza e slancio: “I più vecchi sfiorano i cinque, sei secoli di storia”. Stanno nel fitto del bosco, lungo il sentiero e fin sulle scarpate.

Leggi anche:   Nuovo splendore per Palazzo Altomare, grazie all’associazione Pro-Valle Cilento
- Pubblicità -

Il castagno è così: è coraggioso! E’ un temerario. Si piega, ma non si spezza, e quando cade è solo perché ha davvero concluso il suo ciclo vitale. Ma poi può seminare polloni basali e si rigenera. “Vedete quello sfregio lungo il tronco? E’ la ferita lasciata da un fulmine, che ha reciso un grosso ramo prima di scaricarsi a terra…”- mi dice. I fulmini non perdonano e queste piante lo sanno bene: “Quando arriva il temporale, quassù, si scatena una guerra primordiale di forze tra cielo e terra da cui è bene starsene lontani”, ammonisce Pasquale. Il nostro viaggio ora continua in discesa, verso valle, con gli occhi ormai allenati a questa natura ingigantita. Ci fermiamo quando troviamo qualche tronco riverso a terra, il più delle volte abbattuto per fare legna da ardere da quei proprietari che si sentono più padroni che custodi. “La loro è stupidità!”  – sbotta Pasquale – mostrandomi ciò che resta di un grande castagno ridotto in pezzi. Ignorare la storia incarnata da questi alberi, significa soprattutto scordarsi ciò che la natura ci ha lasciato –  ripeto a me tesso.  Questi castagni, appartengono a tutti, e benché abbiano dei padroni, questi non dovrebbero scordarsi che il loro tempo è ben poca cosa se confrontato con quello che nutre creature verdi. Un albero monumentale, secondo la legge che oggi in Italia li protegge, è un vero e proprio monumento vivente, che si caratterizza per l’età, la dimensione, la forma singolare, la qualità estetica ed il valore storico-culturale. Oltre a ciò, sappiamo anche che è un essere intelligente: è un maestro silenzioso, testimone dello scorrere del tempo e della storia., non a  caso un  tempo si credeva che una divinità abitasse ogni albero e per ogni specie ce ne fosse una diversa. È fondamentale quindi preservare questo enorme patrimonio arboreo, tramandandolo alle generazioni future.

clic sulle foto per ingrandirle

-Pubblicità-



- Pubblicità -

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandro Giordano
Alessandro Giordano
Dal Marzo 2015 racconto la nostra terra, il Cilento, mostrandola con gli occhi di chi la ama, la vive e vuole contribuire a farla apprezzare di più ai turisti e ai Cilentani stessi. La Storia, i Personaggi, la Cultura, le Tradizioni e le Contraddizioni, il patrimonio artistico, gli eventi e le iniziative in programma che ritengo più interessanti segnalare, i musei, le attrazioni e le proposte per i turisti, il cibo ed i prodotti del territorio sono i temi principali dei miei articoli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

EU Agrifood Week: nel Cilento e non solo, dieci giorni di iniziative per celebrare la biodiversità

0
Nella Giornata Mondiale della Biodiversità il Paideia Campus festeggia il primo anno di attività a Pollica, nel...

Anche nel Cilento è il periodo di sua maestà la ciliegia

0
Chi di noi, da bambini, ma anche più avanti con l’età, non si è arrampicato...

Cumuli di Posidonia in spiaggia. Ecco perché sono importanti

0
Quanti di voi avranno calpestato sulle spiagge del Cilento viscidi o secchi "steli" di foglie...

Riprendiamoci la nostra vita, immergiamoci nelle meraviglie del Parco del Cilento

0
Si percepisce un vento di cambiamento. Forse non è ancora un vero e proprio vento:...

Mammiferi marini nel mare della costa del Cilento. Come comportarsi se avvistati ?

0
L’estate è prossima ed ormai, si spera, il Covid si sta lentamente allontanando, quindi in...

Ricordate le Lucciole? L’insetto che si illuminava per amore è stato spento dalla luce.

0
Quanti di noi, da bambini, nelle calde sere d’estate abbiamo giocato a rincorrerci per le...

Articoli correlati

EU Agrifood Week: nel Cilento e non solo, dieci giorni di iniziative per celebrare la biodiversità

0
Nella Giornata Mondiale della Biodiversità il Paideia Campus festeggia il primo anno di attività a Pollica, nel...

Anche nel Cilento è il periodo di sua maestà la ciliegia

0
Chi di noi, da bambini, ma anche più avanti con l’età, non si è arrampicato...

Cumuli di Posidonia in spiaggia. Ecco perché sono importanti

0
Quanti di voi avranno calpestato sulle spiagge del Cilento viscidi o secchi "steli" di foglie...

Riprendiamoci la nostra vita, immergiamoci nelle meraviglie del Parco del Cilento

0
Si percepisce un vento di cambiamento. Forse non è ancora un vero e proprio vento:...

Mammiferi marini nel mare della costa del Cilento. Come comportarsi se avvistati ?

0
L’estate è prossima ed ormai, si spera, il Covid si sta lentamente allontanando, quindi in...

Ricordate le Lucciole? L’insetto che si illuminava per amore è stato spento dalla luce.

0
Quanti di noi, da bambini, nelle calde sere d’estate abbiamo giocato a rincorrerci per le...

Altri dall'Autore

Stella Cilento verso le amministrative. “Caro Avvocato, la Tua strada inizia da qui!”

0
Quello delle Amministrative, è l'appuntamento più importante per i nostri territori, chiamati a scegliere i...

Sessa Cilento. Dopo lo stop pandemico torna la tradizionale processione

0
Dopo due anni di stop il 2022 ha visto il  ritorno dei pellegrini lungo le...

“Una libreria in un posto come il Cilento è come una piccola oasi nel deserto!”

0
Negli ultimi mesi, e forse anche anni, si è parlato spesso di librerie che chiudono.Vuoi...

Dal Cilento all’Ucraina. La Pasqua di Resurrezione ai tempi dell’odio

0
La consapevolezza che  la Pasqua di quest’anno avrebbe avuto un significato diverso rispetto al passato è arrivata...

Stella Cilento: si inaugura la “Casa della musica”

0
Il 26 Febbraio 2022, sarà un  giorno importante per la comunità di Stella Cilento: si...

Da Sessa Cilento al Festival di Sanremo. Ecco la Designer Teresa Massanova

0
Wedding Planner e Designer di successo, Teresa Massanova, per il quinto anno consecutivo, approda a Casa...
- Pubblicità -

Devi leggere

29 Maggio. Riapre al culto il Santuario del Sacro Monte Gelbison

Il Santuario della Madonna del Sacro Monte di Novi Velia riaprirà il 29 maggio p.v., ultima domenica del mese.  Il Santuario di Maria ritornerà a essere aperto...

Seconda metà di maggio: caldo estivo, sempre più forte

L’estate inizia, pian piano, a scaldare i motori, tanto che la seconda parte del mese di maggio ora rischia di essere dominata dal ritorno dell’opprimente...

Il Consorzio ricotta di bufala Campana Dop sceglie la continuità. Benito La Vecchia confermato Presidente: “pronti a crescere ancora”

Il Consorzio di Tutela della Ricotta di Bufala Campana Dop sceglie la continuità: Benito La Vecchia è stato rieletto presidente e inizia così il suo terzo mandato...
- Pubblicità -

Devi leggere

EU Agrifood Week: nel Cilento e non solo, dieci giorni di iniziative per celebrare la biodiversità

Nella Giornata Mondiale della Biodiversità il Paideia Campus festeggia il primo anno di attività a Pollica, nel cuore del Cilento. Per l’occasione Future Food Institute, in...

Ricerca di Unisa sul territorio della Comunità Montana Alento-Monte Stella

Nella mattina di lunedì 16 maggio,  all'Università degli Studi di Salerno, i professori Massimiliano Bencardino e Alfonso Conte, tra i docenti responsabili del corso...

Festival Nazionale della Dieta Mediterranea. Al Mipaaf l’evento di lancio

Mercoledì 18 maggio alle ore 11, nella sala Cavour del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, in via XX Settembre 20 a Roma, si terrà la conferenza...