martedì 19 Gennaio 2021
6.7 C
Sessa Cilento
Pubblicità
6.7 C
Sessa Cilento
martedì 19 Gennaio 2021
Pubblicità

Dal mare del Cilento: la ricetta del calamaro m’buttunato

News

Nuova vita per il castello di Rocca Cilento. Aperta la ricerca di personale

Conto alla rovescia per l’apertura della nuova struttura nel castello Medievale di Rocca Cilento. La nuova struttura  ricettiva sarà...

Una tessere di un antico mosaico restituita al parco archeologico di Paestum

Sebbene poco se ne parli, il mercato nero delle opere d’arte è più vasto di quel che si pensi. Secondo l’ultimo bollettino del Comando...

Resort a “luci rosse” nel Cilento, la Fenait: “Non è naturismo”

Se ne è scritto nei giorni scorsi, tanto che la notizia è rimbalzata a livello nazionale, cosa gradita fintanto...
Angela Martino
Angela Martinohttps://www.cilentoreporter.it/
Il mio piacere è cucinare. Credetemi non è solo un hobby ma uno stile di vita. Le mie pietanze rispecchiano quella che è la mia terra: il Cilento, fonte del mio essere e della mia quotidianità. Vi proporrò le ricette tradizionali e non, alle volte con delle piccole varianti o accorgimenti.

Nel periodo post o pre natalizio o comunque in questi giorni di festa, nella cucina del Cilento non può mancare un primo o un secondo piatto a base di pesce. Riuscire a cucinare bene il pesce è un’arte meno complicata di quanto si possa credere.

Per ottenere un risultato sicuro, infatti, è bene scegliere il tipo di cottura più adatta a ogni tipologia e rispettare le regole base, ma soprattutto scegliere sempre  o perlomeno quando si può prodotti freschi o se si è fortunati appena pescati.



Come fare per distinguere un calamaro fresco da uno decongelato? Avendo un nonno e poi un fratello pescatore mi hanno insegnato che: prima di tutto, bisogna osservare il suo colore: il calamaro deve avere un colore intenso e la parte bianca deve essere molto lucida e brillante. Poi si passa all’esame olfattivo: il calamaro fresco avrà un odore di salsedine e di alghe. Se non riscontrate queste caratteristiche, come diceva il buon Totò, desistete…

Oggi voglio scrivervi di una ricetta che è un evergreen della cucina, una portata sostanziosa adatta a tutte le stagioni in grado di soddisfare la nostra perenne voglia di estate.

Ingredienti per 2 persone

  • 2 calamari
  • 150 g di mollica di pane raffermo
  • 1/2 bicchiere di latte
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1/2 Cipolla
  • olive  snocciolate
  • capperi dissalati
  • prezzemolo tritato
  • aglio 2 spicchi
  • olio Dop Cilento
  • sale e pepe q.b.
  • pomodorini datterini

Preparazione



Prepariamo i calamari. Togliamo la pelle, stacchiamo i tentacoli e li separiamo dalle interiora, quindi cerchiamo la penna di cartilagine trasparente che si trova nel mantello e la estraiamo lentamente per non farla spezzare; stacchiamo, infine, le due pinne che nel calamaro, a differenza del totano, sono molto più grandi e arrivano fino alla metà del mantello.

Tagliamo a pezzi molto piccoli sia i tentacoli che le pinne laterali e le mettiamo in una padella dove abbiamo messo a soffriggere un aglio nell’olio di oliva extra vergine. Quando diventa roseo, a fuoco vivace, spruzziamo del vino bianco secco che facciamo sfumare e aggiungiamo i piselli che lasciamo cuocere per una decina di minuti.

A questo punto uniamo un po’ di pane raffermo con molta scorza che abbiamo fatto ammollare nel latte e regoliamo di sale e, se piace, di pepe. L’imbottitura è pronta: con l’aiuto di un cucchiaio riempiamo il calamaro pressando il composto ma senza esagerare (in fase di cottura, infatti, potrebbe letteralmente scoppiare)  e chiudiamo la bocca del mantello con uno spiedino.



Ora, nella stessa padella dove abbiamo preparato l’imbottitura, magari rinnovando l’olio, soffriggiamo la cipolla tagliata a pezzetti e la facciamo imbiondire, appoggiamo il calamaro quando il fuoco è vivo e lo giriamo un paio di volte per far formare una crosticina scura: a questo punto sfumiamo un altro po’ di vino bianco, abbassiamo  la fiamma e aggiungiamo un mezzo bicchiere di acqua per finire la cottura in 15-20 minuti, regolando nuovamente di sale.

Il calamaro ‘mbuttunato è pronto per essere tagliato a fette di circa un centimetro e però meglio farlo raffreddare per un paio di minuti prima di tagliare, così il ripieno non fuoriesce. Buon appetito!

© Riproduzione Riservata

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
- Advertisement -

Ultimi Articoli

Le storie della tradizione nel Cilento. Il pane con i “ciccioli”

Nelle campagne cilentane e nei forni di un tempo, fino a qualche decennio fa, il pane veniva cotto a...

Articoli correlati

- Advertisement -