8.9 C
Sessa Cilento
lunedì 5 Dicembre 2022
HomeRicette del CilentoSciusciello con asparagi del Cilento

Sciusciello con asparagi del Cilento

Viviamo in un’epoca in cui il consumismo imperversa ma al contempo si inizia a sperimentare un ritorno alle origini, una sorta di nostalgia per un passato che molti di noi non hanno nemmeno conosciuto. La cucina povera segna le nostre radici e ha ottenuto un nuovo riconoscimento, attraverso rivisitazioni in chiave moderna, anche da parte di chef stellati. Anche oggi, la cucina povera continua a mantenere il suo valore e rimane ancorata alle tradizioni tramandate dalle mamme/nonne, rivisitate in maniera “chic” dagli chef professionisti.

Il cibo “povero”, per quanto possa suonare paradossale, costituisce una ricchezza. Mangiare bene spendendo poco oggi è una conseguenza della crisi economica ma anche della filosofia che sta alla base dello street food, tendenza dilagante di questi ultimi anni. Solo parlando dell’Italia, da Nord a Sud, si conoscono moltissime realtà che esaltano i pasti della cucina tradizionale, di derivazione contadina, comunque da sempre considerati poveri.

La ricetta che oggi vi propongo, richiama molto da vicino le nostre tradizioni culinarie, i sapori di una volta, i sapori della nostra terra, accomunata al vivere semplice in contatto con la natura, asparagi e sciusciello, dove sembra che sciusciello, derivi da “Iuscellum” che significa brodo. Un brodo, appunto, che veniva preparato anche per essere gustato come primo piatto.

Ingredienti per 6 persone:

  • 500 gr. di asparagi selvatici
  • 200 gr. di formaggio caprino
  • 5 uova
  • olio extravergine di oliva DOP Cilento q.b.
  • pepe q.b.
  • sale q.b.
  • acqua ½ litro ca.
  • prezzemolo q.b.

Preparazione

Prendere solo la parte tenera degli asparagi, soffriggerli con l’olio per qualche minuto, aggiungere l’acqua e il sale. Nel frattempo in un piatto scuotere le uova con il formaggio e il prezzemolo tritato e quando l’acqua bolle aggiungere il tutto agli asparagi.

Cuocere altri 5-10 minuti, lasciar riposare qualche minuto e poi servire in tavola versando il tutto in una scodella con del pane casareccio.. Servire in tavola su fette di pane biscottato o meglio se raffermo.

Angela Capuano
Angela Capuanohttps://www.cilentoreporter.it/
Il mio piacere è cucinare. Credetemi non è solo un hobby ma uno stile di vita. Le mie pietanze rispecchiano quella che è la mia terra: il Cilento, fonte del mio essere e della mia quotidianità. Vi proporrò le ricette tradizionali e non, alle volte con delle piccole varianti o accorgimenti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Continue to the category

Devi leggere

Caprioli. L’accademia Nazionale Eleatica prosegue il percorso dedicato alla grande musica

Il mese di dicembre si aprirà con un evento unico in Italia: LUCIENNE RENAUDIN VARY, giovanissima trombettista francese, già una leggenda della musica internazionale,...

A Natale consuma campano. Ecco l’iniziativa di sensibilizzazione

Ai nastri di partenza la quindicesima edizione dell'iniziativa denominata "A Natale Consuma Campano" che, attraverso un comitato, si prefigge di sensibilizzare la cittadinanza al...
Contattaci su WhatsaApp

L’Ue detta regole sulla pizza napoletana: ecco quali resteranno fuori dai menù

L’Unione europea tutelerà la Pizza Napoletana Stg, mettendo al bando tutte le imitazioni del prodotto che non rispettano un disciplinare ad hoc. È stato...

Il mese di Dicembre porta piogge. Per il freddo ci sarà da aspettare.

Con l’arrivo di dicembre entra di scena l’inverno meteorologico, la stagione più amata da tutti gli appassionati meteo di freddo e neve. Prima di iniziare...

Campania: le novità del cambio orario invernale del gruppo FS

Oltre 9mila collegamenti al giorno in treno e circa 23mila corse in bus tra Italia ed Europa. Il Polo Passeggeri del Gruppo FS composto...

Dallo stesso Autore