5.6 C
Sessa Cilento
sabato, 2 Marzo 2024
Prima PaginaMagazineStoriePiaggine, una storia che racconta uomo e natura - Video

Piaggine, una storia che racconta uomo e natura – Video

Nell’inverno del 1971 la piccola comunità di Piaggine, scrive  Giuseppe Jepis Rivello, fu coinvolta in un ritrovamento molto suggestivo, unico nel suo genere. Un esemplare di aquila reale venne ritrovato vivo in una trappola per lupi da tre uomini. Dopo aver portato l’animale in paese, resero partecipi le autorità e l’intera comunità.  Giggina, così venne battezzata, fu subito curata, nutrita e accolta in una stanza del comune. Nei circa due mesi di permanenza tutti potevano farle visita. Piaggine visse un momento di popolarità senza precedenti. Lettere e telefonate da ogni parte d’italia, studenti che da Udine a Roma scrivevano ai colleghi piagginesi per chiedere quale fosse lo stato di salute di Giggina. I giornali si occuparono del caso e qualcuno manifestò anche l’interesse ad acquistare l’animale. L’amministrazione comunale dell’epoca, dopo giorni di discussione, decise di non vendere l’aquila ma di liberarla. Questa scelta di rispetto e di libertà per l’animale ma forse anche per tutta la montagna è scritta con il sorriso nell’aria di Piaggine.

La figlia del medico che curò l’aquila, continua Jepis,  sostiene che per lei la liberazione di Giggina ha rappresentato un insegnamento di vita “Ho imparato che siamo qui per rispettare quello che abbiamo la fortuna di avere intorno.” Pietro, giovane appassionato di fotografia, racconta a Jepis, che lui non ha mai creduto che nei dintorni di Piaggine ci fosse l’aquila fino a quando un giorno non le ha scattato una bellissima fotografia.

A raccontarla, oggi, un bellissimo documentario che si nutre di testimonianze dell’epoca, realizzato da Riccardo D’Arco e Giuseppe Jepis Rivello: il trailer rimanda al film che sarà proiettato nella sua versione integrale a Piaggine il prossimo 28 settembre (2019), promosso da ATC Ambito Territoriale Caccia delle Aree Contigue del Parco Nazionale Cilento, Vallo di Diano e Alburni in collaborazione con Istituto Gestione della Fauna, Cai Montano Antilia e Comune di Piaggine. “Ringraziamo la comunità di Piaggine per il rispetto per la montagna custodito nelle sue storie”, sottolineano gli autori.

Le notizie ed i video sono tratti dal sito : L’aquila e il cacciatore – Appunti del Documentario

© Diritti Riservati

Alessandro Giordano
Alessandro Giordano
Dal Marzo 2015 racconto la nostra terra, il Cilento, mostrandola con gli occhi di chi la ama, la vive e vuole contribuire a farla apprezzare di più ai turisti e ai Cilentani stessi. La Storia, i Personaggi, la Cultura, le Tradizioni e le Contraddizioni, il patrimonio artistico, gli eventi e le iniziative in programma che ritengo più interessanti segnalare, i musei, le attrazioni e le proposte per i turisti, il cibo ed i prodotti del territorio sono i temi principali dei miei articoli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Botta e risposta tra Orazio Schillaci e Vincenzo De Luca. A scatenare la scintilla sono stati i manifesti della Regione Campania in cui la premier Meloni veniva presa di mira e si attribuiva al Governo la chiusura dei pronto soccorso, giudicati dal ministro della Salute “falsa propaganda
Altri 3mila metri quadri di area museale aperti al pubblico. Con la benedizione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La Reggia di Caserta
Una maxi-treccia tricolore in onore del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che oggi ha inaugurato la nuova ala ovest della Reggia di Caserta.

Articoli correlati

Odio passare il fine settimana oziando. E’ una bugia che racconto a me stesso per fare una lunga escursione sulle spiagge cilentane che a...
Nelle campagne cilentane e nei forni di un tempo, fino a qualche decennio fa, il pane veniva cotto a legna, struttura  priva di qualsiasi...
La storia che vi apprestate a leggere,  non esce da una bella penna di un autore di storie romantiche, ma dalla realtà, che in...

Dallo stesso Autore

I bambini la aspettano con trepidante attesa. Questa notte, infatti, la Befana lascerà tanti dolciumi a quanti sono stati bravi, mentre chi si è comportato male dovrà accontentarsi di un pezzetto di carbone.
La filiera della mozzarella di bufala campana Dop fa bene all’ambiente ed è sempre più green e sostenibile. Lo rivela un nuovo studio scientifico, realizzato dal professor Luigi Zicarelli e da Roberto De Vivo, Roberto Napolano e Fabio Zicarelli.
Le vedute acquerellate delle antiche commende di Rodio e di San Mauro la Bruca, trovate in un cabreo (cioè in un registro patrimoniale) del 1626 custodito presso la National library di Malta