6.1 C
Sessa Cilento
sabato, 2 Marzo 2024
Prima PaginaRicette del Cilento"La Petrosa", zuppa contadina con i sapori del Cilento

“La Petrosa”, zuppa contadina con i sapori del Cilento

Questa zuppa rappresenta un vero emblema delle antiche tradizioni contadine. Considerati un tempo il cibo dei poveri, gli ingredienti contenuti all’interno di questo mix ne fanno un alimento altamente proteico, con un elevato contenuto di fibre.

Veloce da cuocere , vi farà riscoprire il gusto degli antichi sapori di campagna.

Ingredienti per 4 persone

400 gr di Farro ” La Petrosa ”
12 Cipollotti selvatici
200 gr circa di Borragine
1 Spicchio d’Aglio
100 gr di Cacio Ricotta
Olio EX.V. DI Oliva Dop Cilento q. b.

Procedimento

Lavate in abbondante acqua il Farro, lasciatelo in un cola pasta. In una pentola capiente mettete un generoso filo d’olio, lavate e sbucciate i Cipollotti, tagliateli in quattro parti e poi rosolateli a fuoco vivace finché non saranno ben croccanti.

Tirateli via dalla pentola, nello stesso Olio soffriggete lo spicchio d’Aglio, una volta dorato toglietelo, aggiungetevi la Borragine lavata e tagliata in piccole parti, lasciate soffriggere qualche minuto ed aggiungete circa 1 L di Acqua.

Fate prendere il bollore ed aggiungete il Farro,aggiustate con il sale e lasciate cuocere per circa 10 minuti, avendo cura di lasciarlo al dente. Servite la Zuppa guarnendo con i Cipollotti croccanti, Cacio Ricotta grattato, ed un leggero filo d’olio.

© Diritti Riservati

Gerardo Del Duca
Gerardo Del Duca
Chef cilentano di nascita, gran parte della mia carriera lavorativa l’ho trascorsa in Cilento lavorando presso molte strutture ricettive di medio alto livello,molte sono state le esperienze anche al di fuori del Cilento, in Italia ed in paesi esteri. Dopo tanto girovagare ho capito che niente per me e’ paragonabile alla nostra cucina tipica cilentana, senza togliere niente a nessuno. da ormai molto tempo mi dedico alla valorizzazione della cucina tipica cilentana, non con il semplice divulgare orale ma con una mia messa in opera concreta; cosa voglio dire? prendo delle vecchie ricette tradizionali e le porto nei menu’ dei ristoranti nei quali presto servizio, dono nuovo splendore a quei piatti che ci hanno fatto crescere in modo sano. Mangia sano e vivi meglio, noi siamo quello che mangiamo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Botta e risposta tra Orazio Schillaci e Vincenzo De Luca. A scatenare la scintilla sono stati i manifesti della Regione Campania in cui la premier Meloni veniva presa di mira e si attribuiva al Governo la chiusura dei pronto soccorso, giudicati dal ministro della Salute “falsa propaganda
Altri 3mila metri quadri di area museale aperti al pubblico. Con la benedizione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La Reggia di Caserta
Una maxi-treccia tricolore in onore del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che oggi ha inaugurato la nuova ala ovest della Reggia di Caserta.

Articoli correlati

Le alici di menaica sono un prodotto ittico tipico del Cilento, principalmente di Pisciotta.  Si tratta di alici salate prodotte con una tecnica antica, che risale ai tempi degli antichi Greci.
La mia grande passione per la cucina, perché di passione si tratta e, come tale, a differenza di un ...
A Carnevale non possono mancare i fritti dolci e le tradizionali frittelle, che in questo periodo si possono gustare senza provare troppi sensi di colpa per la linea. Non...

Dallo stesso Autore

Un tempo il pane non veniva preparato ogni giorno; si panificava ad intervalli periodici, ogni quindici giorni, ma nelle zone più isolate ed impervie...
Trattandosi di una ricetta profondamente legata alla tradizione familiare e contadina, del Tortano esistono tantissime versioni differenti, ognuna caratterizzata dal suo piccolo segreto. Pur rispettandone...
E’ molto simile alla frittata di maccheroni che si usava preparar il giorno dopo quando, dal pranzo o dalla cena la pasta avanzava;  in...