9.5 C
Sessa Cilento
martedì 6 Dicembre 2022
HomeMagazineLeggendeLa leggenda della Madonna della neve

La leggenda della Madonna della neve

I cilentani, ma non solo,  amano raccontare storie o leggende che sono, in alcuni casi, fondamenta della nostra cultura e, negli anni, queste storie sono entrate a far parte del nostro patrimonio.

Le grandi narrazioni di eventi sacri o profani sono stati descritti per migliaia di anni in ogni paese, in ogni borgo e villaggio, indipendentemente dalle sue dimensioni. Visitare il Cilento, dopo aver scoperto queste storie è un’esperienza unica, si potrebbe definire persino leggendaria.

Quella che oggi, voglio narrarvi e la leggenda della Madonna della Neve, una delle sette Sorelle che vengono venerate, in periodi diversi nella nostra terra e che ci proteggono dalle loro dominanti alture. Il monte Cervati, per lungo tempo, rimase selvaggio ed inesplorato, regno di lupi, cinghiali, aquile, sparvieri, gufi e civette, oltre che di altri animali più innocui e meno spaventevoli: i  Piagginesi, impauriti, si tenevano lontani, non osando avventurarsi a quelle altezze.

Un giorno un cacciatore, spinto dalla curiosità, cominciò la scalata tra faggi, cerri, abeti, carpini, lecci, frassini, larici ed olmi, incontrando qualche faina, lepre, cervo oppure qualche martora o beccaccia, qualche pernice o qualche merlo, ma niente lupi. In quel Paradiso terrestre non pensò neppure una volta di sparare.

Lì dove la montagna è più alta, a strapiombo, si sedette su di un masso e si mise ad ammirare il paesaggio intorno: boschi fitti, montagne, paesi attaccati alle colline, in basso un pianoro verde con le pecore brucanti, lontano il mare. Una colombella venne a tubare su un ramo di ontano che gli pendeva sulla testa. Cercò di spaventarla, ma quella continuò; imbracciò allora il fucile e si alzò.

La colombella, volando di ramo in ramo, allegramente lo gabbava. Alla fine sparì tra i rovi. Arrabbiato, per aver visto mortificato il suo spirito venatorio, cominciò a tagliare i rovi col suo coltello.

All’improvviso si fermò davanti alla stretta imboccatura di una grotta. Vi spiò dentro : cosa vide? La statua di una Madonna che lo guardava insieme alla colombella, che era ai suoi piedi. Un brivido gli passò per la schiena. Gli sembrò un miracolo. Cadde in ginocchio e pregò.

Ritornato in paese, raccontò ai compaesani la sua avventura.

Da allora il Monte Cervati fu frequentato dai cilentani, che non hanno mai interrotto il culto per la Madonna della Neve.

Racconto tratto da: www.lamontagnadelcilento.it  – Credits foto: Italia2TV

Alessandro Giordano
Alessandro Giordano
Dal Marzo 2015 racconto la nostra terra, il Cilento, mostrandola con gli occhi di chi la ama, la vive e vuole contribuire a farla apprezzare di più ai turisti e ai Cilentani stessi. La Storia, i Personaggi, la Cultura, le Tradizioni e le Contraddizioni, il patrimonio artistico, gli eventi e le iniziative in programma che ritengo più interessanti segnalare, i musei, le attrazioni e le proposte per i turisti, il cibo ed i prodotti del territorio sono i temi principali dei miei articoli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Continue to the category

Devi leggere

Caprioli. L’accademia Nazionale Eleatica prosegue il percorso dedicato alla grande musica

Il mese di dicembre si aprirà con un evento unico in Italia: LUCIENNE RENAUDIN VARY, giovanissima trombettista francese, già una leggenda della musica internazionale,...

A Natale consuma campano. Ecco l’iniziativa di sensibilizzazione

Ai nastri di partenza la quindicesima edizione dell'iniziativa denominata "A Natale Consuma Campano" che, attraverso un comitato, si prefigge di sensibilizzare la cittadinanza al...
Contattaci su WhatsaApp

L’Ue detta regole sulla pizza napoletana: ecco quali resteranno fuori dai menù

L’Unione europea tutelerà la Pizza Napoletana Stg, mettendo al bando tutte le imitazioni del prodotto che non rispettano un disciplinare ad hoc. È stato...

Il mese di Dicembre porta piogge. Per il freddo ci sarà da aspettare.

Con l’arrivo di dicembre entra di scena l’inverno meteorologico, la stagione più amata da tutti gli appassionati meteo di freddo e neve. Prima di iniziare...

Campania: le novità del cambio orario invernale del gruppo FS

Oltre 9mila collegamenti al giorno in treno e circa 23mila corse in bus tra Italia ed Europa. Il Polo Passeggeri del Gruppo FS composto...

Dallo stesso Autore