venerdì 7 Maggio 2021
20.1 C
Sessa Cilento
venerdì 7 Maggio 2021
Prima PaginaAccademia della VrennaDal dialetto del Cilento: "Cernulià"

Dal dialetto del Cilento: “Cernulià”

Cernulià: verbo del dialetto cilentano, diffuso in più regioni del Mezzogiorno, non traducibile con un vocabolo della lingua italiana. Con lo specifico significato in cui qui lo si analizza, si usa esclusivamente nella forma riflessiva, ossia più precisamente con “cernuliàrsi”, declinabile, ad esempio, nella terza persona singolare del presente indicativo, con “se cernulèja”.

Il suo uso pare limitato a descrivere un aspetto del femminile. Descrive una serie di piccoli o minutissimi movimenti con i quali la donna gestisce, anche improvvisando, il suo aspetto esteriore, sistemando ad esempio l’acconciatura con un tocco della mano, o assestando un particolare dell’abbigliamento, o incipiando la simulazione di un ballare o di un cantare mugugnato, o mediante un incedere ancheggiante o più o meno ondulatorio, o muovendo di spalla, comunque adottando piccoli gesti coordinati e repentini che conferiscono alla figura un effetto visivo dinamico.

Il verbo racchiude, quindi, una serie di mossette e vezzi coordinati, anche elèttrici, e funzionali nel loro insieme ad un’azione estetica di seduzione, studiati sì, ma (non potendo conoscere il sottoscritto cosa possa frullare per la testa di una donna in determinate circostanze), li si direbbe piuttosti ispirati dall’istinto (“é passàta Carmèla ‘nnandi ‘a funèstra r’a casa mia, io la uardàva e chèra tùtta ca se cernuliàva).

Ovviamente, il “cernuliàrsi” si compone di un ampio spettro dentro il quale il “movimento” femminile, con il suo dolce dondolarsi, può essere più o meno sapientemente graduato ed offerto alla visione altrui, potendo trasmodare dalla ostentazione pacchiana ad una più fine eleganza.

Per quanto riguarda l’origine del verbo, il “cernuliàrsi” recupera il transitivo “cernuliare”, l’azione materiale caratterizzata proprio da una serie di piccoli movimenti, piccoli, continuati, coordinati, ondulatori e sussultori, con i quali si adopera il “cernicchio”, il setaccio, per cernere le farine.

Si può presumere che il vocabolo sia sorto, quindi, proprio nel mondo contadino che è sempre capace di cogliere dal quotidiano lavoro le similitudini con cui forgia parole adatte a cogliere, con un guizzo di sintesi geniale, la complessità dell’agire umano e creando così un codice comunicativo d’immediato effetto.

La genialità è data dal traslare nel linguaggio un’intuizione dettata dall’osservazione che altrimenti sarebbe rimasta relegata nel limbo sotterraneo dell’ineffabile e che, recuperata e portata alla luce, è ben capace di esprimere una condotta, un comportamento, un’azione per i quali sarebbe stato necessario ricorrere ad artificiosi giri di parole per rappresentarla compiutamente in una conversazione.

Chi inventò la parola, però, suppongo (con opinione personale) sia stata una donna che, dotata in genere di più profonda perspicacia descrittiva, nell’osservare le movenze di un’altra donna, e forse gelosa delle attenzioni che l’antagonista poteva suscitare, ben pensò di definire quel ciondolare del tutto identico al modo con cui ella stessa adoperava il “cernicchio” di casa.

©Riproduzione Riservata

Lascia un commento

- Pubblicità -

Devi leggere

Il Codacons Cilento chiede chiarimenti su un progetto, da sette milioni di euro, presentato nell’area archeologica di Elea – Velia

Il Codacons Cilento scrive al Ministro dei Beni Culturali e al direttore del Parco Archeologico di Paestum – Velia per chiarimenti su un progetto...
Lavoro a Sessa Cilento, Lavoro in Campania

“My Age” è il nuovo videoclip nato dalla collaborazione fra i cantautori Walter Di Bello & A Smile From Godzilla

Dopo un’anteprima in esclusiva su Tuttorock esce su Youtube il video ufficiale di “My age”, il nuovo singolo composto dal cantautore Walter Di Bello in collaborazione con A...

Campania: controlli per la prevenzione degli incendi boschivi, sequestrati 87 kg di asparago selvatico.

Circa 400 controlli, ben 87 kg di asparagi sequestrati e 42 sanzioni elevate per circa 16.000 euro: questi sono i numeri della campagna di...

Tra sole e nubi, il meteo nel primo weekend di Maggio

Il mese di maggio continua ad essere governato da un pattern tipico della stagione tardo primaverile, con l’anticiclone delle Azzorre che prova a distendersi...

La Tesi sul territorio. “Governance turistica delle aree protette: il caso del Parco Nazionale del Cilento”

Il turismo contemporaneo è sempre più un fenomeno sistemico sia nelle relazioni tra gli attori che compongono le sue filiere sia nei rapporti che...

Ruggero Cappuccio: “Negli ultimi 50 anni la politica ha avuto molto poco a cuore le sorti della cultura e delle arti”

"I Germania i fondi per la cultura raggiungono i 30 miliardi di euro, in Italia sono solo sei. Tutto questo ci dice una cosa...

Articoli correlati

Nel dialetto cilentano, il “mòccio”

Mòccio: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non si rinviene un vocabolo che in lingua italiana assuma perfettamente lo stesso significato dell'uso dialettale. Nel dialetto...

L’ “Azzerpulùto” nel dialetto del Cilento

Azzerpulùto: aggettivo del dialetto cilentano, o anche avverbio di modo, che si potrebbe ipotizzare traducibile come participio passato del verbo "asserpolarsi". Nello specifico contesto cilentano,...

Quando nel Cilento si tiene “il muso”

"Ammussàta": aggettivo femminile singolare del dialetto cilentano (dal participio passato di "ammussare") . Qui lo decliniamo al femminile in aderenza ad un uso del...

Il “Tócco” cilentano

Tócco: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non è traducibile con una trasposizione letterale in lingua italiana, almeno nel significato con il quale è...

Dello stesso autore

Nel dialetto cilentano, il “mòccio”

Mòccio: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non si rinviene un vocabolo che in lingua italiana assuma perfettamente lo stesso significato dell'uso dialettale. Nel dialetto...

L’ “Azzerpulùto” nel dialetto del Cilento

Azzerpulùto: aggettivo del dialetto cilentano, o anche avverbio di modo, che si potrebbe ipotizzare traducibile come participio passato del verbo "asserpolarsi". Nello specifico contesto cilentano,...

Quando nel Cilento si tiene “il muso”

"Ammussàta": aggettivo femminile singolare del dialetto cilentano (dal participio passato di "ammussare") . Qui lo decliniamo al femminile in aderenza ad un uso del...

Il “Tócco” cilentano

Tócco: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non è traducibile con una trasposizione letterale in lingua italiana, almeno nel significato con il quale è...
Potrebbe interessarti