15.5 C
Sessa Cilento
lunedì, 20 Maggio 2024
Prima PaginaAccademia della VrennaIl significato di "Rici-tu-mò" nel dialetto cilentano

Il significato di “Rici-tu-mò” nel dialetto cilentano

Ad esempio: “Macchè! T’u ddìco io pecchè Francishco ‘a lassàta a Carmela; è pecchè se tenìa a n’ata”, e l’altro: “Rici tu mò!”, oppure “Senza ca facìmo e dicìmo fino a ddimanimatìno, ca tanto chìro nu ‘nge vène cu nnùi!” al che l’altro può rispondere, appunto; “Rici tu mò!”. Si conosce anche la forma reverenziale “riciti vui mo” adoperata nei confronti di colui al quale si rivolge il “voi”.

Costituisce un suggello alla dichiarazione altrui, un modo per accompagnare un’opinione appena ascoltata senza lasciarla cadere nel vuoto sonoro del silenzio. Esprime, quindi, la presa d’atto dinanzi all’asserzione dell’interlocutore, un riscontro con riserva, la fulminea risposta interpretabile con più varianti, con più traduzioni o elaborazioni, o in più sensi.

Sta, cioè, a significare: “potrei anche essere d’accordo con te”, oppure “sai, che mi hai aperto la mente”, oppure “sì, mi hai dato da pensare e forse potresti anche avere ragione tu, ma non ancora”, oppure “questa è, e rimane ancora la tua opinione, diversa dalla mia, ma ne possiamo parlare”.

É un poco il contrario di “jà” con il quale, invece, si liquida l’opinione altrui senza margini di ripensamenti. Con “rici tu mò” si tiene aperta la conversazione, si esprime apertura ad un pensiero contrario, si dichiara un credito verso l’altro, si manifesta un’adesione in divenire, una convergenza critica per quanto ancora nel limbo del dubbio. 
Provando a scomporre la perifrasi si può ipotizzare, a ben pensare, questa ricostruzione: il verbo “rici” indica un’opinione qualsiasi, il “tu” sottolinea l’opinione contrapposta alla mia, cioè all’ “io”, e l’avverbio “mò” indica, nella sequenza temporale, che alla fine della discussione si può anche convenire su quella ipotesi.

© Diritti Riservati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Domenica 26 maggio si terrà la solenne cerimonia di riapertura del Santuario Diocesano di Maria Santissima del Sacro Monte di Novi Velia. Un evento atteso con trepidazione da tutta la comunità cilentana, e non solo
Chi ha mai degustato la bufala affumicata abbinata a un marsala Doc? E chi lo ha detto che la mozzarella campana Dop va bene solo con i vini bianchi? La prima guida-catalogo ai migliori vini d’Italia in abbinamento all’oro bianco campano
Con un progetto ambizioso, un team multidisciplinare di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), della Heriot-Watt University (UK), dell’Università di Pisa, dell’Università di Torino e dell’Università di Bari, è riuscito....

Articoli correlati

Dallo stesso Autore