9.5 C
Sessa Cilento
sabato 26 Novembre 2022
HomeAccademia della Vrenna"Aventà" nel dialetto del Cilento

“Aventà” nel dialetto del Cilento




“Aventà”- Verbo del dialetto cilentano nella forma dell’infinito presente. Il termine in lingua italiana che più s’avvicina al suo significato potrebbe essere “adocchiare”, “prendere di mira”, “subodorare”, ma prediligendo la definizione di “guardare cosa o persona con desiderio” (come si legge nel Vocabolario Treccani alla voce “adocchiare”: “un ladro …, aocchiando quelle gioie, disegnò rubarmele (Cellini)”.

Nell’uso parlato indica proprio l’azione di chi programmi, silenziosamente e in modo più o meno clandestino, un assedio verso una preda o un bottino o verso qualsiasi utilità o vantaggio perlopiù materiale. Nella sfumatura del significato – oltre al desiderio – vi è anche una componente di furbizia da parte di un soggetto agente che vede e scorge come propizia una preda o un bottino che si prospettano facili o a portata di mano.

Colui che “avènta” qualcosa, non dice, non confida, persegue in perfetta solitudine il suo obiettivo, coltiva una situazione favorevole, resta furbamente in una zona di prossimità con l’obiettivo, capace anche di attendere anni prima di sferrare l’atto finale. La persona che ha “aventàto” molte volte è consapevole che l’obiettivo preso di mira non avrebbe nemmeno bisogno di una complessa o intricata azione positiva di manovra perché la manovra potrebbe essere l’attesa stessa, di per sé omissiva, oppure essere contenuta in quella pazienza nel rimanere in una condizione di prossimità con l’obiettivo adocchiato.

L’azione dell’ “aventà” è quella data dall’occhio del gatto che dalla sedia si affacci all’orlo del tavolo e miri silente un boccone di carne macinata lasciato improvvidamente incustodito. Parimenti “u petuòso (faina) avènta le gaddìne”. Nella descrizione di situazioni e contesti umani la parola ricorre in espressioni del tipo: “Me lu vuò mparà a mè à ‘u nepòte re zi Nicola: facìa squàsi sùlo pecchè avìa aventàto a pensione r’u nonno ca re mullàva cient’euro ogni bbòta ca se ìa a pavà a’ la posta”.

[themoneytizer id=”28893-28″]

Può essere utilizzato anche per descrivere un contesto di rapporti in cui un soggetto abbia scoperto o comunque scorto una falla o un lato debole nell’indole di un vicino, parente, amico o comunque persona prossima, e da questa debolezza si sia determinato a ricavare un beneficio di qualsiasi tipo, magari perseguito con artifici adulatori o profittando di una attitudine dell’altro ad essere plagiato: “L’avìa aventàto ca èra nu puparuòlo ra capo ‘mpère e chiàno chiàno re futtètte tutto ra sotta, puro la casa se facètte ‘ntestà”.

Per quanto riguarda l’etimo della parola si può azzardare una derivazione dal greco antico “augàzo” (αυγάζω) che significa proprio “adocchio”, “miro”, “scorgo” (dovremmo, però, ritenere che la “u” diventi “v” e la “γ” ceda per elisione). Altrettanto percorribile è una derivazione dallo spagnolo “aventar” che sta per “dirigere aria verso una cosa”, definizione – questa – che si sposa con il “mirare inespresso” evidenziabile nella parola dialettale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Continue to the category

Devi leggere

Meteo forti temporali: la Campania passa da allerta gialla ad arancione

Peggiora il maltempo sulla Campania tanto che la Protezione civile regionale ha emanato un nuovo avviso

Addio a “nonna Rosetta”. Ha reso popolari le tradizioni del sud Italia

Addio nonna. "Ti chiamiamo nonna, perché per tutti noi sei stata veramente una nonna, oltre che la nostra migliore amica”. Così sul profilo Instagram...
Contattaci su WhatsaApp

Agricola: spesa e territorio. Ogni sabato l’opportunità per conoscere il Vallo di Diano

Comprare direttamente dai produttori comporta molteplici vantaggi, tra cui portare in tavola prodotti più freschi, più salubri e fare un gesto che sostiene concretamente il proprio territorio e la sua...

A Camerota un nuovo appuntamento di “Liber Fest”: Libri per un pensiero libero

Sabato 19 novembre, alle ore 18:30, presso la sede della Fondazione Meeting del Mare C.R.E.A a Camerota, Flavio Giordano presenterà il suo ultimo libro, dal titolo "Sognando...

Al museo archeologico romano di Positano un cantiere didattico dell’Istituto centrale per il restauro del Ministero della Cultura

Nel mese di novembre avrà inizio il cantiere didattico ICR per lo studio e la conservazione dei dipinti murali della domus ipogea del Museo Archeologico Romano (MAR) di Positano.

Dallo stesso Autore