8.8 C
Sessa Cilento
domenica, 25 Febbraio 2024
Prima PaginaAccademia della VrennaNel Cilento si chiama "Riccopellòne"

Nel Cilento si chiama “Riccopellòne”

Sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Ricorre anche nella forma “riccopellòne” (con raddoppio delle L). Sta per ricco, facoltoso, danaroso oltremodo.

Tuttavia, nel dialetto cilentano esso ricorre specie in forma ironica quando si voglia evidenziare la condotta di qualcuno che si sia voluto cimentare in una spesa, in un acquisto, in una donazione o elargizione oltre le sue ordinarie possibilità economiche.

Sarebbe, quindi, l’appellativo per chi – nonostante povero – si sia voluto concedere una smargiassata o la gratuita ostentazione di una inesistente ricchezza quasi in un atto d’arbitrio inconsulto (“Quànno a muglière re Zi Mìnico sapètte quant’avìa spìso ‘u marito a sentiètti ch’alluccàva come ‘na pàccia: àmo fatto a riccopelòne!”, “Nè cò, che màchina ca t’a fatto, se vere ca sì diventato riccopelòne”).

L’uso del termine con questo significato è il riflesso del modo con cui il popolo ha assorbito, rimodulato e trasformato parole e nomi appresi ed ascoltati durante le prediche in chiesa e riportati – distorcendoli – nel linguaggio comune a prescindere dal loro vero significato.

Il “riccopellòne” altri non è che il “ricco Epulone” protagonista della parabola raccontata da Gesù, riportata nel Vangelo secondo Luca, conosciuta anche come “la parabola del ricco e del mendicante Lazzaro”, ove il ricco venne dai commentatori indicato con “epulone” (titolo che indicava l’ordine di quei sacerdoti addetti alla organizzazione dei banchetti in onore delle divinità). Così Epulone divenne sinonimo di ricco, come – a sua volta – “lazzaro” divenne, invece, sinonimo di povero o mendicante.

© Diritti Riservati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Il Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana Dop punta sull’export e moltiplica le iniziative di promozione all’estero. Dalla Francia al Giappone, la Bufala Campana guarda sempre più ai mercati stranieri,
In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
La cittadina più anziana di Sessa Cilento si è spenta oggi (20 Febbraio)  all’età di 103 anni. Si chiamava Teresina La Greca , residente nell’antico piccolo borgo di Valle Cilento.

Articoli correlati

Mòccio: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non si rinviene un vocabolo che in lingua italiana assuma perfettamente lo stesso significato dell'uso dialettale. Nel dialetto...
Azzerpulùto: aggettivo del dialetto cilentano, o anche avverbio di modo, che si potrebbe ipotizzare traducibile come participio passato del verbo "asserpolarsi". Nello specifico contesto cilentano,...
"Ammussàta": aggettivo femminile singolare del dialetto cilentano (dal participio passato di "ammussare") . Qui lo decliniamo al femminile in aderenza ad un uso del...

Dallo stesso Autore

Mòccio: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non si rinviene un vocabolo che in lingua italiana assuma perfettamente lo stesso significato dell'uso dialettale. Nel dialetto...
Azzerpulùto: aggettivo del dialetto cilentano, o anche avverbio di modo, che si potrebbe ipotizzare traducibile come participio passato del verbo "asserpolarsi". Nello specifico contesto cilentano,...
"Ammussàta": aggettivo femminile singolare del dialetto cilentano (dal participio passato di "ammussare") . Qui lo decliniamo al femminile in aderenza ad un uso del...