6.7 C
Sessa Cilento
giovedì, 29 Febbraio 2024
Prima PaginaMagazineRicordiCarnevale, Mashkari e Suoni

Carnevale, Mashkari e Suoni

Il Carnevale è quel periodo dell’anno nel quale a tutti, anche chi è grande e vaccinato, ha il permesso di mascherarsi. E’ vero che crescendo, le formalità ci hanno condizionato e ci hanno fatto dimenticare la gioia che si provava a giocar di fantasia.
Non ricordo se da bambino aspettavo con ansia questa festa, probabilmente era nel periodo di minor consumismo rispetto ad adesso o forse non la sentivo mia, quasi come oggi.
Noi di cosa ci mascheravamo?

Ai tempi, ho memoria che nei giorni precedenti il Carnevale, ognuno presso la propria famiglia, iniziava a fare razzia di vecchi indumenti, meglio se del papà o del nonno , il carboncino del fuoco spento, poi, faceva il resto, delineando barba, baffi per noi maschietti e, per qualche sparuta ragazza, sopracciglia  più folte o simil ombretto. Così conciati, iniziavamo il viaggio dell’armata “Brancaleone”.
Delle feste, o come vengono chiamate oggi “sfilate” di carnevale, poche in verità a quella mia età adolescenziale, ricordo solo le stelle filanti, i coriandoli che restavano a dipingere per qualche ora le strade, le trombette suonate in modo assordante dagli altri bambini e gli scherzi a scuola e per le vie, alcuni, forse, anche di cattivo gusto.

Rammento che quelli più frequenti, consistevano nello spruzzare con la schiuma da barba i passanti o rompere in un luogo chiuso delle mini fiale, contenenti un liquido a base di zolfo che provocava un odore nauseabondo. Probabilmente posso risultare patetico, ma ammetto che avevo timore dello spruzzo della schiuma, perché da una parte subire lo scherzo voleva dire, sentirsi rimproverare al ritorno a casa per essersi sporcati i vestiti e soprattutto lì, sul momento, fare una figura pessima, almeno così pensavo allora, con la gente che assisteva alla scena.

Poi vennero gli anni in cui una certa predilezione per questa festa, iniziava a fare capolino dalle mie parti, iniziavano a girare in TV le prime icone per noi adolescenti, personaggi famosi o giù di lì…. l’indiano, il cowboy, il poliziotto…. io sfogliavo e sfogliavo ma alla fine sceglievo sempre Zorro o lo Sceriffo. Non c’era molta fantasia in me da piccolo a dirla tutta e comunque a me piaceva tanto, ma proprio tanto, Zorro, al massimo il Cowboy, anche se una volta grazie al fatto che un nostro amico di famiglia ci portò, da un suo viaggio in Messico, un sombrero e il poncho , mi vestii da messicano; sempre cowboy era alla fine, ma un cowboy messicano.

I personaggi erano quelli, al massimo qualcuno azzardava a vestirsi da pompiere, da prete se proprio si voleva esagerare; oggi fra spiderman, batman, iron man, fatine e pagliacci vari,è complicato, anche perchè le mamme moderne non sono così pratiche e non perdono tempo a fare vestiti un mese prima, lo comprano.

Per concludere non ho un ricordo del carnevale del tutto positivo, così come non ho molta simpatia per alcuni Carnevale, dell’era moderna, a questo riguardo , leggevo, qualche giorno fa,  un fatto di cronaca datata V secolo a.c. –  Un discepolo di Socrate, un certo Antistene, un giorno si presentò al suo cospetto con il mantello strappato. Questa la risposta del maestro: attraverso questi fori, o Antistene, vedo tutta la tua ambizione. Chi vuole, impari.  E come se il  Carnevale stesse per abbandonarci con il suo carico nostalgico, causa una moda che ha identificato la trasgressione con la normalità.
Buon Carnevale!!

© Diritti Riservati

Alessandro Giordano
Alessandro Giordano
Dal Marzo 2015 racconto la nostra terra, il Cilento, mostrandola con gli occhi di chi la ama, la vive e vuole contribuire a farla apprezzare di più ai turisti e ai Cilentani stessi. La Storia, i Personaggi, la Cultura, le Tradizioni e le Contraddizioni, il patrimonio artistico, gli eventi e le iniziative in programma che ritengo più interessanti segnalare, i musei, le attrazioni e le proposte per i turisti, il cibo ed i prodotti del territorio sono i temi principali dei miei articoli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Botta e risposta tra Orazio Schillaci e Vincenzo De Luca. A scatenare la scintilla sono stati i manifesti della Regione Campania in cui la premier Meloni veniva presa di mira e si attribuiva al Governo la chiusura dei pronto soccorso, giudicati dal ministro della Salute “falsa propaganda
Altri 3mila metri quadri di area museale aperti al pubblico. Con la benedizione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La Reggia di Caserta
Una maxi-treccia tricolore in onore del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che oggi ha inaugurato la nuova ala ovest della Reggia di Caserta.

Articoli correlati

Per chi come me, era ragazzino negli anni settanta, le festività Pasquali erano assai più importanti di quelle Natalizie, certamente non per il contesto...
Odio passare il fine settimana oziando. E’ una bugia che racconto a me stesso per fare una lunga escursione sulle spiagge cilentane che a...
Nelle campagne cilentane e nei forni di un tempo, fino a qualche decennio fa, il pane veniva cotto a legna, struttura  priva di qualsiasi...

Dallo stesso Autore

I bambini la aspettano con trepidante attesa. Questa notte, infatti, la Befana lascerà tanti dolciumi a quanti sono stati bravi, mentre chi si è comportato male dovrà accontentarsi di un pezzetto di carbone.
La filiera della mozzarella di bufala campana Dop fa bene all’ambiente ed è sempre più green e sostenibile. Lo rivela un nuovo studio scientifico, realizzato dal professor Luigi Zicarelli e da Roberto De Vivo, Roberto Napolano e Fabio Zicarelli.
Le vedute acquerellate delle antiche commende di Rodio e di San Mauro la Bruca, trovate in un cabreo (cioè in un registro patrimoniale) del 1626 custodito presso la National library di Malta