giovedì 28 Ottobre 2021
12.4 C
Sessa Cilento
giovedì 28 Ottobre 2021
Prima PaginaMagazineCilentoUna vacanza nel Cilento non è solo mare e sole, ma anche un percorso sensoriale alla scoperta...

Una vacanza nel Cilento non è solo mare e sole, ma anche un percorso sensoriale alla scoperta della Dieta Mediterranea

-Pubblictà-

Una vacanza nel Cilento non è solo mare e sole. Una vacanza qui, da noi,  oggi, significa anche intraprendere un percorso sensoriale alla scoperta delle origini di questa tipica alimentazione, un viaggio indietro nei secoli, dai pescatori greci che colonizzarono questo lembo di terra, ai monaci orientali esperti di orticoltura, fino al fisiologo americano Ancel Keys che nel secondo dopoguerra visse per oltre vent’anni a Pioppi, frazione del comune di Pollica, per studiare le abitudini alimentari di queste terre, fino a diventare il ‘padre’ di quello stile alimentare che ancora oggi rappresenta il simbolo del mangiare sano: la dieta mediterranea. Quando Keys, sbarcato a Paestum al seguito dell’esercito degli Stati Uniti, scoprì quel regime alimentare fatto di pane, pasta, verdure, legumi, olio d’oliva e solo in misura minore di pesce e carne, lo studiò per tutta la vita, ritenendolo essere la miglior medicina contro le malattie cardiovascolari, l’arteriosclerosi e il diabete.

Ma cos’è la dieta mediterranea?

Consigliata da medici, nutrizionisti ed esperti di salute e benessere, la dieta mediterranea è considerata una vera e propria istituzione, nonché una tradizione di cui molti italiani vanno fieri. Ma che cos’è esattamente la dieta mediterranea? Di cosa si parla quando si fa riferimento ai suoi benefici sulla salute e perché è così rinomata in tutto il mondo? Scopri con PG Magazine quali sono le caratteristiche di questo tipo di alimentazione e impara a seguirla per apprezzarne i vantaggi. Se vuoi sapere cosa si intende per dieta mediterranea, ti basterà guardare una mappa dell’Europa, e in particolare della zona intorno al Mar Mediterraneo. Questo modello nutrizionale infatti fa riferimento alla dieta tipica dei paesi che si affacciano sul mare dell’Europa meridionale, in particolare Italia, Grecia e Spagna: qui gli alimenti consumati abitualmente sono frutta, verdura, cereali, semi, olio di oliva, con un consumo moderato di pesce, carne bianca, legumi, uova, latticini, dolci e un ancor più raro di carne rossa.

Questo modello nutrizionale si basa sugli alimenti più facilmente reperibili in queste zone: il clima mite delle zone mediterranee è da sempre particolarmente adatto alla coltivazione di frutta, tra cui spiccano gli agrumi, di ortaggi e cereali, anche grazie alla fertilità del suolo e all’andamento regolare delle stagioni, dalle temperature alle precipitazioni.

Caratteristiche e vantaggi della dieta mediterranea

In poche parole, si tratta di una terra ricca e fertile, ideale per l’agricoltura e dunque la culla di un’alimentazione basata principalmente sui frutti di questa pratica. L’alimentazione mediterranea in effetti, presenta numerosi vantaggi rispetto ad altre diete e regimi alimentari. Tra le sue caratteristiche, infatti, c’è un consumo limitato di alimenti di origine animale, a partire dalla carne e suoi derivati, che secondo numerosi studi a partire dal secolo scorso ma confermati anche recentemente, è un fattore molto positivo che favorisce la salute ed è associata ad una riduzione della mortalità della popolazione, con una minor incidenza di numerose malattie, da quelle cardiovascolari, al diabete, perfino l’obesità.

Cosa si mangia nella dieta mediterranea

Gli alimenti della dieta mediterranea, come anticipato, sono vari e possono differire da regione a regione. In generale i cereali sono un prodotto molto consumato in queste zone: grano, certo, ma non solo. Anche il farro, l’orzo, il riso, il miglio e l’avena sono tutti alimenti da secoli impiegati nella produzione di farina e quindi di prodotti da forno. Ti basti pensare come il pane sia tra i protagonisti della tavola in tutte le regioni mediterranee e anzi, quante varietà di pane esistano nell’Europa meridionale, dalla Spagna alla Francia, dall’Italia alla Grecia. Anche la pasta, in quanto derivato del grano, è un alimento importante nel menu tipico della dieta mediterranea: condita con verdure, salsa di pomodoro, pesto di erbe aromatiche, oppure semplice olio di oliva è un immancabile alimento soprattutto nel nostro paese. E poi verdure, frutta e ortaggi di ogni tipo, a seconda della stagione, vengono coltivati a diverse latitudini e in base al tipo di terreno, se in pianura o in collina: dagli olivi agli alberi da frutto, dai campi di pomodori a quelli di zucchine, cavoli o peperoni, fino alle vigne, coltivate in particolari zone d’Italia e d’Europa sin da tempi antichi.

La dieta mediterranea in poche semplici mosse

Ora che sai in cosa consiste e quali sono i suoi numerosi benefici, non ti resta che capire come adattare la  dieta mediterranea a te stesso. Si tratta in realtà di una scelta facile da fare, soprattutto se vivi in Italia! È infatti molto comune trovare frutta e verdura fresca e di stagione, dai banchi dei supermercati fino ai mercati rionali e talvolta è possibile acquistarla direttamente dal produttore. Anche pane e cereali sono molto diffusi e alternandoli non c’è certo il rischio di annoiarsi a tavola! La dieta mediterranea si basa su una cucina così varia in cui è davvero molto facile soddisfare il palato con pochi ingredienti e mescolarli tra loro con fantasia! Una regola d’oro pratica su come si fa la dieta mediterranea? Segui la regola dei colori! Considera di portare nel piatto almeno 3 colori ad ogni pasto, abbinandoli in modo armonioso sarai sicuro di aver scelto i prodotti giusti per un pasto sano ed equilibrato. Per esempio: un piatto di pasta pomodoro e basilico, ma anche un risotto con lo zafferano oppure una frittata di verdure: ricette semplici ma genuine, con pochi ingredienti naturali e pieni di nutrienti. Un ultimo consiglio: la dieta mediterranea si basa su alimenti freschi e poco lavorati. Via libera dunque a tutti gli ortaggi, ma anche ai cereali in chicchi piuttosto che in farina, da preferire sempre rispetto agli alimenti processati o lavorati industrialmente, spesso eccessivamente ricchi di zuccheri e additivi come i conservanti.

© Riproduzione Riservata

Marisa De Cristofarohttps://www.cilentoreporter.it/
Marisa De Cristofaro web copywriter, da poco si è avvicinata al mondo della scrittura come professione. Aspirante blogger, ha collaborato con varie testate giornalistiche online curandone i contenuti. Ama seguire uno stile di vita naturale e curare il benessere con ciò che la natura ci offre. Studentessa é in procinto di tirar fuori qualche sogno dal suo cassetto, come quello di diventare giornalista. Appassionata ed attenta osservatrice delle tematiche prettamente femminili, é caporedattrice per Cilento Reporter della rubrica Natura & Benessere. Ama cucinare e vivere sano. Le piace sperimentare e incuriosirsi ogni giorno con piccole scoperte. La cosa che odia di più? Lo spreco di qualsiasi cosa.

Il portale di informazione web "Cilento Reporter" da sempre con impegno e  dedizione per un'informazione libera da qualsiasi vincolo, economico e non. Stiamo continuando ad aggiornarti e a informarti in questo periodo così sconcertante. Ma abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a far sentire la nostra, la Tua voce. A volte siamo scomodi, ma notiamo che i nostri articoli sono molto seguiti. A volte siamo sinceri e schietti fino all'antipatia, ma notiamo che c'è bisogno anche di questo. A volte siamo duri, ma quando la situazione lo richiede.
Siamo sempre liberi, perché  non ci lega vincolo alcuno. Non percepiamo fondi pubblici e selezioniamo rigorosamente le pubblicità accettandole solo se provengono da realtà etiche e che hanno a cuore l'ambiente e la salute.
Per questo continuare a far sentire la nostra voce non è facile. E abbiamo bisogno di te che ci leggi, come di tutti coloro che hanno a cuore l'informazione indipendente.

spot_img

Devi leggere

Un’eccellenza da 680 milioni annui: la rucola della Piana del Sele Igp

Ha un giro d’affari di 680 milioni di euro all’anno e una produzione media pari a 400mila tonnellate, il 73% circa del totale nazionale;...
Pubblicità

Notizie Correlate

Altre Notizie

Dello stesso autore

Un’eccellenza da 680 milioni annui: la rucola della Piana del Sele...

0
Ha un giro d’affari di 680 milioni di euro all’anno e una produzione media pari a 400mila tonnellate, il 73% circa del totale nazionale;...

Consac: mancato invio delle bollette, ecco come fare per richiederle

0
E’ da qualche tempo che le bollette per il consumo di acqua potabile gestita da Consac non vengono recapitate. Molte le segnalazioni  degli amministratori...

A Paestum il congresso internazionale di medicina sul post pandemia

0
Al Forum Scientifico di Paestum 2021 saranno trattati i temi più attuali della medicina interna, della immunologia clinica e delle malattie allergiche e dermatologiche...

Le grotte della Campania e il Cilento al centro delle speleologie...

0
Centinaia di speleologi da tutta Italia e da diversi Paesi europei si preparano a sbarcare a Marina di Camerota, che dal 29 ottobre al...

Video-racconto sul monitoraggio della qualità dell’aria sui monti Alburni

0
E' di Arpa Campania il nuovo video-racconto della serie dedicata alle stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria. Questa volta i tecnici Arpac sono a...

Nuovo ciclone all’estremo Sud, possibile medicane? Le previsioni per Ognissanti

0
Il ciclone responsabile del maltempo si è spostato verso la Grecia determinando un temporaneo miglioramento in particolare su Calabria e Sicilia. Cerchiamo di capire...