lunedì 21 Giugno 2021
20.3 C
Sessa Cilento
lunedì 21 Giugno 2021
Prima PaginaAccademia della VrennaQuando il cilentano "Muscèja"

Quando il cilentano “Muscèja”

-Pubblictà-

Muscijàre: verbo del dialetto cilentano (usato più nella forma tronca all’infinito “muscijà”).
Non si riscontra una parola traducibile perfettamente in italiano con il medesimo ed univoco significato.
Sul termine occorre fare una distinzione per non incorrere in equivoci. In dialetto si utilizza sia il termine “ammuscià” che “muscijà”.

“Ammoscià” è verbo transitivo e indica un’azione umana traducibile come uno scocciare, un fiaccare, un insistere verso l’interlocutore con atti o parole moleste o impertinenti che impegnano oltremodo la capacità di sopportazione o di tolleranza. L’interlocutore che se ne senta investito adopera questo termine con senso di fastidio percepito con progressione che, oltre una certa soglia, induce a sbottare in un intrattenuto invito a smettere rivolto all’interlocutore (es.: “… sièndi … n’ammuscià cchiù ccu ‘stu uozzàppe”).

“Muscijàre”, invece, è verbo intransitivo, ed ha una sua sfumatura di significato. Più che un’azione, indica uno stato d’animo improntato a ritardare un impegno, un’incombenza, un obbligo, non tanto per svogliatezza o per ozio, ma piuttosto per insufficienza di motivazioni adeguate che emergono anche in modo inconsapevole. “Muscèja” colui chi dovrebbe fare una cosa, ma non ne è abbastanza convinto e per questo si dimena in un’azione diplomatica che richiama ostacoli più o meno immaginari, o altre scuse di vario genere. Sarebbe un tergiversare o un continuo titubare.

Il dialetto conosce in questo contesto anche l’altra espressione “purtà à la lònga”.
Non di rado questa indisposizione si manifesta in modo spontaneo con gesti, con smorfie, con movimenti del capo, distorsioni di labbra, mugugni secchi, che esprimono spesso più di quanto possano dire le parole (es. “Ma si chìro muscijàva tanto ppè se ‘nsurà, ca la zòria se ‘nne truào n’ato e ‘u mannào a f…….”)

© Riproduzione Riservata

Devi leggere

“Squilli di musica e vita” festa della musica al carcere borbonico di Avellino

Squilli di Musica e Vita è lo slogan che quest’anno accompagna la Festa Europea della Musica, giunta in Italia alla ventisettesima edizione. L’evento, promosso dal...
Pubblicità
spot_img
- Pubblicità -

Lascia un commento

Notizie Correlate

Altre Notizie

Dello stesso autore

“Squilli di musica e vita” festa della musica al carcere borbonico...

0
Squilli di Musica e Vita è lo slogan che quest’anno accompagna la Festa Europea della Musica, giunta in Italia alla ventisettesima edizione. L’evento, promosso dal...

Campania: approvato il piano triennale antincendi boschivi da 19 milioni di...

0
La Giunta regionale della Campania ha approvato il Piano per la programmazione delle attività di "previsione, prevenzione e lotta agli incendi boschivi "nel triennio...

Nobili Cilentani. Applicazione del “Metodo Nobile alle produzioni zootecniche cilentane

0
“Nobili Cilentani” è il progetto avviato dalla Comunità Montana Bussento, Lambro e Mingardo finalizzato alla realizzazione di un percorso di cooperazione per l’innovazione denominato...

Dal Vesuvio al Cilento, finanziate le vie del mare 2021

0
Approvata in Giunta la Delibera che avvia le procedure di selezione per l’individuazione delle imprese da incaricare per la prestazione dei servizi di linee...

Alla casa di cura “San Michele” Open Day di Ginecologia Oncologica

0
La Casa di Cura “San Michele” di Maddaloni (CE) anche quest’anno ha aderito all’(H)-Open Day di Ginecologia Oncologica organizzato dalla Fondazione Onda, Osservatorio nazionale...

Cinque vele di Legambiente e TCI, premia il Cilento antico

0
Legambiente e Touring Club premiano il Mare più bello d'Italia e presentano la nuova guida. Nella top 10 delle località marine, non mancano Puglia,...