sabato 21 Maggio 2022
20.6 C
Sessa Cilento
- Pubblicità -
HomeMagazineStorie"In trincea" l'ultimo elaborato di Maria Teresa Chechile

“In trincea” l’ultimo elaborato di Maria Teresa Chechile

- Pubblicità -

La sua propagazione, la cui origine risalirebbe – secondo gli esperti – al mese di novembre dello scorso anno all’interno del mercato ittico di Whuan, in Cina, oggi non ha più confini e riguarda ormai tutti i continenti, con punte di diffusione in Cina e in Europa, in particolare nel nostro Paese.

La situazione epidemiologica è preoccupante non solo per gli effetti di una malattia virale contro la quale il nostro organismo non ha anticorpi e che provoca serie conseguenze per la salute dei contagiati, in particolare per soggetti più deboli, con un sistema immunitario già compromesso; ma anche per la condizione di un sistema sanitario che fa fatica a garantire la necessaria assistenza a un numero di pazienti che cresce vertiginosamente col passare delle ore.

Un contesto di questo tipo – chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado, divieti o limitazioni della mobilità, interruzione di molte funzioni giudiziarie, chiusura di luoghi particolarmente a “rischio di socialità” e molto altro – qualcuno probabilmente lo può paragonare a un altro periodo storico molto difficile: il 1943, quando il nostro Paese dovette fronteggiare i bombardamenti della guerra.

- Pubblicità -

Non è un paragone ardito quella tra le due epoche. Oggi, l’emergenza sanitaria, così come fu 77 anni fa durante il conflitto mondiale, sta determinando effetti sconvolgenti che potranno portare a conseguenze altrettanto nefaste sul piano sociale, economico, oltreché naturalmente sulla sicurezza delle persone.  Ed è da queste considerazioni che nasce “In Trincea” , un breve testo scritto da Maria Teresa Chechile, originaria di Atena Lucana (uno dei paesi in “zona rossa”), in questo tragico momento in prima linea come infermiera del Carlo Urbani di Jesi (An).

“Come concittadina e come infermiera – scrive Maria Teresa – in  questi giorni ho scritto una sorta di , una assonanza, similitudine tra le guerre del passato ed al triste momento che stiamo vivendo. Si perché per aspetti sociologici, le analogie ed i travagli del mondo e le condizioni che ogni guerra, di qualunque natura essa sia, ci pone sempre in una condizione umana fatte di fragilità, di paure e di un intravedere e percepire un’umana e comprensibile  speranza : rinascere a nuova vita.”

-Pubblicità-

In Trincea”, l’ho scritto in occasione del compleanno di mio padre – scrive Maria Teresa – che ora non c’è più , questo mi ha permesso di trasferire in questo elaborato una sorta di dialogo che mi ha fatto “rivivere” un altro periodo triste della nostra vita, del nostro caro paese: la guerra.”

“Chissà cosa avresti detto oggi.
Forse avresti ripetuto le stesse parole d’allora, quando ci raccontavi di guerra, di miseria e di sirene che suonavano ad annunciare il coprifuoco. Di nemici che avanzavano, di alleati e di paure e nascondersi ognuno alla meglio, chi nelle grotte o tra gli anfratti o rinchiusi in casa perché arrivavano i bombardieri, le rappresaglie. Tra le razzie, di chi e chi come meglio poteva, raccogliere quel po’ che era concesso per sfuggire alla morte. Oggi come allora la scena è la stessa. Il muoversi delle masse in fretta, assaltare le diligenze dei treni e dei negozi e poi scendere in battaglia armarti di mascherine, guanti e disinfettanti per difendersi dal nemico. Ma questa volta il nemico è invisibile. Non ci abbracciamo per farci coraggio, stringendoci l’uno all’altra ma, sai, ci evitiamo per salvare la pelle. Non ci ritroviamo nei covi comuni ma ci guardiamo senza neanche parlare,, come se il nemico al solo sentirci potesse farci male.
Avresti rivisto oggi quella storia. Si, diversa eppure simile. Avresti concluso che siamo in guerra. Ma sai papà è guerra che non ha fucili e ne’ mimetiche ma siamo armati uguali. L’uniforme bianca ne fa dei generali, dei comandanti o dei soldati semplici. Che’ dai balconi si canta e si balla e si sfida la sorte. È oggi come allora il canto dei popoli. Mi raccontavi di bandiere troneggianti come vessilli e dentro le case a pregare coi lumi sempre accesi. Era allora la guerra dei confini e della supremazia, oggi è la guerra del confinare un virus in gabbia. Traditore e fautore del “vivere è sempre quello “.
Ecco papà cosa c’è di nuovo sotto il sole: nulla di nuovo.”

- Pubblicità -

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Roberta Martucci
Roberta Martucci
Redattrice e responsabile della pagina Magazine di Cilento Reporter, esperta di marketing, è impegnata da anni a valorizzare le tante eccellenze, e gli eventi del territorio. Giornalista eclettica, vanta diverse collaborazioni con giornali, riviste e televisioni, e da cronista ama raccontare storie di persone, vicende e curiosità. Il suo sguardo del Cilento, terra che definisce “maledettamente bella”, è visibilmente innamorata di tutto ciò che descrive e che tocca le corde dei sensi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Pescatori del Cilento. Storia di Biagio

0
Odio passare il fine settimana oziando. E’ una bugia che racconto a me stesso per...

Le storie della tradizione nel Cilento. Il pane con i “ciccioli”

0
Nelle campagne cilentane e nei forni di un tempo, fino a qualche decennio fa, il...

Martinella e la romantica storia del suo unico amore

0
La storia che vi apprestate a leggere,  non esce da una bella penna di un...

Presepi di Natale nel Cilento, più vicini con il web

0
Solo quindici giorni ci separano dalle prossime festività natalizie che saranno sicuramente all’insegna della sobrietà. Il Natale...

Mela annurca. L’oro rosso del Cilento

0
Non abbiamo nulla da invidiare agli amici del Trentino ed alla loro coltivazione di mele....

Nuova luce per un emblema del Cilento antico: palazzo Coppola

0
Sembra che il “peggio” sia passato, per una delle più belle ed interessanti dimore storiche...

Articoli correlati

Pescatori del Cilento. Storia di Biagio

0
Odio passare il fine settimana oziando. E’ una bugia che racconto a me stesso per...

Le storie della tradizione nel Cilento. Il pane con i “ciccioli”

0
Nelle campagne cilentane e nei forni di un tempo, fino a qualche decennio fa, il...

Martinella e la romantica storia del suo unico amore

0
La storia che vi apprestate a leggere,  non esce da una bella penna di un...

Presepi di Natale nel Cilento, più vicini con il web

0
Solo quindici giorni ci separano dalle prossime festività natalizie che saranno sicuramente all’insegna della sobrietà. Il Natale...

Mela annurca. L’oro rosso del Cilento

0
Non abbiamo nulla da invidiare agli amici del Trentino ed alla loro coltivazione di mele....

Nuova luce per un emblema del Cilento antico: palazzo Coppola

0
Sembra che il “peggio” sia passato, per una delle più belle ed interessanti dimore storiche...

Altri dall'Autore

I Dolci Personalizzati di Raffaela che ha trovato il suo percorso nel cuore del Cilento

0
Raffaela ha trovato il suo percorso nel cuore del Cilento, tra le mura della sua...

“Pe’ te sta’ cchiù vicino” è il nuovo estratto di Ilaria Graziano, dalla colonna sonora originale del film “Yaya e Lennie”

0
E' intitolato "Pe' te sta' cchiù vicino" il nuovo estratto dalla colonna sonora del film...

Molteplici le iniziative nel Cilento, per ribadire il No alla violenza sulle donne

0
In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulla donna, ancora una volta si...

Non è “sessista” la spigolatrice di Sapri ma il simbolo di un ideale

0
Eran trecento, eran giovani e forti, e sono morti! Me ne andavo al mattino a...

“Tata Rosa”, in fondo al cuore del Cilento

0
Da fonti certe, sappiamo che il personaggio interpretato da Lino Guanciale ha guadagnato ed ottenuto una seconda...

Germogli di grano per i Sepolcri. La tradizione nel Cilento che viene da lontano

0
Durante il Giovedì Santo, all’interno delle chiese, vengono allestiti gli Altari della Reposizione nei quali...
- Pubblicità -

Devi leggere

29 Maggio. Riapre al culto il Santuario del Sacro Monte Gelbison

Il Santuario della Madonna del Sacro Monte di Novi Velia riaprirà il 29 maggio p.v., ultima domenica del mese.  Il Santuario di Maria ritornerà a essere aperto...

Seconda metà di maggio: caldo estivo, sempre più forte

L’estate inizia, pian piano, a scaldare i motori, tanto che la seconda parte del mese di maggio ora rischia di essere dominata dal ritorno dell’opprimente...

Il Consorzio ricotta di bufala Campana Dop sceglie la continuità. Benito La Vecchia confermato Presidente: “pronti a crescere ancora”

Il Consorzio di Tutela della Ricotta di Bufala Campana Dop sceglie la continuità: Benito La Vecchia è stato rieletto presidente e inizia così il suo terzo mandato...
- Pubblicità -

Devi leggere

EU Agrifood Week: nel Cilento e non solo, dieci giorni di iniziative per celebrare la biodiversità

Nella Giornata Mondiale della Biodiversità il Paideia Campus festeggia il primo anno di attività a Pollica, nel cuore del Cilento. Per l’occasione Future Food Institute, in...

Ricerca di Unisa sul territorio della Comunità Montana Alento-Monte Stella

Nella mattina di lunedì 16 maggio,  all'Università degli Studi di Salerno, i professori Massimiliano Bencardino e Alfonso Conte, tra i docenti responsabili del corso...

Festival Nazionale della Dieta Mediterranea. Al Mipaaf l’evento di lancio

Mercoledì 18 maggio alle ore 11, nella sala Cavour del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, in via XX Settembre 20 a Roma, si terrà la conferenza...