Home Blog Attualità “Segreti d’Autore 2019”, un festival tra i borghi del Cilento antico
Attualità - 22 Luglio 2019

“Segreti d’Autore 2019”, un festival tra i borghi del Cilento antico

Non si può “vivere” di solo sagre o eventi canori che sono per alcuni versi importanti, se dettati in un certo qual modo, valorizzano anche il territorio, esse sono insite nella tradizione popolare di questa terra ma, ahimè, a volte, hanno le sembianze di una vetrina dell’orrido o del qualunquismo.

Non solo mare in Cilento ma anche le meraviglie del paesaggio collinare che questo territorio offre. Questo celebra, per il nono anno consecutivo il festival “Segreti d’Autore”. Voluto dal Maestro Ruggero Cappuccio. Nadia Baldi, da due anni, ne è il Direttore artistico, è




una delle poche, se non l’unica manifestazione che porta alla ribalta del grande pubblico le meraviglie nascoste che si affacceranno, visitando durante la kermesse parte dei borghi del Cilento Antico: Sessa Cilento, Valle Cilento, Lustra,  Stella Cilento, Gioi Cilento, Serramezzana. Non si può “vivere” di solo sagre o eventi canori che sono per alcuni versi importanti, se espressi in un certo qual modo valorizzano anche il territorio, esse sono insite nella tradizione popolare di questa terra ma, ahimè, a volte, hanno le sembianze di una vetrina dell’orrido o del qualunquismo. Eventi, come “Segreti d’Autore” plaudono, invece,  a quello che è il patrimonio artistico e culturale del Cilento interno non sempre promosso e valorizzato. Ruggero Cappuccio propone da nove anni, uno dei festival più interessanti del panorama artistico/culturale italiano, e lo fa in un territorio meraviglioso, ricco di fascino e di magia. Un Festival tra gli affascinanti borghi storici del Cilento che apre un’indagine sull’ambiente, sulla legalità, sulle scienze e sulle arti. Una manifestazione aperta gratuitamente al pubblico che coinvolge le bellezze paesaggistiche del territorio.  Anche quest’anno Segreti d’Autore – dall’1 al 14 Agosto 2019 – si propone come osservatorio civile dei rapporti tra il patrimonio culturale italiano e studiosi, scrittori, associazioni, musicisti, attori  impegnati per la sensibilizzazione del connubio uomo – territorio.

Tra gli appuntamenti più significativi si segnalano:

L’1 agosto 2019 – 1 agosto 2019 ore 21:00 Serramezzana – Cortile Palazzo Materazzi – Inaugurazione con Tommaso Pellegrino Presidente Parco Nazionale Cilento Vallo di Diano e Alburni;

h.21:30  – Terrore e terrorismo- Federico Cafiero De Raho Procuratore Nazionale Antimafia e Franco Roberti Parlamentare Europeo dialogano con lo scrittore e regista Ruggero Cappuccio in merito al “vero inquietante fantasma del nostro tempo”.  L’atto terroristico, nuova costruzione occidentale del “male assoluto” è analizzato non solo come generalmente inteso, ossia deliberata volontà di diffondere terrore colpendo una popolazione inerme considerata nemica ma anche (sostenendo la tesi del saggio storico di Francesco Benigno), come costruzione di un evento clamoroso capace di risvegliare le masse dal sonno politico e ancora come tecnica bellica usata storicamente in tempi di pace,   strumento di politica interna e internazionale.


H.22:30 “Li Cunti rë ze’ Calista” – Incontro con Patrizia Del Puente, Callista Fragetti, Frate Modesto Fragetti e Francesco Forte. – Letture a cura di Attilio Bonadies – Li Cunti rë ze’ Calista ,edizione Oèdipus,  sono nove cunti raccontati magistralmente da Callista Trotta (morta nel 1999 ad 86 anni) nel dialetto di Postiglione. Dei cunti (oltre al Cd che riporta la voce narrante di Callista) c’è anche la traduzione italiana e quella fonetica (a cura della linguista Patrizia Del Puente). I nipoti Callista Fragetti e Frate Modesto Fragetti ne hanno curato la pubblicazione con le illustrazioni di Francesca Fragetta.

Il 2 Agosto 2019 h.21:00, in Serramezzana – Cortile Palazzo Materazzi – Edoardo Leggieri, biologo marino, dialogherà su: “Spirulina, l’alga del futuro”. Leggieri, ha realizzato e conduce la start up AlghePAM che produce la spirulina nella frazione di Acciaroli e dal 2016 commercializza il prodotto. Si tratta di una microalga verde-azzurra di acqua dolce che viene considerata un elisir di lunga vita possedendo straordinarie proprietà benefiche per la salute dell’uomo. Il sistema adottato dall’azienda è innovativo, basato sull’uso di fotobioreattori, e consente un  impatto positivo sull’ambiente.  

Sempre il 2 Agosto, nello storico cortile di Palazzo Materazzi –  h21:30, “Una Vita tra le stelle”, la regista Nadia Baldi dialoga con Paolo Nespoli. Selezionato nel 1998 come astronauta dall’Agenzia Spaziale Italiana, viene inglobato nel corpo astronauti europeo dell’ESA e distaccato al Johnson Space Center della NASA a Houston. Il suo primo volo nello spazio è stato nel 2007, una missione di corta durata per l’assemblaggio della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Ha volato sulla ISS in missioni di lunga durata nel 2010-11 e nel 2017. Complessivamente ha trascorso 313 giorni nello spazio. Le sue singolari doti affabulatorie ci conducono in un affascinante viaggio accompagnato dalla proiezione di immagini del cosmo;

2 agosto 2019 ore 22:00 Serramezzana – Cortile Palazzo Materazzi-  Rusina – spettacolo teatrale di e con Rossella Pugliese , attrice di origine calabrese che ha lavorato tra gli altri con il celebre Ettore Scola. Rusina è un monologo tragicomico con il quale la Pugliese ha debuttato nella sezione Osservatorio del Napoli Teatro Festival, nelle vesti di autrice, regista ed interprete. È la storia d’amore tra una nonna, Rusina, e la sua nipotina Rossella, un susseguirsi di avvenimenti che regalano ad entrambe la possibilità di uno scambio di ruolo

3 agosto ore 21:00 Valle/Sessa Cilento – Cortile Palazzo Coppola – Tematiche del sottosuolo da Strabone agli scrittori contemporanei – Incontro con l’autrice e dottore di ricerca dell’ Università di Salerno Carmen Lucia – Dal mito platonico della caverna alle Memorie del sottosuolo di Dostoevskiji i luoghi occulti, nascosti, profondi, che siano geograficamente determinati o zone periferiche e inaccessibili della mente, o ancora del corpo sociale, accolgono la vita autentica, per quanto squallida, dolorosa, opprimente. Tematiche del sottosuolo nella letteratura e cultura italiane, numero monografico della prestigiosa “Rivista di Studi Italiani” diretta da Anthony Verna, esamina il mondo sotterraneo, e le sue rielaborazioni culturali, nella letteratura e nel teatro contemporanei, passando per i canti di Orfeo, i riti di sangue, i bassifondi sociali degli autori dialettali, degli Scapigliati, dei paesi ‘esotici’. Vedremo ancora i recessi urbani di Milano e soprattutto di Napoli, con testi di Erri de Luca ed Enrico Bernard. Saggi di (in ordine alfabetico): Enrico Bernard, Daniela Bombara, Elisabetta Convento, Stefania La Vaccara, Carmen Lucia, Elvira Ghirlanda, Chiel Monzone, Paola Nigro, Giovanna Paradiso, Moonjung Park, Roberto Russi, Vincenzo Salerno. A cura di Daniela Bombara.


21:30 A TESTA SUTTA – di Luana Rondinelli – musiche Massimiliano Pace regia Giovanni Carta
produzione Accura Teatro ROMA. Una Palermo assolata e polverosa fa da sfondo alla storia d’U biunnu. Il biondo, bambino dalla pelle chiara e dagli occhi azzurri, è troppo delicato per la vita dura di periferia. Nasce così il rapporto speciale di protezione e di amicizia con il cugino, il suo opposto: il “boss” del quartiere, “nero con gli occhi neri”un dualismo perfetto tra i due cugini, che si completano a vicenda “i piedi e la testa, la testa e i piedi, un gioco, se lo si fa in due non si cade 

4 agosto 2019 ore 21:00 San Mauro Cilento – Cortile Palazzo Mazzarella – “ Per averci creduto” –  incontro con l’autrice e psicoterapeuta  Sandra Pagliuca.  Quanto dura la sofferenza? E’ più persistente la memoria del dolore fisico o di quello che strazia l’animo? Quanto una vittima ed un carnefice possono essere inconsapevoli del ruolo che stanno innescando? A questi interrogativi di fondo, c’è una risposta che echeggia dalle profondità di una Campania che non ha ancora la forza (o la voglia) di discutere dell’inefficienza dei propri mezzi di soccorso, dell’indifferenza della propria sanità pubblica rispetto ai pazienti, di una giovane che elegge a nume tutelare quello che è in realtà un vampiro, che nutre il proprio ego proprio dalla freschezza di un’adolescenza strappata troppo in fretta. Sandra Pagliuca racconta in Per averci creduto, quando il perverso è chi ti cura, che il più grande male risiede proprio nella mancanza di ascolto di un grido disperato di dolore, e nella piena consapevolezza che approfittarsene è uno stato di necessità.

4 agosto 2019 ore 21:30 San Mauro Cilento – Cortile Palazzo Mazzarella – “Il motore di Roselena” – drammaturgia di Antonio Pascale con Gea Martire – regia Nadia Baldi – costumi Carlo Poggioli – spazio Scenico: Rossana Giugliano- progetto luci: Nadia Baldi – produzione Teatro Segreto srl. Storia in forma monologata dell’emancipazione di Roselena, nata e cresciuta dietro al Vesuvio. Il tono è tragicomico, come lei. Roselena è infiammata da una grande passione per le macchine. Una donna! C’è chi si sogna in abito da sposa, chi in tailleur manageriale, lei in tuta da pilota. L’importante nella vita è avere un motore e lei ce l’ha in testa come un chiodo fisso. 

Ricordo che durante questo periodo sarà possibile visitare la Pinacoteca di Sessa Cilento dove sono presenti opere pittorie e scultoree degli artisti Pietro e Rino Volpe.  LEGGI QUI.


Commenta

Potrebbe Interessarti 

Check Also

E’ tempo di spostare le lancette. Siete pronti?

Ad ottobre le giornate continuano ad accorciarsi e le ore di luce diminuiscono sempre più.…