1.7 C
Sessa Cilento
venerdì, 8 Dicembre 2023
Prima PaginaAccademia della VrennaIl Cilentano a volte fa lo "squasuso"

Il Cilentano a volte fa lo “squasuso”




“Squasi”, sostantivo dialettale cilentano che non sembra avere omologhi nella lingua italiana e per questo intraducibile. Nell’uso si associa al verbo “fare”, per indicare – appunto – il comportamento di chi “fa” squasi.

Si usa anche come aggettivo nella forma “squasuso”. Dopo una breve indagine azzardo una descrizione del suo significato. , cerimoniosa, con finalità persuasiva o anche vagamente seduttiva o di “captatio benevolentiae”, caratterizzato da moine o alterazioni anche nella voce oltre che nei gesti.

“Face squasi” o “face u squasuso”, ad esempio, colui che corteggia noncurante di una forma o rinunciando al linguaggio abituale, o il bambino che fa moine o simula lamenti per ottenere dal genitore un dolce o il permesso di giocare o che vorrebbe quasi farsi commiserare nella speranza di una solidarietà o di una simpatia.


Più genericamente sembra indicare l’atteggiamento di chi si “scioglie” mostrandosi fanciullesco o languido, in una sorta di “liquefazione” di ciò che in altre circostanze imporrebbe l’uso di forme o di protocolli di conversazione.

La parola ricorre anche in altri dialetti italiani, ma con significati diversi da quello con cui è usato nel Cilento. Incerto è l’etimo.

© Diritti Riservati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

A causa di nuovi rialzi termici le precipitazioni assumeranno carattere di pioggia su quasi tutto il territorio centro-meridionale, con la quota neve in generale rialzo che qui si attesterà perlopiù tra i 1000 e i 1500 metri. Solo isolatamente riuscirà a spingersi leggermente più in basso.
La filiera della mozzarella di bufala campana Dop fa bene all’ambiente ed è sempre più green e sostenibile. Lo rivela un nuovo studio scientifico, realizzato dal professor Luigi Zicarelli e da Roberto De Vivo, Roberto Napolano e Fabio Zicarelli.
Nuovi collegamenti per le mete sciistiche e turistiche di montagna, più soluzioni di viaggio integrate con treno, bus e aereo e promozioni ad hoc per famiglie e giovani. 

Articoli correlati

Mòccio: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non si rinviene un vocabolo che in lingua italiana assuma perfettamente lo stesso significato dell'uso dialettale. Nel dialetto...
Azzerpulùto: aggettivo del dialetto cilentano, o anche avverbio di modo, che si potrebbe ipotizzare traducibile come participio passato del verbo "asserpolarsi". Nello specifico contesto cilentano,...
"Ammussàta": aggettivo femminile singolare del dialetto cilentano (dal participio passato di "ammussare") . Qui lo decliniamo al femminile in aderenza ad un uso del...

Dallo stesso Autore

Mòccio: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non si rinviene un vocabolo che in lingua italiana assuma perfettamente lo stesso significato dell'uso dialettale. Nel dialetto...
Azzerpulùto: aggettivo del dialetto cilentano, o anche avverbio di modo, che si potrebbe ipotizzare traducibile come participio passato del verbo "asserpolarsi". Nello specifico contesto cilentano,...
"Ammussàta": aggettivo femminile singolare del dialetto cilentano (dal participio passato di "ammussare") . Qui lo decliniamo al femminile in aderenza ad un uso del...