9.5 C
Sessa Cilento
martedì 6 Dicembre 2022
HomeAccademia della VrennaIl Cilentano non sparisce.....scènda

Il Cilentano non sparisce…..scènda

Scendàto“- participio passato del verbo che nel dialetto cilentano si pronuncia “scendà” (nella sua forma tronca all’infinito). Il verbo “scèndà” è traducibile in italiano con “sparire”, “dissolversi”: “Re reciètti re nun’ se mòve ra ddà, ma come me vutài, scendào”, oppure: “ma stài sémbe ‘nnandi ai pièri .. e scènda ‘na vota ppe’ sèmbe!”.

E’ probabile che derivi dal latino “ascendere” e che sia poi stato adoperato nel dialetto con un significato vagamente condizionato dalla tradizione religiosa e dal tema della “ascensione” intesa come fenomeno di un passaggio da uno stato visibile e terreno ad una condizione di invisibilità sottratta al passaggio della morte.



Chi “ascende”, infatti, viene attratto nel mondo spirituale trapassando direttamente ad una condizione di santità o di immortalità. Il cattolicesimo annovera tra le ricorrenze l’Ascensione di Gesù e della Madonna. Anche nella tradizione greca era contemplata l’ascensione dell'”eroe” che viene glorificato attraverso uno “sparire” sui monti, con un significato in cui la “ascensione” o la “sparizione” sanciscono il passaggio diretto all’immortalità.

L’uso dialettale del termine evidentemente risente delle rappresentazioni della religione e del cristianesimo. Si può presumere che il predicatore non trovasse nell’uditorio popolare persone in grado di comprendere a fondo il significato spirituale e teleologico al momento della descrizione della “ascensione”; e – in verità – anche nella teologia ufficiale si rinvengono posizioni non univoche sul tema e sulla sua spiegazione.



Tuttavia, il popolo pare aver conservato nell’inconscio quella inspiegabile descrizione di “ascensione” e pare l’abbia adottata in senso traslato, prosaico, puramente materiale, epurandola evidentemente del suo significato teleologico e spirituale, pur conservandone nel significato quella caratterizzazione di “mistero”.

Pertanto, lo “scendà” del dialetto cilentano, contiene un significato assimilabile allo “sparire”, ma soprattutto allo “sparire improvviso”, repentino, veloce, talmente rapido da far pensare ad un fenomeno sovrannaturale di “dissolvimento” che desta meraviglia o che rimane inspiegabile: “mò propio era ccà, e mò nu’ ngè cchiù: è scendàto!”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Continue to the category

Devi leggere

Caprioli. L’accademia Nazionale Eleatica prosegue il percorso dedicato alla grande musica

Il mese di dicembre si aprirà con un evento unico in Italia: LUCIENNE RENAUDIN VARY, giovanissima trombettista francese, già una leggenda della musica internazionale,...

A Natale consuma campano. Ecco l’iniziativa di sensibilizzazione

Ai nastri di partenza la quindicesima edizione dell'iniziativa denominata "A Natale Consuma Campano" che, attraverso un comitato, si prefigge di sensibilizzare la cittadinanza al...
Contattaci su WhatsaApp

L’Ue detta regole sulla pizza napoletana: ecco quali resteranno fuori dai menù

L’Unione europea tutelerà la Pizza Napoletana Stg, mettendo al bando tutte le imitazioni del prodotto che non rispettano un disciplinare ad hoc. È stato...

Il mese di Dicembre porta piogge. Per il freddo ci sarà da aspettare.

Con l’arrivo di dicembre entra di scena l’inverno meteorologico, la stagione più amata da tutti gli appassionati meteo di freddo e neve. Prima di iniziare...

Campania: le novità del cambio orario invernale del gruppo FS

Oltre 9mila collegamenti al giorno in treno e circa 23mila corse in bus tra Italia ed Europa. Il Polo Passeggeri del Gruppo FS composto...

Dallo stesso Autore