11.7 C
Sessa Cilento
lunedì, 26 Febbraio 2024
Prima PaginaAccademia della VrennaIl Cilentano non inciampa, 'ntròppeca

Il Cilentano non inciampa, ‘ntròppeca

‘Ntroppecà, verbo del dialetto cilentano, diffuso anche nella lingua napoletana, traducibile con “inciampare”, “incespicare”, “intruppare”, “fare capitombolo”. Spiega un’azione che interrompe o altera un incedere che si vorrebbe lineare, limpido, e mirato ad una destinazione (“caminàva pulìto pulìto ppè la scèsa, quànno puòzzi ‘ntruppecà ‘mbacci ‘nu peshkòne!”).

Indica anche l’azione maldestra di chi inciampi e rovini per terra a causa di sconnessione e disarticolazione degliarti inferiori, o per aver messo in malo modo un piede (“currìa apprièsso a’ la pàdda, scartaò tre-quatto iucatùri, e puro u’ purtièri, ma po’ a porta vuòta, ‘ntruppecào ra sùlo”).
Oltre, però, all’azione fisica e materiale dell’inciampo che fa cadere o rotolare, per estensione indica anche altre condotte che si connotano per deviazione, limite, ostacolo. Può consistere, ad esempio, in una difficoltà di linguaggio (“come me verètte, oh!, ‘ntruppecào a parlà!”). Può essere anche un limite nell’apprendimento (“Aviètti mannà a fìglimo a ripetizione privata ca ‘ntruppecàva in matematica”, oppure “E che t’aggia rice, cumpàri mio, vole fà u’ sindaco, face u’ prussòre, ma chìro ‘ntròppeca puro a lègge”).

In questo senso esprime, in senso figurato, l’incerto, l’inabilità, l’imperfezione, l’intoppo, il maldestro, l’imperizia, l’imprevisto in una sequenza o fase.
Per quanto riguarda l’etimo, rientra probabilmente nel novero di quelle tantissime parole di derivazione greca, con il solito dilemma che si accompagna in questa indagine: residuo linguistico della Magna Grecia o, invece, relitto della lingua parlata dai monaci d’oriente che fondarono cenobi in Cilento e, via via, i paesi d’intorno?

Si può ipotizzare una derivazione dal greco antico “ανα-τρέπω” (anatrèpo) che vuol dire “rovescio”, “scivolo”, “cado”. In greco esiste anche il sostantivo “τροπή” (tropè) che sta per “rovesciamento”, “ribaltamento”, compatibili con il significato di ‘ntroppecàre.

© Diritti Riservati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Il Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana Dop punta sull’export e moltiplica le iniziative di promozione all’estero. Dalla Francia al Giappone, la Bufala Campana guarda sempre più ai mercati stranieri,
In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
La cittadina più anziana di Sessa Cilento si è spenta oggi (20 Febbraio)  all’età di 103 anni. Si chiamava Teresina La Greca , residente nell’antico piccolo borgo di Valle Cilento.

Articoli correlati

Mòccio: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non si rinviene un vocabolo che in lingua italiana assuma perfettamente lo stesso significato dell'uso dialettale. Nel dialetto...
Azzerpulùto: aggettivo del dialetto cilentano, o anche avverbio di modo, che si potrebbe ipotizzare traducibile come participio passato del verbo "asserpolarsi". Nello specifico contesto cilentano,...
"Ammussàta": aggettivo femminile singolare del dialetto cilentano (dal participio passato di "ammussare") . Qui lo decliniamo al femminile in aderenza ad un uso del...

Dallo stesso Autore

Mòccio: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non si rinviene un vocabolo che in lingua italiana assuma perfettamente lo stesso significato dell'uso dialettale. Nel dialetto...
Azzerpulùto: aggettivo del dialetto cilentano, o anche avverbio di modo, che si potrebbe ipotizzare traducibile come participio passato del verbo "asserpolarsi". Nello specifico contesto cilentano,...
"Ammussàta": aggettivo femminile singolare del dialetto cilentano (dal participio passato di "ammussare") . Qui lo decliniamo al femminile in aderenza ad un uso del...