Home Blog Accademia della Vrenna Il Cilentano non inciampa, ‘ntròppeca
Accademia della Vrenna - 16 Febbraio 2019

Il Cilentano non inciampa, ‘ntròppeca

Esprime, in senso figurato, l'incerto, l'inabilità, l'imperfezione, l'intoppo, il maldestro, l'imperizia, l'imprevisto in una sequenza o fase. 

‘Ntroppecà, verbo del dialetto cilentano, diffuso anche nella lingua napoletana, traducibile con “inciampare”, “incespicare”, “intruppare”, “fare capitombolo”. Spiega un’azione che interrompe o altera un incedere che si vorrebbe lineare, limpido, e mirato ad una destinazione (“caminàva pulìto pulìto ppè la scèsa, quànno puòzzi ‘ntruppecà ‘mbacci ‘nu peshkòne!”).

Indica anche l’azione maldestra di chi inciampi e rovini per terra a causa di sconnessione e disarticolazione degliarti inferiori, o per aver messo in malo modo un piede (“currìa apprièsso a’ la pàdda, scartaò tre-quatto iucatùri, e puro u’ purtièri, ma po’ a porta vuòta, ‘ntruppecào ra sùlo”).
Oltre, però, all’azione fisica e materiale dell’inciampo che fa cadere o rotolare, per estensione indica anche altre condotte che si connotano per deviazione, limite, ostacolo. Può consistere, ad esempio, in una difficoltà di linguaggio (“come me verètte, oh!, ‘ntruppecào a parlà!”). Può essere anche un limite nell’apprendimento (“Aviètti mannà a fìglimo a ripetizione privata ca ‘ntruppecàva in matematica”, oppure “E che t’aggia rice, cumpàri mio, vole fà u’ sindaco, face u’ prussòre, ma chìro ‘ntròppeca puro a lègge”).

In questo senso esprime, in senso figurato, l’incerto, l’inabilità, l’imperfezione, l’intoppo, il maldestro, l’imperizia, l’imprevisto in una sequenza o fase.
Per quanto riguarda l’etimo, rientra probabilmente nel novero di quelle tantissime parole di derivazione greca, con il solito dilemma che si accompagna in questa indagine: residuo linguistico della Magna Grecia o, invece, relitto della lingua parlata dai monaci d’oriente che fondarono cenobi in Cilento e, via via, i paesi d’intorno?

Si può ipotizzare una derivazione dal greco antico “ανα-τρέπω” (anatrèpo) che vuol dire “rovescio”, “scivolo”, “cado”. In greco esiste anche il sostantivo “τροπή” (tropè) che sta per “rovesciamento”, “ribaltamento”, compatibili con il significato di ‘ntroppecàre.

Potrebbe Interessarti 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami

Check Also

Nel Cilento non solo il gatto può essere “frièstico”

Si definisce “frièstico” il gatto che non si lascia accarezzare, che vive fuor…