6.1 C
Sessa Cilento
venerdì, 1 Marzo 2024
Prima PaginaAccademia della Vrenna"Ngappammòcca", l'analisi dell'Accademia della Vrenna

“Ngappammòcca”, l’analisi dell’Accademia della Vrenna

“Ngappammòcca”, sostantivo ed aggettivo maschile – sia singolare che plurale – del dialetto cilentano, traducibile in italiano con “credulone” ed usato in senso dispregiativo. (Frasi tipiche sono: “ma nu’ bbìri ca te ‘mbròglia … stù ngappammòcca”; “chèro ca re rìce a muglière chèro fàce chiràto ngappammòcca ca nu’ bbère mango le ccorna ca tène”; “chìro cuntàva palle, e chiràto stìa a sènte come ‘nu ngappammòcca”).



Indica la persona incline a prendere per vere circostanze riferitegli da altri: o con intenti semplicemente canzonatori (dando luogo in tal caso ad un semplice dileggio), o anche con finalità fraudolente (per porre in essere un artificio onde ottenerne profitto o utilità) o di giustificazione di condotte altrimenti dispiacevoli.

Rappresenta, quindi, la persona con una propensione alla acritica accettazione sulla versione di fatti e sulla ricostruzione di rapporti tra persone, suscettibile di reazioni inconsulte o di rovinare amicizie o di ingenerare equivoci.



Non di rado l’uso del termine viene accompagnato con il gesto di unire i polpastrelli delle dita al pollice portarseli per due volte verso la bocca a simulare un imboccare o un bere (e non è un caso che in italiano il termine possa essere reso con il verbo “bèrsela” o “non bèrsela”, ossia “crederci” o “non crederci”).

Chi lo usa pare mettere un accento critico anche nei confronti del propinatore, di colui che ha odorato la facile suscettibilità dello “ngappammòcca” ed è capace per questo di dirigerne le reazioni.

La parola nasconde anche una sottile e malcelata inclinazione del “ngappammòcca” a farsi intenzionalmente abbindolare a causa di un debole sentimentale o per assecondare capricci altrui dovuti a cecità da passione. In alcuni contesti può indicare anche una condizione di spaesato o di attesa (“ddà stìa c’aspettava fòre a la posta come ‘nu ‘ngappammòcca” ca nu’ bbirìa ca era chiusa”).

© Diritti Riservati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Botta e risposta tra Orazio Schillaci e Vincenzo De Luca. A scatenare la scintilla sono stati i manifesti della Regione Campania in cui la premier Meloni veniva presa di mira e si attribuiva al Governo la chiusura dei pronto soccorso, giudicati dal ministro della Salute “falsa propaganda
Altri 3mila metri quadri di area museale aperti al pubblico. Con la benedizione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La Reggia di Caserta
Una maxi-treccia tricolore in onore del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che oggi ha inaugurato la nuova ala ovest della Reggia di Caserta.

Articoli correlati

Mòccio: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non si rinviene un vocabolo che in lingua italiana assuma perfettamente lo stesso significato dell'uso dialettale. Nel dialetto...
Azzerpulùto: aggettivo del dialetto cilentano, o anche avverbio di modo, che si potrebbe ipotizzare traducibile come participio passato del verbo "asserpolarsi". Nello specifico contesto cilentano,...
"Ammussàta": aggettivo femminile singolare del dialetto cilentano (dal participio passato di "ammussare") . Qui lo decliniamo al femminile in aderenza ad un uso del...

Dallo stesso Autore

Mòccio: sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non si rinviene un vocabolo che in lingua italiana assuma perfettamente lo stesso significato dell'uso dialettale. Nel dialetto...
Azzerpulùto: aggettivo del dialetto cilentano, o anche avverbio di modo, che si potrebbe ipotizzare traducibile come participio passato del verbo "asserpolarsi". Nello specifico contesto cilentano,...
"Ammussàta": aggettivo femminile singolare del dialetto cilentano (dal participio passato di "ammussare") . Qui lo decliniamo al femminile in aderenza ad un uso del...