6.2 C
Sessa Cilento
sabato 4 Febbraio 2023
Accademia della VrennaTàta nel dialetto Cilentano

Tàta nel dialetto Cilentano

Tàta, sostantivo maschile del dialetto Cilentano che sta per “padre”. Si tratta di termine che – almeno col significato di “padre” – ormai volge all’estinzione nell’uso parlato nel Cilento, come anche in tutto il Meridione e nel Napoletano nel quale pure si riscontra con lo stesso significato (ad esempio, Edmondo De Amicis dà atto del suo uso in un passo del libro “Cuore” laddove si legge ” … aveva mandato a Napoli il figliuolo maggiore, con qualche soldo, ad assistere suo padre, il suo «tata», come là si dice”, e anche Silvio Pellico ne fa un abbondante uso nei dialoghi in lingua trasteverina in “Francesca da Rimini”).

Interrogando gli anziani si ha conferma del suo uso anche nelle nostre zone.

Sul significato di “tàta” nella parlata dei Cilentani si soffermò Federico Piantieri nel suo opuscolo a stampa “Del Cilento e del suo dialetto.

Lettera di Federico Piantieri ad Ernesto Palumbo”, pubblicato nel 1870, segno che evidentemente la parola era ancora molto usata in Cilento a quel tempo. Per quanto il citato opuscolo del Piantieri non avesse una pretesa di rigore scientifico, tuttavia proclamava l’importanza del dialetto come sintesi di depositi secolari nelle cui profondità si sarebbero potute dragare tracce di esodi, di popoli e di loro stanziamenti su un territorio, fino a giungere persino a rilevare etimi comuni a popoli lontanissimi.

Secondo il Piantieri “tata” è “una voce popolare che ha il suo riscontro in una parola slava che significa padre ed in un’altra ebraica che val generatore”.

Tuttavia sarebbe stato improbabile che i due etimi fossero comuni vista la lontananza tra le due lingue. Infatti, scrive Piantieri: “.. i nostri popolani non l’hanno certamente pigliata né dagli Slavi né dagli Ebrei, perché è voce primitiva de’ bimbi, i quali o cominciano a snodar la lingua col monosillabo pa, onde papà, oma, onde mamma, o ta, onde tata”.

In questa origine naturale starebbe la fonte della parola come l’hanno usata anche nel dialetto del Cilento: “E’ la natura della gorga umana che simile in tutti gli uomini forma parole simili in tutt’i popoli del mondo.”


Apprezzabile spiegazione che trova conferma anche nel Dizionario etimologico della lingua italiana di Ottorino Pianegiani che, alla voce “tata”, accomuna termini che riportano al tedesco, allo spagnolo, al portoghese, al cimbrico, all’irlandese, all’inglese, all’albanese, al boemo, al gotico, al latino, nelle quali lingue indica, oltre al “padre”, un familiare, sorella, fratello o nonno. Il dizionario della Treccani la descrive come “duplicazione della sillaba ta, consueta nel balbettio e nel richiamo dei bimbi”, evidenziando come anche nel latino, nel greco “τάτα, τατᾶ e τέττα) e nel sanscrito (“tatah”) la parola era utilizzata col significato di “padre”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Post correlati

Dello stesso Autore

Devi Leggere

Agropoli e Trentinara unite da un unico comune denominatore: l’amore.

Le due comunità cilentane si uniscono per dar vita all’iniziativa “I Borghi dell’Amore” cinque giorni di eventi dal 10 al 14 febbraio 2023 per celebrare San Valentino. Questo...

Riattivata la linea FS Battipaglia Potenza

Dalle 14 di oggi (01/02/2023) torneranno a circolare i treni tra le stazioni di Romagnano e Buccino, sulla linea Battipaglia – Potenza. La circolazione su...

Perdifumo: bimbo di 5 mesi muore. La denuncia dei genitori

Era stato visitato poche ore prima in ospedale per problemi respiratori, ma poi rimandato a casa. Ma nel giro di 24 ore, dopo una...

Meteo: freddo asciutto al nord, neve a quote basse al centrosud

Davvero tanta la neve caduta sugli Appennini centromeridionali in questi giorni dopo il lungo digiuno natalizio. Nevicate particolarmente intense sul versante adriatico vista l’esposizione ai...

Gli Ebrei a Salerno. L’iniziativa della Soprintendenza ABAP

In occasione della Giornata della Memoria, istituita per ricordare le vittime dell’Olocausto e di ogni altra forma di discriminazione e odio razziale, presso la sala “Mario...