sabato 21 Maggio 2022
21.1 C
Sessa Cilento
- Pubblicità -
HomeMagazineStoriaNel 1861 il Deputato del Cilento ringraziava così

Nel 1861 il Deputato del Cilento ringraziava così

- Pubblicità -

Così, nel 1861, il Barone Francesco Antonio Mazziotti ringraziava il popolo del Cilento per la sua Elezione a Deputato nel nuovo Parlamento d’Italia.

Egli nacque a Stella Cilento, dal barone Pietro Mazziotti (figlio di Ferdinando Mazziotti barone di Celso e S. Maria della Stella, signore di Torricelli e dalla nobile Giustina Vassalli) e da Anna Maria Sodano, una donna di umili condizioni.Insigne personaggio del Cilento, per anni fautore ed organizzatore, soprattutto nel suo palazzo di Celso di incontri di liberali, mascherati da circoli culturali, essendone, poi, nel 1848 promotore dei moti del Cilento, che costrinsero il re Ferdinando II di Borbone a concedere una costituzione liberale e ad istituire un parlamento, diviso in due camere, quella dei pari e quella dei deputati.

Eletto deputato il 2 maggio dello stesso anno, fu un accanito oppositore dell’ambiente reazionario che permeava la corte napoletana e il re, deciso a riprendere il suo potere assoluto.

- Pubblicità -

Fu rieletto deputato del Regno d’Italia nel 1867 per il solo collegio di Torchiara , sostenendo alla camera dei deputati le posizioni della destra cattolica.

Quando infatti il 15 maggio Ferdinando II ruppe con i liberali e sciolse il Parlamento, fu tra i firmatari (in tutto 66) della cosiddetta dichiarazione Mancini, che si opponeva allo scioglimento dell’assemblea.

-Pubblicità-

Due giorni dopo, Mazziotti fece parte del comitato promotore della rivolta della province calabresi e del Cilento, per costringere il re a capitolare.

Rieletto il 15 luglio, il barone continuò ad opporsi alla politica reazionaria del re. Il 4 febbraio 1849 fu vittima di un attentato, probabilmente da parte di elementi della polizia borbonica[senza fonte]. Nel luglio dello stesso anno il re sciolse definitivamente il parlamento e il barone fu aiutato ad espatriare grazie alla diplomazia francese: da Civitavecchia raggiunse via mare Genova, nel Regno di Sardegna, dove sbarcò il 16 ottobre 1849; la moglie lo seguì nel settembre del 1850.

Leggi anche:   3 Marzo 1944. La tragedia ferroviaria di Balvano

Mazziotti fu processato in contumacia per alto tradimento e il 16 novembre 1853 fu condannato a morte con la confisca dei beni.

Durante l’esilio genovese il Mazziotti continuò ad occuparsi della riorganizzazione degli esuli liberali e aderì alla Società Nazionale di Daniele Manin, che propugnava l’unificazione dell’Italia sotto lo scettro dei Savoia.Francesco Antonio Mazziotti morì improvvisamente il 29 gennaio 1878 a Napoli, a 76 anni, alla vigilia del suo terzo mandato. Questo un passaggio del suo comunicato: <<…Mostratevi sempre quei generosi Cilentani, che facevano ogni anno duri sforzi per spezzare le dure catene Borboniche…>>

- Pubblicità -

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandro Giordano
Alessandro Giordano
Dal Marzo 2015 racconto la nostra terra, il Cilento, mostrandola con gli occhi di chi la ama, la vive e vuole contribuire a farla apprezzare di più ai turisti e ai Cilentani stessi. La Storia, i Personaggi, la Cultura, le Tradizioni e le Contraddizioni, il patrimonio artistico, gli eventi e le iniziative in programma che ritengo più interessanti segnalare, i musei, le attrazioni e le proposte per i turisti, il cibo ed i prodotti del territorio sono i temi principali dei miei articoli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Helia, l’abate che fece sopprimere il monastero della Badia di Pattano

0
Questi racconti punteggiano la storia del Cilento, un angolo privilegiato per le bellezze naturali e...

3 Marzo 1944. La tragedia ferroviaria di Balvano

0
Un tragico evento che all’epoca sconvolse tutto il mondo e che ancora oggi ha impresso...

La sacralità del Cilento si identifica in una Donna e Dea

2
"La città non dice il suo passato, lo contiene come le linee d’una mano, scritto...

Acciaroli e la voglia di autonomia del ’55

0
Il sole è ormai tramontato su quella che poteva essere l’indipendenza del Cilento da Salerno...

I Filadelfi ed i moti del Cilento

0
E’ innegabile che la rivolta nel Cilento del Giugno/Luglio 1828 fu voluta ed organizzata da...

Soldati del Cilento: lettere dalla grande guerra.

0
Il 24 maggio 1915 l’Italia entrò in guerra contro l’Austria, a fianco dell’Intesa: Regno Unito,...

Articoli correlati

Helia, l’abate che fece sopprimere il monastero della Badia di Pattano

0
Questi racconti punteggiano la storia del Cilento, un angolo privilegiato per le bellezze naturali e...

3 Marzo 1944. La tragedia ferroviaria di Balvano

0
Un tragico evento che all’epoca sconvolse tutto il mondo e che ancora oggi ha impresso...

La sacralità del Cilento si identifica in una Donna e Dea

2
"La città non dice il suo passato, lo contiene come le linee d’una mano, scritto...

Acciaroli e la voglia di autonomia del ’55

0
Il sole è ormai tramontato su quella che poteva essere l’indipendenza del Cilento da Salerno...

I Filadelfi ed i moti del Cilento

0
E’ innegabile che la rivolta nel Cilento del Giugno/Luglio 1828 fu voluta ed organizzata da...

Soldati del Cilento: lettere dalla grande guerra.

0
Il 24 maggio 1915 l’Italia entrò in guerra contro l’Austria, a fianco dell’Intesa: Regno Unito,...

Altri dall'Autore

Stella Cilento verso le amministrative. “Caro Avvocato, la Tua strada inizia da qui!”

0
Quello delle Amministrative, è l'appuntamento più importante per i nostri territori, chiamati a scegliere i...

Sessa Cilento. Dopo lo stop pandemico torna la tradizionale processione

0
Dopo due anni di stop il 2022 ha visto il  ritorno dei pellegrini lungo le...

“Una libreria in un posto come il Cilento è come una piccola oasi nel deserto!”

0
Negli ultimi mesi, e forse anche anni, si è parlato spesso di librerie che chiudono.Vuoi...

Dal Cilento all’Ucraina. La Pasqua di Resurrezione ai tempi dell’odio

0
La consapevolezza che  la Pasqua di quest’anno avrebbe avuto un significato diverso rispetto al passato è arrivata...

Stella Cilento: si inaugura la “Casa della musica”

0
Il 26 Febbraio 2022, sarà un  giorno importante per la comunità di Stella Cilento: si...

Da Sessa Cilento al Festival di Sanremo. Ecco la Designer Teresa Massanova

0
Wedding Planner e Designer di successo, Teresa Massanova, per il quinto anno consecutivo, approda a Casa...
- Pubblicità -

Devi leggere

29 Maggio. Riapre al culto il Santuario del Sacro Monte Gelbison

Il Santuario della Madonna del Sacro Monte di Novi Velia riaprirà il 29 maggio p.v., ultima domenica del mese.  Il Santuario di Maria ritornerà a essere aperto...

Seconda metà di maggio: caldo estivo, sempre più forte

L’estate inizia, pian piano, a scaldare i motori, tanto che la seconda parte del mese di maggio ora rischia di essere dominata dal ritorno dell’opprimente...

Il Consorzio ricotta di bufala Campana Dop sceglie la continuità. Benito La Vecchia confermato Presidente: “pronti a crescere ancora”

Il Consorzio di Tutela della Ricotta di Bufala Campana Dop sceglie la continuità: Benito La Vecchia è stato rieletto presidente e inizia così il suo terzo mandato...
- Pubblicità -

Devi leggere

EU Agrifood Week: nel Cilento e non solo, dieci giorni di iniziative per celebrare la biodiversità

Nella Giornata Mondiale della Biodiversità il Paideia Campus festeggia il primo anno di attività a Pollica, nel cuore del Cilento. Per l’occasione Future Food Institute, in...

Ricerca di Unisa sul territorio della Comunità Montana Alento-Monte Stella

Nella mattina di lunedì 16 maggio,  all'Università degli Studi di Salerno, i professori Massimiliano Bencardino e Alfonso Conte, tra i docenti responsabili del corso...

Festival Nazionale della Dieta Mediterranea. Al Mipaaf l’evento di lancio

Mercoledì 18 maggio alle ore 11, nella sala Cavour del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, in via XX Settembre 20 a Roma, si terrà la conferenza...