sabato 23 Ottobre 2021
16.6 C
Sessa Cilento
sabato 23 Ottobre 2021
Prima PaginaMagazineIl tesoro di Alarico, la tesi: "potrebbe trovarsi nel Cilento"

Il tesoro di Alarico, la tesi: “potrebbe trovarsi nel Cilento”

-Pubblictà-

Il concetto di caccia al tesoro stuzzica da tempo la nostra immaginazione, che si tratti di Robert Langdon che insegue gli indizi ne Il codice da Vinci o Tintin, il giovane famoso viaggiatore, che recupera ogni volta un altro antico tesoro senza prezzo. Ma perché queste ricerche dovrebbero essere relegate solo alle pagine di un romanzo?

Cercare uno di questi tesori leggendari , un relitto carico di zaffiri o una città d’oro, potrebbe non portare alla fortunata scoperta. Tuttavia esplorare intriganti, paesaggi, dove i tesori apparentemente giacciono, è già una ricca ricompensa. Qualcosa che potrebbe toccare da vicino anche il Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano – Alburni, una caccia al tesoro che potrebbe portare alla scoperta del famoso tesoro di Alarico, composto da 25 tonnellate di oro e 150 tonnellate di argento, che secondo la tesi di alcuni studiosi potrebbe trovarsi nel fiume Bussento, nei pressi di Policastro e non come alcune cronistorie lo posizionavano, ossia nel fiume Busento nei pressi di Cosenza.

Ma chi era Alarico?

Alarico era un famoso re goto, il primo che riuscì a mettere a sacco la Roma imperiale nel 410 d.C.. Il re si fece consegnare tutte le ricchezze di Roma e la mano di Galla Placidia, figlia dell’imperatore Teodosio. Morì a causa di una febbre acuta e fu sepolto in tenuta di guerra col suo cavallo e con i tesori dei templi pagani che Alarico era solito svuotare sistematicamente. Stando ai versi del poeta August von Platen, tradotti da Giosuè Carducci, la tomba di Alarico si troverebbe, come detto, nel fiume Busento vicino Cosenza, in Calabria. Alcuni studiosi, però, non sono d’accordo.
Lo scrittore, storico e numismatico Angelo Raffaele Amato, nel suo libro ‘Il tesoro di Alarico‘, tenta di dimostrare l’ipotesi che il sepolcro del re goto si trovi in Cilento e non in Calabria. Amato riporta la tesi che il professore Don Luigi Tancredi, studioso di storia, ha esposto nel testo ‘Alarico, re dei Visigoti – La localizzazione del sepolcro e del tesoro‘: secondo questa teoria il sepolcro potrebbe trovarsi nel Bussento di Policastro e non nel fiume Busento. Alla base del “cambio di location” ci sarebbe un errore da parte dei copisti, che si sarebbero persi per strada una “s”.

Per l’esperto c’è anche una spiegazione storica che proverebbe l’inesistenza del sepolcro nei pressi di Cosenza e che, quindi, avvalorerebbe la sua tesi: Alarico, secondo questa teoria, non avrebbe avuto alcun interesse a spingersi fin lì dal momento che era a corto di armamenti e non avrebbe potuto far alloggiare il suo esercito. Ciò, invece, sarebbe stato possibile nell’ampia valle compresa tra il Bussento e il Mingardo. La zona in questione, nota per la sua fertilità, sarebbe stata percorsa dai Visigoti per dirigersi verso sud e sarebbe stata un’area perfetta per lo stanziamento di un esercito. L’obiettivo dei Goti sarebbe stato quello di imbarcarsi per la Sicilia e, da lì, raggiungere l’Africa.

Allo stato attuale, gli scavi realizzati nell’area di Policastro e Mingardo non hanno confermato la tesi degli esperti che ritengono che il tesoro di Alarico si trovi nel Cilento e non in Calabria.

© Riproduzione Riservata

Massimo Cercola
Massimo Cercola, appassionato di storia e territorio. Redattore della pagina "GeoBlog" di Cilento Reporter, un piccolo progetto, nato dall’esigenza, non solo di far conoscere le “bellezze” del territorio, attraverso una semplicissima applicazione web, ma anche quelle che sono le vicende e le storie legate ai monumenti, ai luoghi di culto o al semplice epitaffio che contraddistingue ed identifica con la propria forza storica, ogni angolo di questa meravigliosa terra: il Cilento !

Il portale di informazione web "Cilento Reporter" da sempre con impegno e  dedizione per un'informazione libera da qualsiasi vincolo, economico e non. Stiamo continuando ad aggiornarti e a informarti in questo periodo così sconcertante. Ma abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a far sentire la nostra, la Tua voce. A volte siamo scomodi, ma notiamo che i nostri articoli sono molto seguiti. A volte siamo sinceri e schietti fino all'antipatia, ma notiamo che c'è bisogno anche di questo. A volte siamo duri, ma quando la situazione lo richiede.
Siamo sempre liberi, perché  non ci lega vincolo alcuno. Non percepiamo fondi pubblici e selezioniamo rigorosamente le pubblicità accettandole solo se provengono da realtà etiche e che hanno a cuore l'ambiente e la salute.
Per questo continuare a far sentire la nostra voce non è facile. E abbiamo bisogno di te che ci leggi, come di tutti coloro che hanno a cuore l'informazione indipendente.

spot_img

Devi leggere

Trenitalia: dal 25 ottobre due nuove corse tra Salerno e Torre Annunziata centrale

A partire da lunedì 25 ottobre due nuove corse collegheranno Salerno e Torre Annunziata, potenziando così l’offerta del trasporto regionale nella fascia pendolare del...
Pubblicità

Notizie Correlate

Altre Notizie

Dello stesso autore

Trenitalia: dal 25 ottobre due nuove corse tra Salerno e Torre...

0
A partire da lunedì 25 ottobre due nuove corse collegheranno Salerno e Torre Annunziata, potenziando così l’offerta del trasporto regionale nella fascia pendolare del...

A Palazzo Coppola, “rivivono” le mostre di Segreti d’Autore XI edizione

0
Un' occasione per  ripercorrere una parte dell’evento culturale dell’estate 2021, il Festival Segreti d’Autore che riapre le porte con le mostre che hanno caratterizzato...

Salerno. “Incursioni Contemporanee” al complesso Monumentale di San Pietro a Corte

0
“Incursioni contemporanee”  è una iniziativa della Soprintendenza ABAP di Salerno e Avellino diretta da Francesca Casule che mette in relazione passato e presente, memoria...

L’olio del Cilento sbarca a Monaco di Baviera

0
I prodotti del Cilento sbarcano a Monaco di Baviera dal 17 novembre prossimo grazie ad un accordo di "Campania Tipica" (marchio che raccoglie circa...

“Io Non Rischio 2021”, domenica 24 ottobre doppio appuntamento nelle piazze...

0
Domenica 24 ottobre l’appuntamento è con “Io Non Rischio”, la campagna promossa dal Dipartimento della Protezione Civile, dall’Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze - Anpas, dall’Istituto...

Nuovo Digitale Terrestre, cosa cambia da oggi?

0
È arrivata la data che darà l’avvio al nuovo digitale terrestre, quella del 20 ottobre. Al momento sono 15 i canali che a partire...