Home Blog Scienza e Ambiente Esiste il rischio tsunami anche lungo la costa campano lucana? Il “testamento” del prof.Ortolani
Scienza e Ambiente - 25 Novembre 2019

Esiste il rischio tsunami anche lungo la costa campano lucana? Il “testamento” del prof.Ortolani

Aveva a cuore le sorti del Cilento il prof. Franco Ortolani, geologo di fama mondiale e da questa ultima legislatura, Senatore della Repubblica Italiana: Lui era nato a Molinelle (Bo), ma le sue radici erano Cilentane, di Torre Orsaia;  

Fino all’utimo, insieme al prof. Franco Castiello avevano portato al cospetto del Parlamento Italiano, un grido di allarme che ora più che mai insiste sul nostro territorio. Questo che segue è lo stralcio di un’interrogazione Parlamentare che i due Senatori hanno presentato quasi, ormai, un anno fa.

L’ultimo disastroso tsunami che ha colpito le coste calabresi e siciliane dello Stretto di Messina è stato quello innescato da una grande frana sottomarina attivatasi in seguito al terremoto del 1908.
Troppo lontano il ricordo?
Sembra di si dal momento che oltre ad approfonditi studi sugli tsunami nessuna legge è stata emanata circa la tutela dei cittadini e dell’ambiente urbanizzato e antropizzato della fascia costiera.
Con il collega Senatore F. Castiello abbiamo predisposto una interrogazione per richiamare l’attenzione del Governo su questo, fino ad ora, trascurato problema.
Ecco la conclusione dell’interrogazione “Quali iniziative attuabili sul territorio, anche di tipo sperimentale, i ministri in indirizzo intendano assumere, oltre a studi e ricerche, al fine di procedere ad una valutazione della sicurezza della fascia costiera urbanizzata e antropizzata, in termini di pericolosità e rischio potenziale da tsunami.

Quest’ultimo risulta scientificamente rilevante e non risulta sia stato realizzato e attivato un sistema di allarme precoce. E’ socialmente doverosa una istituzionale valutazione sia in considerazione dei rilevanti, ultimi fenomeni eruttivi dei vulcani appartenenti all’arco insulare eoliano (Stromboli) che, soprattutto, in virtù della diffusa antropizzazione, affollamento e popolosità (specialmente nel periodo estivo, in quanto comuni turistici) dei territori rivieraschi, facilmente inondabili in quanto – per la maggior parte – ubicati a quote di pochi metri al di sopra del livello medio marino, quali, ad esempio, nel Cilento: Paestum, Agropoli, Casal Velino, Velia, Ascea Marina, Scario, Policastro, Capitello, Villammare, Sapri, e in Basilicata Maratea, in Calabria Marina di Tortora, Praia a Mare, Scalea etc.”.

Circa il reale rischio tsunami facciamo riferimento ad una pubblicazione scientifica relativa agli effetti dello tsunami del 2002 innescato da una frana che ha interessato un versante dello Stromboli “Near- and far-field survey report of the 30 December 2002 Stromboli (Southern Italy) tsunami. Marine Geology • February 2005, di Alessandra Maramai, Laura Graziani, Giuliana Alessio, Pierfrancesco Burrato”.
Nella figura A sono indicati i luoghi nei quali sono stati rinvenuti e studiati gli effetti delle onde. Nella figura B sono evidenziati i siti nel Cilento. Nella figura C (allegata all’interrogazione – non presente) in base alle evidenze riscontrate dagli autori (riquadro f) è stato ricostruito dallo scrivente con la linea azzurra punteggiata il limite della zona invasa dall’acqua sovrapposto ad una foto satellitare dell’agosto 2011 che consente di apprezzare l’affollamento di bagnanti nella spiaggia a sud del porto di Marina di Camerota. La figura D (allegata all’interrogazione – non presente) illustra la stessa zona di Marina di Camerota ripresa in marzo senza bagnanti, cioè nella stessa situazione che si aveva quando le onde hanno interessato la spiaggia nel 2002.
Non si è trattato di onde devastanti; si tenga presente che hanno investito la costa invadendola per varie decine di metri quando sulle spiagge non c’era nessuno.

Le testimonianze raccolte evidenziano prima il ritiro dell’acqua marina e poi la risalita con onde che per qualche decina di minuti hanno invaso alcune decine di metri di spiaggia.
Non si tratta di fare allarmismo ma una corretta informazione visto che il problema tsunami esiste. Inutile continuare a fare finta di niente come fatto dai governi che si sono succeduti dal 2002 fino al 4 marzo 2018. Prima di tutto una adeguata azione di informazione va realizzata nelle scuole e presso le associazioni di cittadini.
Tutti devono sapere che se vedono un improvviso ritiro dell’acqua del mare devono immediatamente raggiungere l’entroterra in posizione il più in alto possibile.
Interventi pilota vanno progettati e realizzati in spiagge significative.

E poi vanno utilizzati i dati raccolti con le ricerche scientifiche al fine di mettere a punto un valido sistema di allarme precoce che sia diffuso e conosciuto e ben “spiegato” e indicato sui territori.
La buona ricerca richiede buoni amministratori che mettano a frutto i risultati per garantire e tutelare i cittadini. Gli effetti delle onde sulla costa sono diversi in relazione alla propagazione delle onde stesse, come verificato anche nei recenti tsunami oceanici. Come si vede dalla ricostruzione scientifica le coste del Cilento investite perpendicolarmente dai fronti d’onda hanno ne risentito maggiormente rispetto alle coste calabre. In questa nota ho evidenziato l’impatto di un piccolo tsunami recente verificato da scienziati per dare concretezza alle considerazioni. Molti temono uno tsunami originato da frane lungo i versanti del Marsili.

Faccio presente che il Marsili ma anche tutte le scarpate sommerse instabili che contornano le coste tirreniche possono essere interessate da frane sottomarine specialmente in seguito a terremoti anche con epicentro in terraferma come accaduto molte volte negli ultimi 1000 anni.
Gli effetti potenziali lungo le coste tirreniche dipendono dal tipo di frana: velocità, metri cubi, ubicazione ecc. nonché ubicazione della frana.
Cominciamo ad affrontare il problema…

Le foto sono tratte da: Near- and far-field survey report of the 30 December 2002 Stromboli (Southern Italy) tsunami

 

Commenta

Potrebbe Interessarti 

Check Also

Gli effetti devastanti del terremoto del 1980

Colpì una vasta area dell’Appennino meridionale con effetti devastanti soprattutto in…