6.9 C
Sessa Cilento
mercoledì, 21 Febbraio 2024
Prima PaginaMagazineScienza e Ambiente“Parole per la Terra”. L'Ingv vi invita ad immergervi in un viaggio...

“Parole per la Terra”. L’Ingv vi invita ad immergervi in un viaggio di conoscenza del nostro pianeta. Le tappe in Campania

Da giovedì 25 a sabato 27 gennaio preparatevi a un’esperienza straordinaria con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). Vulcanologi, sismologi, esperti di ambiente…. vi aspettano alla 5° edizione di “Parole per la Terra“, la manifestazione che si svolge in tutta Italia, in varie sedi dell’Istituto. 

Un’opportunità unica per immergersi nella vita del Pianeta Terra, con i suoi respiri, i suoi borbottii, i suoi movimenti, scoprendo anche quanto possiamo fare per la prevenzione delle zone a rischio sismico e vulcanico e per la salvaguardia del nostro prezioso pianeta. In questa 5^ edizione, i ricercatori vi accompagneranno in iniziative coinvolgenti alla scoperta delle attività scientifiche più innovative e tecnologiche messe in campo dall’INGV.  Scoprire dalla viva voce dei protagonisti le ultime scoperte scientifiche e sostenere insieme la costante attenzione dell’INGV verso il territorio, l’ambiente e la mitigazione dei rischi sarà un’esperienza unica per tutta la famiglia.  Parole per la Terra è più di un evento: è un viaggio emozionante nella bellezza della geofisica e un impegno collettivo per la tutela del nostro straordinario pianeta. 

Ercolano, Vesuvio (Napoli) Venerdì 26 gennaio | Sede Storica dell’Osservatorio Vesuviano, Via dell’Osservatorio dalle 10:30 alle 13:30 

VISITE GUIDATE E PROIEZIONI DI FILMATI : I visitatori, previa prenotazione, potranno visitare la sede storica dell’Osservatorio Vesuviano e assistere alla proiezione dei filmati: – Il vulcanologo, un mestiere con tante facce, a cura di Mauro Di Vito – Pompei 79 d.C., studio di un’eruzione, a cura di Mauro Di Vito – L’eruzione del 79 d.C. del Monte Vesuvio, a cura di Elisa Trasatti

Venerdì 26 gennaio | Sede Storica dell’Osservatorio Vesuviano, Via dell’Osservatorio – dalle 10:30 alle 13:30  Percorso divulgativo interattivo RICORDO_CONOSCO_RIDUCO, la Scienza itinerante

I TERREMOTI: GLI EFFETTI DI SITO, IL RISCHIO SISMICO E LA SUA MITIGAZIONE : Il percorso didattico ha lo scopo di aumentare la conoscenza del fenomeno terremoto, attraverso due strumenti chiave come la memoria storica, e la conoscenza scientifica dei terremoti.  Questi due elementi sono infatti fondamentali per raggiungere il fine ultimo di incrementare nel visitatore la percezione e la consapevolezza del rischio sismico e, di conseguenza, la capacità di applicare tutte quelle buone norme utili a ridurlo. – A chi è rivolta: studenti delle scuole superiori e pubblico di tutte le età

Venerdì 26 gennaio | Sede Storica dell’Osservatorio Vesuviano, Via dell’Osservatorio – dalle 10:00 alle 12:30

SEMINARI: I ricercatori dell’INGV terranno nella Sede storica seminari di approfondimento sui vulcani e terremoti dell’area campana e su tematiche ambientali – 10:00 – 10:30 | I vulcani dell’area napoletana, a cura di Fabio Sansivero – 11:00 – 11:30 | Il Vesuvio e l’arte, a cura di Tullia Uzzo – 12:00 – 12:30 | Terremoti in Appennino e in aree vulcaniche, a cura di Girolamo Milano – A chi è rivolta: studenti delle scuole superiori e pubblico di tutte le età

Venerdì 26 gennaio | Sede Storica dell’Osservatorio Vesuviano, Via dell’Osservatorio – dalle 10:30 alle 13:30

IL MONITORAGGIO DELLE AREE VULCANICHE ATTIVE: Accolti dal Direttore dell’Osservatorio Vesuviano, i visitatori entreranno in una Sala di Sorveglianza allestita nella sede museale dove potranno visualizzare i segnali della Rete di Monitoraggio dell’INGV, così da vedere “dal vivo” le attività di sorveglianza delle aree vulcaniche attive. – A chi è rivolta: studenti delle scuole superiori e pubblico di tutte le età

Sabato 27 gennaio | Sede Storica dell’Osservatorio Vesuviano, Via dell’Osservatorio dalle 10:30 alle 13:30

VISITE GUIDATE: I visitatori, previa prenotazione, potranno visitare la sede storica e assistere alla proiezione dei filmati – Il vulcanologo, un mestiere con tante facce, a cura di Mauro Di Vito – Pompei 79 d.C., studio di un’eruzione, a cura di Mauro Di Vito – L’eruzione del 79 d.C. del Monte Vesuvio, a cura di Elisa Trasatti. A chi è rivolta: studenti delle scuole superiori e pubblico di tutte le età

Sabato 27 gennaio | Sede Storica dell’Osservatorio Vesuviano, Via dell’Osservatorio dalle 10:30 alle 13:30 – Percorso divulgativo interattivo RICORDO_CONOSCO_RIDUCO, la Scienza itinerante.

I TERREMOTI: GLI EFFETTI DI SITO, IL RISCHIO SISMICO E LA SUA MITIGAZIONE : Il percorso didattico ha lo scopo di aumentare la conoscenza del fenomeno terremoto, attraverso due strumenti chiave come la memoria storica, e la conoscenza scientifica dei terremoti. Questi due elementi sono infatti fondamentali per raggiungere il fine ultimo di incrementare nel visitatore la percezione e la consapevolezza del rischio sismico e, di conseguenza, la capacità di applicare tutte quelle buone norme utili a ridurlo.- A chi è rivolta: studenti delle scuole superiori e pubblico di tutte le età

Sabato 27 gennaio | Sede Storica dell’Osservatorio Vesuviano, Via dell’Osservatorio- dalle 10:30 alle 13:30

IL MONITORAGGIO DELLE AREE VULCANICHE ATTIVE: Accolti dal Direttore dell’Osservatorio Vesuviano, i visitatori entreranno in una Sala di Sorveglianza allestita nella sede museale dove potranno visualizzare i segnali della Rete di Monitoraggio dell’INGV, così da vedere “dal vivo” le attività di sorveglianza delle aree vulcaniche attive. A chi è rivolta: studenti delle scuole superiori e pubblico di tutte le età

Per maggiori informazioni e prenotazioni: museo.ov@ingv.it 

© Diritti Riservati

Giuseppe Jodice
Giuseppe Jodicehttps://www.cilentoreporter.it/
Giuseppe Jodice, Laureato in Scienze e tecnologie per la Natura e per l'Ambiente presso l’Università di Napoli Federico II, da poco si è avvicinato al mondo della scrittura come professione. Aspirante blogger, ha collaborato con varie testate giornalistiche online curandone i contenuti. Durante l’università scrive recensioni e interviste sul blog letterario Viaggio nello Scriptorium e, terminati gli studi, si appassiona al mondo del giornalismo, decidendo di sfruttare il grande potere della scrittura per comunicare al mondo i suoi interessi e le notizie più importanti. Ha avuto l’onore di frequentare il Corso di Giornalismo Ambientale Laura Conti organizzato da Legambiente. Appassionato ed attento osservatore delle tematiche prettamente scientifiche ed ambientali, é redattore per Cilento Reporter della rubrica Scienza & Ambiente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Centinaia tra sindaci e amministratori della Campania in piazza per dire no all’autonomia differenziata, “una legge truffa che distrugge l’unità d’Italia”
L'associazione dei consumatori ha inviato una istanza-diffida chiedendo chiarimenti, per quanto di competenza, alla Soprintendenza ABAP di Salerno e Avellino, all’ Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale,.....

Articoli correlati

Secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e dell'University College of London (UCL), la presenza di due livelli poco permeabili nella crosta dei Campi Flegrei regolerebbe i movimenti verticali e la sismicità osservati negli ultimi 40 anni.
Il terremoto di oggi 17 Novembre 2023, Ml 3.0  si è verificato circa 298 km di profondità nel Golfo di Policastro, non è da ritenersi preoccupante poiché avvenuto nel contesto della zona di subduzione dell’Arco Calabro.
Da millenni la caldera dei Campi Flegrei è sede di intensa attività vulcanica. La vitalità di quest’area irrequieta è manifestata anche dal rilascio concentrato di gas lungo delle sorte di camini che producono le fumarole, e dal bradisismo, cioè il lento sollevamento o abbassamento del suolo, fenomeno quest’ultimo accompagnato anche da attività sismica.

Dallo stesso Autore

Secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e dell'University College of London (UCL), la presenza di due livelli poco permeabili nella crosta dei Campi Flegrei regolerebbe i movimenti verticali e la sismicità osservati negli ultimi 40 anni.
Il terremoto di oggi 17 Novembre 2023, Ml 3.0  si è verificato circa 298 km di profondità nel Golfo di Policastro, non è da ritenersi preoccupante poiché avvenuto nel contesto della zona di subduzione dell’Arco Calabro.
Si chiamava Michel de Nostredame, ma è passato alla Storia con il più suggestivo nome di Nostradamus. Medico, astrologo e autore francese del XVI è conosciuto in realtà per le sue presunte doti di veggente.