10 C
Sessa Cilento
sabato 26 Novembre 2022
HomeRacconti e LeggendeLa leggenda della Madonna della Badia di Grottaferrata a Rofrano

La leggenda della Madonna della Badia di Grottaferrata a Rofrano

Sin dalle origini l’uomo ha cercato di trovare una spiegazione a fatti o eventi inspiegabili come gli agenti atmosferici (pioggia, neve, vento) o le catastrofi naturali (terremoti, alluvioni) presupponendo l’esistenza di entità divine che non solo venivano ritenute le cause prime e principali di questi eventi, ma essendo forze superiori, gli uomini erano tenuti a sottomettersi e ad adorarle. La religione è in effetti una serie di credenze o di atti di culto che collega la vita dell’uomo a un ordine superiore e soprattutto alla divinità intesa come fine ultimo di tutte le cose. Le leggende o storie di eventi religiosi o mistici accaduti nei secoli  hanno alimentato e tuttora nutrono la voglia di fede del singolo individuo.

Le leggende, sono racconti fantastici che narrano le origini, la storia di un gruppo sociale. Prima di essere scritti o narrati, sono state raccontate a voce e nel tempo, hanno una precisa configurazione storica e geografica, traendo il loro contenuto dalle vicende di una comunità, da eventi che si presumono realmente accaduti, avendone una collocazione esatta nel tempo. Negli anni ne ho riportate alcune, ma , fra le tante, quella che vi vado a riportare, credo sia emblematica. Una storia/leggenda di Rofrano, racconta che la badia della Madonna di Grottaferrata fu edificata per volere della stessa Madonna. Si narra che dei contadini del posto trovarono, in una sterpaglia, la statuina della Vergine.

Ella era inserita in una piccola muraglia fatta di pietre come a proteggerla e con un piccolo lume ad olio ad illuminarla. I contadini pensarono così di edificare lì una piccola cappella a sua devozione ed iniziarono a scavarne le fondamenta. Ma durante la notte queste buche si ricolmavano del terriccio appena scavato, lasciando, all’indomani, stupiti i poveri uomini.

Allora implorarono: – “” Marònna mia, nu’ ne fa’ perde la fatìa, ricinnìlo tu, rici addò la vuoi sta cappèdda! “” – La notte stessa, era il 15 di Agosto, nevicò, ma solo nel luogo dove la Madonna voleva fosse edificata la Chiesa e ne scese così tanta da far capire agli abitanti del paesello la maestosità della costruzione da erigere. E così fu.

Alessandro Giordano
Alessandro Giordano
Dal Marzo 2015 racconto la nostra terra, il Cilento, mostrandola con gli occhi di chi la ama, la vive e vuole contribuire a farla apprezzare di più ai turisti e ai Cilentani stessi. La Storia, i Personaggi, la Cultura, le Tradizioni e le Contraddizioni, il patrimonio artistico, gli eventi e le iniziative in programma che ritengo più interessanti segnalare, i musei, le attrazioni e le proposte per i turisti, il cibo ed i prodotti del territorio sono i temi principali dei miei articoli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Continue to the category

Devi leggere

Codacons Cilento: “per rilanciare il territorio serve una nomina al Parco qualificata e competente”

In questi giorni sui mass media e in via ufficiosa rimbalzano i nomi dei “papabili” alla nomina ministeriale per la scelta del nuovo presidente...

Meteo: nel week-end ancora maltempo. Campania divisa in due

Dopo una breve tregua dopo il ciclone Poppea, che ha causato allagamenti, alberi caduti e due vittime in Campania, nel week end è attesa sull’Italia una nuova ondata di...
Contattaci su WhatsaApp

Meteo forti temporali: la Campania passa da allerta gialla ad arancione

Peggiora il maltempo sulla Campania tanto che la Protezione civile regionale ha emanato un nuovo avviso

Addio a “nonna Rosetta”. Ha reso popolari le tradizioni del sud Italia

Addio nonna. "Ti chiamiamo nonna, perché per tutti noi sei stata veramente una nonna, oltre che la nostra migliore amica”. Così sul profilo Instagram...

Agricola: spesa e territorio. Ogni sabato l’opportunità per conoscere il Vallo di Diano

Comprare direttamente dai produttori comporta molteplici vantaggi, tra cui portare in tavola prodotti più freschi, più salubri e fare un gesto che sostiene concretamente il proprio territorio e la sua...

Dallo stesso Autore