11.7 C
Sessa Cilento
domenica 2 Ottobre 2022
HomeEditorialiLo strano caso della base sul Monte Stella

Lo strano caso della base sul Monte Stella

La maggior parte degli storici di Storia del Cilento, concordano che i pochi resti, ancora visibili  e la Chiesa di Santa Maria della Stella sono parte della struttura di un castello di epoca Longobarda.  Difatti, commentano, alcune pietre della cappella, sono lavorate in modo da suggerire che fossero di supporto ad un ponte levatoio e che nessuna funzione avrebbero avuto in una Chiesa. Quei ruderi e quelli, purtroppo sotterrati dalla costruzione di una ex base militare, di cui poi parleremo,  sarebbero i resti di “Cilento”, la sede del Gastaldato Longobardo da loro costruita e poi decaduta dopo la conquista Normanna.

Fin qui la storia con la nascita del “nome”, dato poi al nostro territorio, ed il presente con una parziale scomparsa dei ruderi dell’antico feudo e la costruzione di una “fantomatica” base militare, messa in piedi nel finire degli anni ’70, oggi abbandonata,  se non vi fosse l’unica attività ancora presente, un radio-faro per il controllo del traffico aereo. Ma nel mio girovagare in rete, mi sono imbattuto su di un articolo  di  Paso e relativo al Monte della Stella, sul quale non ho basi fondate affinchè possa dichiarane l’autenticità delle vicende narrate che ritengo artificiosamente romanzate, certo  e ne ho anche io memoria che un qualcosa di strano è avvenuto… un trentennio fa, almeno se si guarda allo scempio perpetrato ai danni de  il Monte della Stella. L’autore ha notato spesso delle scie incrociarsi poco al di sopra della vetta, ad un’altitudine dunque del tutto inidonea alla formazione delle scie di condensazione, esse formavano strani cerchi nell’aria, quasi ci fosse un artefice a ciò.

Scrive Paso: “Non solo, la montagna, oltre ad essere sede di un centro radar, è meta (lo è stata  negli anni ’70/’80) di uno strano andirivieni di mezzi militari: stanno forse costruendo o ampliando una base sotterranea?” Continua: ” La cima sulla quale convergono stranamente due delle innumerevoli scie chimiche presenti in cielo è quella del famigerato Monte Stella, sede di una ex base Loran, ma potenziata evidentemente con altre tecnologie, dopo lo smantellamento di questo ormai superato sistema di posizionamento.”

Da Google Maps

“Delle stranezze che sono accadute ed accadono attorno a questa montagna strategicamente (non a caso) collocata nel cuore del Cilento, si cominciò a dibattere su un forum nella discussione “Scie Salerno”, ma l’argomento non destò l’interesse che meritava e merita, nonostante i racconti inerenti ai seguenti aspetti:

  • colonne militari che, notte tempo, scompaiono completamente all’interno della montagna;
    • personale civile e militare della base a cui è fatto divieto di “familiarizzare”, durante la libera uscita, con la gente del posto;
    • divieto di accesso introdotto solo pochi anni or sono sulla strada che porta alla vetta, meta, prima che venisse stabilita l’interdizione, di allegre scampagnate domenicali in mezzo ad una selva di antenne e sotto un potentissimo radar;
    • campo elettrico rilevabile sulle pendici del monte sufficiente da solo ad accendere ed a tenere accesa una lampada a fluorescenza pur PRIVA DI ALIMENTAZIONE;
    • l’impressionante casistica di noduli alla tiroide e varie forme di cancro tra gli abitanti di San Mauro Cilento.”

    “Quest’ultimo centro, che vanta un’altamente qualitativa produzione d’olio d’oliva D.O.P. forzatamente limitata nella quantità a causa dell’asprezza del territorio, si trova a Nord-Ovest del Monte Stella ed è il paese più vicino in linea d’aria alle installazioni ubicate sulla vetta: le installazioni comprendono un potente radar del quale è visibile la bianca cupola da qualsiasi altro rilievo degno di nota del Cilento e non solo.”

    La base controlla o controllava tutto il traffico aeronavale dei settori Est del Tirreno Centrale e del Tirreno meridionale, quindi inclusa la zona di Ustica – ed è per il disastro di quest’ultima che da questo impianto sono stati reperiti i tracciati serviti poi alla commissione Parlamentare che ha indagato sulla strage. – vedi file PDF allegato.Parlamento ITALIANO – download

  • Credits: Articolo originale di Paso su:  http://heymotard.blogspot.com/
Alessandro Giordano
Alessandro Giordano
Dal Marzo 2015 racconto la nostra terra, il Cilento, mostrandola con gli occhi di chi la ama, la vive e vuole contribuire a farla apprezzare di più ai turisti e ai Cilentani stessi. La Storia, i Personaggi, la Cultura, le Tradizioni e le Contraddizioni, il patrimonio artistico, gli eventi e le iniziative in programma che ritengo più interessanti segnalare, i musei, le attrazioni e le proposte per i turisti, il cibo ed i prodotti del territorio sono i temi principali dei miei articoli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Devi leggere

Giuseppe Lupo riconfermato alla guida della Pro Loco Auletta. “Si riparte subito da Bianco Tanagro”

“Faccio parte del mondo del volontariato e dell’attivismo da sempre, convinto che solo insieme – ed in nome del proprio territorio – si possano...

Cuccaro Vetere: Venerdì 30 settembre penultimo appuntamento del Festival Multidisciplinare Mosaici 2022

Nel Convento di S. Francesco andrà in scena lo spettacolo “Todo Cambia”, viaggio intimo con Mercedes Sosa portato in scena da Maria Letizia Gorga,...

Fondi del PNRR: la Comunita’ montana “Bussento – Lambro e Mingardo” è la prima in Campania e in Italia

La Proposta d’intervento per la realizzazione del piano di sviluppo della Green Community - Comunità Montana “Bussento - Lambro e Mingardo

“GELBISON” Montagna Sacra natura & cultura

È stato siglato un Patto di collaborazione tra il «Distretto Turistico Cilento, Sele, Tanagro e Valle di Diano» istituito con decreto del MIBACTe il Comune di Vallo della Lucania e la Comunità Montana Gelbison e Cervati, il Sistema Cilento, INNER Biodistretti e Convergenze-

La Campania miete vittime eccellenti: ko Di Maio, Caldoro e Lonardo. Il Cilento premia Pierro

Conta degli eletti, ma anche degli esclusi eccellenti. Napoli e provincia sono feudo indiscusso del Movimento 5 stelle: vinti gli 11 uninominali su 11 tra...

Articoli correlati

Continue to the category

Dallo stesso Autore

Continue to the category