11.7 C
Sessa Cilento
lunedì, 26 Febbraio 2024
Prima PaginaNotizie ItaliaÈ morto il sociologo Domenico De Masi. E' stato presidente del Parco...

È morto il sociologo Domenico De Masi. E’ stato presidente del Parco Nazionale del Cilento

È morto il sociologo Domenico De Masi, aveva 85 anni. De Masi poche settimane fa aveva scoperto per caso di avere una malattia invasiva e che gli sarebbe restato poco da vivere. Nel 2008 era stato nominato anche presidente del Parco Nazionale del Cilento – Vallo di Diano e Alburni, incarico che lasciò a distanza di pochi mesi.

A comunicare la scomparsa del sociologo in una nota è stato il M5s, di cui De Masi è stato un ispiratore: “Dall’ozio creativo al lavoro agile. Con Domenico De Masi ci lascia un fine intellettuale, precursore dei tempi con le sue teorie innovative e difensore dei diritti sociali e civili. Da Preside della Facoltà di Sociologia della Comunicazione de “La Sapienza” aveva dimostrato di essere sempre dalla parte dei più deboli e dei giovani, il suo chiodo fisso. Le nostre condoglianze alla famiglia e alla comunità di Ravello, comune che aveva apprezzato negli anni il suo attivismo culturale e il suo impegno sociale”.

 “Oggi è una giornata molto triste, perché la scomparsa di Domenico De Masi ci priva non solo di un grandissimo studioso e di uno dei più grandi sociologi del nostro tempo. Ci priva soprattutto di un vero uomo di cultura, una mente lucidissima le cui analisi hanno avuto il merito di sfidare le convenzioni tradizionali sul lavoro e sulla società, spingendo le persone a riflettere sul significato del loro tempo e delle loro passioni. Il suo punto di vista sulle cose ha sempre rappresentato un punto di riferimento importante per la comunità del Movimento 5 Stelle, che oggi piange quello che è stato prima di tutto un amico di tante e tanti di noi. Ma è ai suoi familiari e persone più strette che rivolgiamo un pensiero di affettuosa vicinanza e il più sincero cordoglio”, scrivono gli esponenti del Movimento 5 Stelle in commissione cultura alla Camera e al Senato.

 “Con gli anni ci si abitua alla scomparsa degli amici più cari, ma non sembrava possibile dovere aggiungere a questo triste rito della memoria anche la solida e cara immagine, che ormai è solo immateriale, di Domenico De Masi, amico di sempre, ironico e strenuo combattente per la giustizia e la verità contro i luoghi comuni“. Così il Sottosegretario alla Cultura Vittorio Sgarbi commenta la scomparsa dello studioso e amico Domenico De Masi.

“L’ho salutato- aggiunge Sgarbi- qualche giorno fa, arrivato a Ravello, invitandolo a un incontro su Caravaggio nella vicina Scala. Non era a casa. Era appena stato ricoverato al Gemelli, e aveva nella voce una qualche consapevolezza di quello che purtroppo è accaduto. Gli ho fatto la battuta, che ora appare infelice e veridica: ‘Guarisci presto, perché sarebbe inutile andare in Paradiso avendolo già trovato a Ravello’. Lui mi ha risposto con una strana consapevolezza: ‘Nonostante tutto tu ed io ci ritroveremo in Paradiso’. E non intendeva Ravello”. 

 “Esprimo il profondo cordoglio mio personale e della comunità dem per la morte di Domenico De Masi. Con i suoi studi sulla sociologia del lavoro e il suo approccio fuori dagli schemi ai problemi della società postindustriale ha saputo offrire spunti di dibattito e arricchimento non solo alla politica ma a tutto il Paese. Ai suoi familiari e ai suoi amici vanno le più sentite condoglianze”. Lo dichiara la segretaria del Pd Elly Schlein.

© Diritti Riservati

Agenzia DiRE
Agenzia DiREhttp://www.dire.it
Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno, non è pertanto un articolo prodotto dalla nostra redazione ma è a cura di "Agenzia Dire"

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Il Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana Dop punta sull’export e moltiplica le iniziative di promozione all’estero. Dalla Francia al Giappone, la Bufala Campana guarda sempre più ai mercati stranieri,
In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
La cittadina più anziana di Sessa Cilento si è spenta oggi (20 Febbraio)  all’età di 103 anni. Si chiamava Teresina La Greca , residente nell’antico piccolo borgo di Valle Cilento.

Articoli correlati

Da Venezia a Termini Imerese, passando per Perugia e Putignano. Le principali mete del Carnevale 2024 sono più vicine con i treni e i bus del Polo Passeggeri del Gruppo FS. Trenitalia, Ferrovie del Sud-Est e Busitalia, infatti, hanno incrementato collegamenti e frequenza nei giorni clou dei festeggiamenti per sostenere una mobilità sempre più completa, efficiente e sostenibile. 
Sandra Milo è morta a 90 anni. Si è spenta nella sua abitazione e tra l'affetto dei suo cari come aveva richiesto. Lo ha reso noto la famiglia. Sandrocchia, come l'aveva soprannominata Federico Fellini per il quale è stata una musa, è stata una delle attrici più popolari del cinema italiano.
Garantire un viaggio accessibile a tutti e promuovere un ambiente inclusivo significa contribuire a costruire una comunità più solidale. Questo non si limita solo all’abbattimento di barriere fisiche, ma si estende anche ai servizi.

Dallo stesso Autore

Centinaia tra sindaci e amministratori della Campania in piazza per dire no all’autonomia differenziata, “una legge truffa che distrugge l’unità d’Italia”
“Quando bisogna programmare le attività culturali bisogna partire un anno prima. Non è che organizzi una stagione teatrale, una stagione lirica, il festival di Giffoni, il festival di Ravello, dalla sera alla mattina.
Hanno 63 e 43 anni i due coniugi trovati morti nella loro casa ad Agropoli. Sul posto, in via Donizzetti, i carabinieri che hanno sentito i vicini. Dalle prime ricostruzioni è emerso che Vincenzo Carnicelli avrebbe ucciso Annalisa Rizzo accoltellandola e che poi si sarebbe suicidato.