32.2 C
Sessa Cilento
giovedì 18 Agosto 2022
HomeNotizie LocaliPaestum. Apre Dmed, il Salone dedicato allo stile di vita mediterraneo

Paestum. Apre Dmed, il Salone dedicato allo stile di vita mediterraneo

Si è svolta questa mattina all’interno dell’ex Tabacchificio Cafasso la cerimonia di apertura del DMED – Salone della Dieta Mediterranea di Paestum. Nell’anno di coordinamento italiano del network delle Comunità Emblematiche della Dieta Mediterranea UNESCO, DMed è un evento che vuole diffondere il patrimonio “Dieta Mediterranea” come stile di vita e di sviluppo territoriale sano e sostenibile, creando consapevolezza negli operatori del settore, dando risalto ai numerosi attori del mondo scientifico, istituzionale e privato che da anni si adoperano per la sua tutela e valorizzazione abbracciando ogni aspetto, dalla dimensione culturale alla valorizzazione delle filiere che attraverso le pratiche agricole virtuose e la tutela delle biodiversità autoctone rappresentano in modo concreto alcuni dei pilastri fondamentali dello stile di vita “Dieta Mediterranea”.

Il Comune di Pollica, capofila per il 2022 delle Comunità Emblematiche UNESCO, dal 2011 è riferimento locale del patrimonio “Dieta Mediterranea” adoperandosi per la sua diffusione e la sua salvaguardia.  “Il Paideia Campus è la casa dove connettere il mondo dell’innovazione e dell’agrifood con quelle che sono le nostre radici più profonde, un modello, uno stile di vita, un approccio, che aveva messo al centro l’equilibrio tra l’uomo e la natura, la tutela delle risorse, la tutela del paesaggio – spiega Stefano Pisani, membro dell’osservatorio nazionale per il patrimonio immateriale Unesco e sindaco di Pollica -. In questi giorni abbiamo ospitato il cuore dei lavori della EU Agrifood week confermandosi come hub strategico per l’implementazione di progetti pilota dì rigenerazione territoriale per le aree marginali e programmi di innovazione volti ad accelerare la transizione ecologica e digitale dei sistemi agroalimentari. Un ringraziamento va alla commissione europea che sostiene le numerose progettualità coinvolte. Una missione che ha un orizzonte ampio, Pollica 2050”.

Nonostante l’Italia sia la culla della Dieta Mediterranea, secondo i dati ISTAT 2020, la Campania è la Regione ad avere il più alto tasso di adulti in sovrappeso (42% – rispetto alla media italiana del 35,4%), e ha raggiunto il secondo più alto tasso di obesità in Italia (14,3%, contro una media italiana del 10,9%). A causa di un progressivo spopolamento e abbandono delle aree rurali, inoltre, il territorio ha visto un deterioramento del tessuto sociale, con conseguente perdita delle modalità di trasferimento delle conoscenze.

Leggi anche:   Dopo lo stop, riapre il Museo di Sala Consilina

“Oggi il patrimonio non è adeguatamente trasferito alle giovani generazioni per mancanza di strumenti ed una narrativa poco efficace. Risulta complesso tradurre il patrimonio immateriale in elementi tangibili. Per il Future Food Institute è la vera sfida – dichiara la presidente Sara Roversi – anche in questi giorni abbiamo animato un Hackhaton che ha coinvolto centinaia di studenti degli Istituti Alberghieri, del Turismo, dello Sport e dell’Agricoltura. Con loro diamo vita a nuove idee per tradurre e diffondere i valori della Dieta Mediterranea. L’hackathon è uno strumento efficace sia per l’apprendimento che per accelerare il processo di innovazione – spiega – ma anche un momento di lavoro di squadra per lo sviluppo del pensiero sistemico e un’esperienza unica per incoraggiare lo scambio di idee e l’approccio al co-design, arricchendo tutte le persone coinvolte”

In questi anni è aumentato la sensibilità verso i temi della sostenibilità e della qualità della vita, sottolineando l’importanza di implementare modelli sostenibili ispirati al concetto “One Health” di cui Dieta Mediterranea è modello esemplare. “Oggi la diffusione del patrimonio deve avvenire attraverso la rete e le reti e deve necessariamente vedere coinvolti tutti gli stakeholder in modo corale anche al fine di accrescere il valore aggiunto delle produzioni alimentari capaci di interpretare appieno l’identità ed il “saper fare” mediterraneo. Ed è proprio questo lo spirito con cui è stato organizzata la EU AgriFood Week”, conclude Roversi.

Nadia Cozzolino
Nadia Cozzolino
Giornalista professionista. Collabora con l'agenzia di stampa Nazionale "Dire"

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Devi leggere

Il cantautore Davide Napoleone dialoga con Santoro e Noschese a Valle Cilento

“Viaggiare ma non essere mai partiti”. E’’ questo il tema dell’incontro con Davide Napoleone, autore, cantautore e produttore di origini campane trapiantato a Torino,...

Altri due giorni dove il sipario di “Segreti d’Autore” si aprirà a Valle Cilento

Niente è più difficile dell’assoluta bontà a questo mondo. Se l’affermazione di Dostoevskij era vera nel 1867, lo è ancora di più al giorno...

Il cibo come racconto delle tradizioni familiari alle pendici del Monte della Stella

In Italia si va in vacanza anche per l’ottimo cibo e per la famosa dieta mediterranea e nel Cilento ci sono numerosi eventi legati...

Serramezzana: “ Le voci di Clara Schumann in scena il 9 Agosto, per “Segreti d’Autore”

Tre donne per raccontare una donna. È quello che accade con “Le voci di Clara”, lo spettacolo in programma martedì 9 a “Segreti d’Autore”,...

Dall’allerta meteo per temporali al caldo africano che è ancora in agguato

Domani (09.08.2022) arriveranno forti temporali al Sud Italia  e localmente anche al centro e il grande caldo si è attenuato, ma le temperature restano molto...

Articoli correlati

Continue to the category

Dallo stesso Autore

Continue to the category