sabato 23 Ottobre 2021
16.6 C
Sessa Cilento
sabato 23 Ottobre 2021
Prima PaginaEditorialiSessa Cilento, primo partito: l'astensione. Ma partiamo da qui!

Sessa Cilento, primo partito: l’astensione. Ma partiamo da qui!

-Pubblictà-

Ho già espresso, alle prime luci di questa mattina, il mio plauso e l’augurio di buon lavoro e di proficua attività al prof. Gerardo Botti, eletto primo cittadino di Sessa Cilento, nella tornata elettorale del 3 e 4 Ottobre 2021, a tutto ciò accomuno il buon lavoro ai consiglieri eletti che andranno a ricoprire gli scranni dell’opposizione ed avranno democraticamente il compito di vigilare sull’operato di questa consiliatura.  Ma guardando già da ieri i dati che hanno interessato il Comune nel quale io risiedo (votanti 2021 59,70% – contro il 65,27% del 2016) , mi sento di affermare che ha stravinto l’astensione. L’astensione dal voto di  una popolazione che ha, palesemente, dimostrato la completa disaffezione alla cosa pubblica. L’astensionismo ha urlato, con un silenzio assordante sentito fin nelle viscere più profonde: “ Non Mi fido delle Istituzioni e della Politica”!

Mi assolveranno i candidati all’ultima tornata elettorale a Sessa Cilento, se  faccio notare, con una critica politica da mero cittadino, che la tematica alla quale Voi, oggi, insieme a tutti i consiglieri di maggioranza e minoranza dovreste prestare molta attenzione e fare una attenta riflessione, non è il mero dato della vittoria o sconfitta – inconfutabile – ma il GRANDE dato della disaffezione dei cittadini al voto. Come scriveva Piero Gobetti nell’articolo “La nostra fede” (1919): “Guardate la vita politica da un punto di vista di onestà illimitata: ne provate disgusto; e il disgusto degenera in astensionismo, scherno, indifferenza per i supremi interessi”. L’Astensionismo è diventato il primo partito a Sessa Cilento ed è un dato sul quale iniziare a ragionare. I motivi per cui, i candidati più navigati o tronfi della loro posizione nella comunità,  non si impegnano per combattere l’astensionismo sono diversi. In primo luogo, l’orientamento di un elettore riluttante e disaffezionato è, per definizione, quantomeno critico nei confronti dell’establishment, e perciò anche meno prevedibile perfino quando lo si riesca a recuperare. Ogni azione tesa a rimotivare elettori scontenti, che in passato abbiano rinunciato al voto, presenta più rischi che opportunità per le organizzazioni già posizionate nell’agone politico. E’ più che verosimile che le energie investite in costose politiche atte a promuovere la partecipazione si rivelino un boomerang per chiunque.

Ci sono molti modi per definire l’astensionismo; chi lo definisce apatico, chi tecnico, chi fisiologico; io ho trovato la mia definizione: bipolare. Questa raggruppa:

  1. Chi non trova più un candidato che ne rappresenti le istanze
  2. Chi sceglie di non votare come ritorsione contro la mala gestione della cosa pubblica, per sfiducia verso il ruolo della politica o perché, secondo lui, gli è stato fatto un torto.

Dati che secondo me che determinano la crescita esponenziale del fenomeno.

Ed è questa la prima analisi di cui dovranno farsi carico i candidati eletti, sia di maggioranza che di opposizione. Da oggi in poi il lavoro inizia per la nuova amministrazione retta da Botti, il riportare chi è ormai disilluso al voto dovrà far parte del programma, ma anche placare gli animi dopo le concitate giornate è d’obbligo. Iniziare ad operare per il bene della comunità è essenziale, cercare di non scompaginare il lavoro fin qui fatto (evitando di far comparire alle spalle personaggi indesiderabili e non richiesti) è perentorio se si vuole bene a questa comunità.

Io, noi poniamo le nostre “vite” nelle Vostre mani ed a Voi garantiamo rispetto e democratica partecipazione! Il  “mestiere” dell’amministratore  è la fatica più grande, ma anche l’onore più grande per ogni singolo candidato, anche se non eletto. Significa rappresentare tutti. Significa essere depositario dei sogni di una intera comunità e  di concentrarsi sulle proprie proposte anziché sulle altrui accuse…e di ricordarsi sempre che è un grande privilegio vivere in una stagione di democrazia e partecipazione così bella. Per alcuni sarà una nuova e bellissima esperienza  per altri potrà essere una conferma ma per tutti sarà certamente una gioia e soddisfazione essere parte integrante, essenziale della propria comunità. Cogliete e vivete intensamente l’esultanza della “nomina” perché non sarete solo garanti del vostro “orticello”, ma garanti di un grande e complesso territorio come Sessa Cilento  che ha bisogno della Vostra costante collaborazione, impegno costante, onestà intellettuale e sinergia con i cittadini per crescere e migliorare tutti insieme.

© Riproduzione Riservata

Alessandro Giordano
Dal Marzo 2015 racconto la nostra terra, il Cilento, mostrandola con gli occhi di chi la ama, la vive e vuole contribuire a farla apprezzare di più ai turisti e ai Cilentani stessi. La Storia, i Personaggi, la Cultura, le Tradizioni e le Contraddizioni, il patrimonio artistico, gli eventi e le iniziative in programma che ritengo più interessanti segnalare, i musei, le attrazioni e le proposte per i turisti, il cibo ed i prodotti del territorio sono i temi principali dei miei articoli.

Il portale di informazione web "Cilento Reporter" da sempre con impegno e  dedizione per un'informazione libera da qualsiasi vincolo, economico e non. Stiamo continuando ad aggiornarti e a informarti in questo periodo così sconcertante. Ma abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a far sentire la nostra, la Tua voce. A volte siamo scomodi, ma notiamo che i nostri articoli sono molto seguiti. A volte siamo sinceri e schietti fino all'antipatia, ma notiamo che c'è bisogno anche di questo. A volte siamo duri, ma quando la situazione lo richiede.
Siamo sempre liberi, perché  non ci lega vincolo alcuno. Non percepiamo fondi pubblici e selezioniamo rigorosamente le pubblicità accettandole solo se provengono da realtà etiche e che hanno a cuore l'ambiente e la salute.
Per questo continuare a far sentire la nostra voce non è facile. E abbiamo bisogno di te che ci leggi, come di tutti coloro che hanno a cuore l'informazione indipendente.

spot_img

Devi leggere

Trenitalia: dal 25 ottobre due nuove corse tra Salerno e Torre Annunziata centrale

A partire da lunedì 25 ottobre due nuove corse collegheranno Salerno e Torre Annunziata, potenziando così l’offerta del trasporto regionale nella fascia pendolare del...
Pubblicità

Notizie Correlate

Altre Notizie

Dello stesso autore

Trenitalia: dal 25 ottobre due nuove corse tra Salerno e Torre...

0
A partire da lunedì 25 ottobre due nuove corse collegheranno Salerno e Torre Annunziata, potenziando così l’offerta del trasporto regionale nella fascia pendolare del...

A Palazzo Coppola, “rivivono” le mostre di Segreti d’Autore XI edizione

0
Un' occasione per  ripercorrere una parte dell’evento culturale dell’estate 2021, il Festival Segreti d’Autore che riapre le porte con le mostre che hanno caratterizzato...

Salerno. “Incursioni Contemporanee” al complesso Monumentale di San Pietro a Corte

0
“Incursioni contemporanee”  è una iniziativa della Soprintendenza ABAP di Salerno e Avellino diretta da Francesca Casule che mette in relazione passato e presente, memoria...

L’olio del Cilento sbarca a Monaco di Baviera

0
I prodotti del Cilento sbarcano a Monaco di Baviera dal 17 novembre prossimo grazie ad un accordo di "Campania Tipica" (marchio che raccoglie circa...

“Io Non Rischio 2021”, domenica 24 ottobre doppio appuntamento nelle piazze...

0
Domenica 24 ottobre l’appuntamento è con “Io Non Rischio”, la campagna promossa dal Dipartimento della Protezione Civile, dall’Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze - Anpas, dall’Istituto...

Nuovo Digitale Terrestre, cosa cambia da oggi?

0
È arrivata la data che darà l’avvio al nuovo digitale terrestre, quella del 20 ottobre. Al momento sono 15 i canali che a partire...