26.7 C
Sessa Cilento
venerdì 19 Agosto 2022
HomeEditorialiLettera aperta agli amministratori del Cilento

Lettera aperta agli amministratori del Cilento

Sono un po’ di anni che nel Cilento si cercano di affrontare le varie problematiche presenti, ma nessuno fino ad ora è riuscito a sconfiggere il “gigante Golia” dell’indifferenza e del malcostume presente in questa terra. Non riusciamo a scrollarci di dosso i tanti malori o pesi che continuiamo a condividere e portare sulle spalle: strade interne al collasso, la nascita di parcheggi a pagamento, costoni rocciosi che franano sulla testa di chi decide di venire da noi a farsi un bagno, ecc…. ;  non se ne può più! Questi ultimi mesi saranno fatidici nella scelta di nuovi amministratori per il territorio ed è a loro che mi rivolgo, guardando anche al vecchio, con questa lettera aperta.

Caro Amministratore vorrei chiederti alcune cose, so che questa sarà una lettera come quelle che si scrivono a Gesù Bambino ma io ci provo lo stesso, a volte i miracoli accadono. Innanzitutto , ti ricordo che andrai o stai  governando ben più del Tuo “piccolo fazzoletto” , ossia una multiforme comunità che unisce, arte, cultura, tradizioni, mare, monti, campi, fiumi, alberi e persone molto diverse tra loro. Sarai quindi il maggiore punto di riferimento. Ti chiedo di metterti a disposizione completamente della comunità, lavorando a tempo pieno, lasciando a margine altri lavori.

Ci meritiamo un amministratore a tempo pieno, le comunità sono piene di difficoltà e vecchi retaggi che impediscono nuove opportunità e affrontiamo, giorno dopo giorno,  un declino demografico, ambientale, sociale, culturale ed economico costante. Vorrei che tu fossi una persona spirituale, meglio se Cristiana, e aperta alla visione che Papa Francesco ha condiviso nell’enciclica “Laudato Sii”. In quella documento c’è una potente riflessione sul dove vada l’umanità e il Cilento, potrebbe essere una goccia nel fiume del cambiamento globale per evitare l’autodistruzione dell’umanità. Vorrei chederTi di portare maggiore ascolto ai tuoi collaboratori e cittadini, perchè una persona da sola non può effettuare grossi cambiamenti, ci vuole coesione tra Istituzione e cittadinanza ed un gruppo dirigente, competente e appassionato. Collaboratori che non sono competenti e disposti a studiare i meccanismi e le leggi sono incapaci di incidere. La burocrazia comunale è da sempre poco efficiente e quando avvengono disguidi non vi sono mai responsabilità precise. Una amministrazione lenta, che non risponde ai cittadini, senza tempi certi, senza controllo della politica è per forza di cosa ingiusta e allontana sempre più il cittadino che non si sente accolto nella casa comunale come un membro ma come un suddito o un cliente fastidioso.

Leggi anche:   Nel Covid, egoismo, ignoranza, stupidità e superficialità hanno trovato terreno fertile

Qui, secondo me, c’è il centro dell’attività di una nuova politica che voglia davvero bene a questa Terra; rilanciare il senso e l’efficacia del servizio pubblico investendo in formazione, risorse, informatizzazione, risparmi ma anche adottando un sistema meritocratico e capace di rigore ove necessario. Le priorità per me sono chiare dopo anni che osservo il mio territorio: riorganizzazione della burocrazia, ottimizzazione bilanci, investimenti sull’ambiente come risorsa delle mille ricchezze, favorire regole chiare per le imprese e tempi certi dei permessi, favorire opportunità di lavoro adottando, ove possibile. il minor utilizzo dei Voucher Inps, sportello per i giovani, più soldi per le scuole e i giovani, favorire una mobilità sostenibile un turismo di qualità in questo tessuto capace di accogliere e incantare migliaia di visitatori in ogni stagione, lasciare la sudditanza verso altri strapoteri, prendendo atto che il Cilento è unico e meraviglioso. Caro Amministratore il Tuo lavoro sarà quello di  formare la nuova generazione di cittadini, evitando il rischio che la democrazia possa morire nell’indifferenza e nella crisi economica che richiama conflitti e autoritarismo. Se lavorerai nettamente in queste direzioni io posso assicuraTi ben più del mio voto: il mio riconoscimento, la mia stima.

Alessandro Giordano
Alessandro Giordano
Dal Marzo 2015 racconto la nostra terra, il Cilento, mostrandola con gli occhi di chi la ama, la vive e vuole contribuire a farla apprezzare di più ai turisti e ai Cilentani stessi. La Storia, i Personaggi, la Cultura, le Tradizioni e le Contraddizioni, il patrimonio artistico, gli eventi e le iniziative in programma che ritengo più interessanti segnalare, i musei, le attrazioni e le proposte per i turisti, il cibo ed i prodotti del territorio sono i temi principali dei miei articoli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Devi leggere

Attesissima la XXI edizione del “Villammare Film Festival”

Un poker di dive e un tris di assi la mano che il Villammare Festival Film&Friends si appresta a giocare per la sua ventunesima edizione in...

Il cantautore Davide Napoleone dialoga con Santoro e Noschese a Valle Cilento

“Viaggiare ma non essere mai partiti”. E’’ questo il tema dell’incontro con Davide Napoleone, autore, cantautore e produttore di origini campane trapiantato a Torino,...

Altri due giorni dove il sipario di “Segreti d’Autore” si aprirà a Valle Cilento

Niente è più difficile dell’assoluta bontà a questo mondo. Se l’affermazione di Dostoevskij era vera nel 1867, lo è ancora di più al giorno...

Il cibo come racconto delle tradizioni familiari alle pendici del Monte della Stella

In Italia si va in vacanza anche per l’ottimo cibo e per la famosa dieta mediterranea e nel Cilento ci sono numerosi eventi legati...

Serramezzana: “ Le voci di Clara Schumann in scena il 9 Agosto, per “Segreti d’Autore”

Tre donne per raccontare una donna. È quello che accade con “Le voci di Clara”, lo spettacolo in programma martedì 9 a “Segreti d’Autore”,...

Articoli correlati

Continue to the category

Dallo stesso Autore

Continue to the category