24.5 C
Sessa Cilento
domenica, 23 Giugno 2024
Prima PaginaCilento MagazineScienza e AmbienteTerremoti. Il Mar Tirreno e l'Adriatico stanno tirando l'Italia

Terremoti. Il Mar Tirreno e l’Adriatico stanno tirando l’Italia

Luisa Valoroso, sismologa dell’Osservatorio Nazionale Terremoti, ha analizzato l’evento sismico del Perugino in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, facendo il punto della situazione nel nostro Paese. La sismologa ha spiegato che la zona del terremoto di Umbertide ha una sismicità storica e recente molto importante, ma si tratta di un comportamento abbastanza normale per un’area soggetta al meccanismo definito estenzionale, tipico dell’Appennino.

Per spiegare il termine “meccanismo estenzionale“, Luisa Valoroso si è espressa così al Corriere della Sera: “Si tratta di un sisma associato a faglie normali, caratteristico del nostro Appennino. In parole povere è come se il Mar Tirreno tirasse da una parte e il Mar Adriatico dall’altra”. “La magnitudo 4.4 dire che è nella norma per quell’aria sismica che è molto studiata ma dove non ci sono mai stati terremoti di intensità uguale o superiore a 6. Se dobbiamo aspettarci altri sciami o terremoti più forti? La storia di no – ha dichiarato Luisa Valoroso – ma non è una certezza perché è impossibile fare previsioni in questo campo”.

La scossa di Umbertide arriva a poche settimane di distanza dal bilancio dei terremoti del 2022 pubblicato dall’INGV, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia: i dati rivelano che nel corso dell’ano passato, in totale, in Italia sono stati registrati ben 16.302 eventi sismici, con una media di 44 terremoti al giorno e quasi uno ogni 30 minuti. L’Umbria e le Marche sono tra le regioni più colpite dai terremoti in Italia: entrambe occupano la prima posizione nella classifica delle zone dove si è registrato il maggior numero di eventi sismici nel 2022 con valori inferiori a 2.0 di magnitudo e condizionati dalla maggiore densità della rete sismica.

A distanza di anni è ancora forte il ricordo del terribile terremoto di Umbria e Marche del 1997: un sisma che di magnitudo 6.0 e un’intensità massima del IX grado Mercalli. In quell’occasione il terremoto provocò tante vittime e diversi danni ad abitazioni ed edifici, su tutte la Basilica di San Francesco ad Assisi, tra le città candidate a Capitale della Cultura 2025. I dati pubblicati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia rivelano che il terremoto più forte sulla terraferma del 2022 è stato registrato in Calabria alle ore 00.44 del 13 ottobre sulla costa Ionica in provincia di Catanzaro, con magnitudo 4.3. Le sequenze sismiche sul territorio nazionale sono state generalmente di breve durata e con valori di magnitudo non elevati, eccezion fatta per la sequenza del Mar Adriatico che la mattina del 9 novembre ha prodotto due terremoti di magnitudo 5.5 e 5.2, avvenuti a circa un minuto di distanza l’uno dall’altro. [A cura di INGV]

© Diritti Riservati

Giuseppe Jodice
Giuseppe Jodicehttps://www.cilentoreporter.it/
Giuseppe Jodice, Laureato in Scienze e tecnologie per la Natura e per l'Ambiente presso l’Università di Napoli Federico II, da poco si è avvicinato al mondo della scrittura come professione. Aspirante blogger, ha collaborato con varie testate giornalistiche online curandone i contenuti. Durante l’università scrive recensioni e interviste sul blog letterario Viaggio nello Scriptorium e, terminati gli studi, si appassiona al mondo del giornalismo, decidendo di sfruttare il grande potere della scrittura per comunicare al mondo i suoi interessi e le notizie più importanti. Ha avuto l’onore di frequentare il Corso di Giornalismo Ambientale Laura Conti organizzato da Legambiente. Appassionato ed attento osservatore delle tematiche prettamente scientifiche ed ambientali, é redattore per Cilento Reporter della rubrica Scienza & Ambiente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

A governare il radicale cambiamento di circolazione è la situazione in quota. A 500 hPa si avvicina una ondulazione del flusso atlantico, con una saccatura da cui si isolerà un vortice freddo e instabile.
Acque cristalline, luoghi unici per le loro bellezze paesaggistiche, attenti alla sostenibilità ma anche alla tutela della biodiversità.
Inno alla lentezza per ammirare le immense bellezze del Cilento in programma sabato prossimo, 22 giugno 2024.

Articoli correlati

Dallo stesso Autore