6.7 C
Sessa Cilento
giovedì, 29 Febbraio 2024
Prima PaginaMagazineAttualitàMolteplici le iniziative nel Cilento, per ribadire il No alla violenza sulle...

Molteplici le iniziative nel Cilento, per ribadire il No alla violenza sulle donne

In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulla donna, ancora una volta si è manifestata,  nel nostro Cilento, una diffusa consapevolezza dell’importanza  di continuare a sensibilizzare il contesto relativamente al problema, purtroppo ancora molto diffuso, della violenza di genere. Mai, d’altra parte, come nel caso della lesione di alcuni diritti umani inalienabili di cui sono oggetto le donne, è fondamentale l’innalzarsi di voci, quanto più convinte ed accorate possibile, che possano contrastare il rischio dell’indifferenza.  Infatti, tale malattia dell’anima, tale addormentarsi delle coscienze  impedirebbe,  o quantomeno rallenterebbe moltissimo,  quel  cambiamento culturale necessario per passare dalla formale enunciazione  della cessazione di ogni discriminazione di genere, alla sostanziale  e diffusa  realizzazione dei diritti delle donne.

Il valore aggiunto  quest’anno alla giornata nella nostra terra,  va individuato nel fatto che nonostante tutte le difficoltà di socializzazione dovute alle restrizioni necessarie per far fronte alla pandemia causata dal coronavirus, la sollecitazione a mettere insieme le proprie risorse è salita direttamente da liberi cittadini. Infatti le manifestazioni e le foto sui Social si moltiplicano ed è questo un segnale che non può non suscitare un sentimento di gioia, ma anche di soddisfazione, di fronte alla presa di coscienza che il processo iniziato  da tempo e  finalizzato a ri-creare  Comunità, non solo ci appartiene ed è ormai radicato nel nostro contesto, ma continua a trovare ulteriori possibilità di espansione.  E  questo deve essere per tutti noi motivo di orgoglio e di un forte sentimento di appartenenza.  Le  misure di confinamento dettate dalla pandemia hanno acuito il fenomeno della violenza contro le donne, costrette a rimanere chiuse nelle loro case in compagnia dei loro aguzzini. I centri anti-violenza e le case rifugio hanno dovuto così fare fronte a un’emergenza nell’emergenza. Il periodo di pandemia ha fatto infatti registrare un aumento vertiginoso di stupri, femminicidi, violenze domestiche e omolesbobitransfobiche, in tutto il mondo.

In Italia, tra marzo e giugno 2020, vi è stata una crescita del 119,6 per cento delle chiamate al numero telefonico antiviolenza  e un incremento del 74,5 per cento, solo nel primo mese di lockdown, delle richieste di aiuto ai centri antiviolenza. Secondo un dossier del Viminale, nei giorni di confinamento sono stati 58 gli omicidi in ambito familiare-affettivo che si vanno ad aggiungere ai 60 femminicidi avvenuti negli altri 279 giorni. Anche un’indagine Istat conferma come le violenze siano più che raddoppiate durante il periodo di isolamento. 

Il numero delle chiamate, sia telefoniche sia via chat, nel periodo compreso tra marzo e giugno 2020 è più che raddoppiato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, passando da 6.956 a 15.280.  Report da incubo è quello pubblicato dal Viminale e messo in rete oggi per la Giornata contro al violenza sulle donne. In Italia dall’1 gennaio al 21 novembre 2021 sono stati commessi 263 omicidi, con 109 vittime donne di cui 93 uccise in ambito familiare/affettivo; di queste, 63 hanno trovato la morte per mano del partner o dell’ex partner, secondo l’ultimo aggiornamento del report “Omicidi volontari” curato dal Servizio analisi criminale della Direzione centrale della polizia criminale, pubblicato online. Un femminicidio ogni 72 ore.

© Diritti Riservati

Roberta Martucci
Roberta Martucci
Redattrice e responsabile della pagina Magazine di Cilento Reporter, esperta di marketing, è impegnata da anni a valorizzare le tante eccellenze, e gli eventi del territorio. Giornalista eclettica, vanta diverse collaborazioni con giornali, riviste e televisioni, e da cronista ama raccontare storie di persone, vicende e curiosità. Il suo sguardo del Cilento, terra che definisce “maledettamente bella”, è visibilmente innamorata di tutto ciò che descrive e che tocca le corde dei sensi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Botta e risposta tra Orazio Schillaci e Vincenzo De Luca. A scatenare la scintilla sono stati i manifesti della Regione Campania in cui la premier Meloni veniva presa di mira e si attribuiva al Governo la chiusura dei pronto soccorso, giudicati dal ministro della Salute “falsa propaganda
Altri 3mila metri quadri di area museale aperti al pubblico. Con la benedizione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La Reggia di Caserta
Una maxi-treccia tricolore in onore del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che oggi ha inaugurato la nuova ala ovest della Reggia di Caserta.

Articoli correlati

"Nel mio Cilento post-covid (si fa per dire) è tutto un fiorire di feste e sagre. Quasi riti liberatori all'uscita di bui periodi ed...
È ipotizzabile , ma non confermato che l'attacco informatico alle Ferrovie che ha bloccato alcuni sistemi della società sia riconducibile alla Russia. La tipologia dell'attacco...
L' otto marzo, nella giornata internazionale dei diritti della DONNA, giornata dedicata per ricordare le conquiste sociali, economiche e politiche, le discriminazioni e le...

Dallo stesso Autore

Si concludono questa settimana le attività di scavo archeologico, condotte dall’Unità di Ricerca di Preistoria e Antropologia del Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell’Ambiente dall’Università di Siena e dal Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna, presso la Grotta del Poggio e la Grotta della Cala a Marina di Camerota.
Raffaela ha trovato il suo percorso nel cuore del Cilento, tra le mura della sua casa e con il grande dono di poter crescere...
E' intitolato "Pe' te sta' cchiù vicino" il nuovo estratto dalla colonna sonora del film "Yaya e Lennie - The Walking Liberty" del regista...