martedì 19 Gennaio 2021
5.6 C
Sessa Cilento
Pubblicità
5.6 C
Sessa Cilento
martedì 19 Gennaio 2021
Pubblicità

Nuovo DPCM dal 16 Gennaio. In campo le “geometrie variabili dei colori”

News

Nuova vita per il castello di Rocca Cilento. Aperta la ricerca di personale

Conto alla rovescia per l’apertura della nuova struttura nel castello Medievale di Rocca Cilento. La nuova struttura  ricettiva sarà...

Una tessere di un antico mosaico restituita al parco archeologico di Paestum

Sebbene poco se ne parli, il mercato nero delle opere d’arte è più vasto di quel che si pensi. Secondo l’ultimo bollettino del Comando...

Resort a “luci rosse” nel Cilento, la Fenait: “Non è naturismo”

Se ne è scritto nei giorni scorsi, tanto che la notizia è rimbalzata a livello nazionale, cosa gradita fintanto...
Redazione Notizie
Redazione Notizie
Cronaca e notizie. Aggiornamenti e news quotidiane dai principali paesi del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano, Alburni e dall'intera provincia di Salerno. ... Notizie , Cronaca, Attualità, Territorio, Invia la tua segnalazione : redazione@cilentoreporter.it

In attesa che venga ufficializzato il  Dpcm, che arriverà  entrò venerdì 16 gennaio,  e riprendendo le parole del ministro della Salute,  questo nuovo e tanto atteso provvedimento passerà alla storia come la “stretta dei “cento giorni”. “Se funziona, – ha detto Speranza -potremo ritenere il Covid soltanto un ricordo”, “perché il contagio ha ripreso a camminare e dunque lavoreremo per fare un passo avanti sul terreno delle misure restrittive vigenti, che saranno confermate”.

In pratica nel nuovo Dpcm c’è la conferma del meccanismo della geometria variabile dei colori per le Regioni con passaggi di zona rossa e arancione più stringenti, potrebbe esserci però la novità della zona bianca a bassissime restrizioni. La proposta del Cts (250 contagiati per ogni centomila abitanti) è stata accantonata per dare spazio ad un sistema di calcolo che non si basa più solo sull’indice ‘Rt ma che tiene conto anche, e soprattutto, dell’occupazione dei posti letto in terapia intensiva e nei reparti Covid.


Confermato il coprifuoco, il no all’asporto bar dopo le 18 ma solo a domicilio per evitare gli assembramenti degli aperitivi, si sta valutando poi la possibilità di riaprire i musei nelle zone gialle. Il pacchetto di misure verrà oggi discusso con le Regioni per poi presentare il testo definitivo al Parlamento e approvare il nuovo Dpcm tra il 14 e 15 gennaio.

Nuovo Dpcm, le regole dal 16 gennaio: stop asporto bar

Nel nuovo Dpcm 16 gennaio 2021 sarà confermato il coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino, i ristoranti potranno continuare a fare il domicilio ma ci sarà una restrizione per i bar col divieto di asporto, al fine di evitare la movida e gli assembramenti da aperitivo fuori dai locali. Resta il divieto di spostamento tra le regioni arancioni e rosse mentre potrebbero essere possibili gli spostamenti tra regioni gialle. Resta ferma la deroga di muoversi una sola volta al giorno e per un massimo di due persone (oltre ai minori di 14 anni) per andare a trovare amici o parenti. Per quanto riguarda il tema scuola, il dibattito è aperto: la ministra Azzolina chiede il rientro subito per le superiori, ma è possibile che slitti ancora.

Nuovo Dpcm 16 gennaio, Sport e cultura:


Il nuovo Dpcm 16 gennaio non farà riaprire le piscine e le palestre ma si sta discutendo sulla concessione agli sport individuale. Chiusi ancora gli impianti da sci anche oltre il 18 gennaio. Il ministro Dario Franceschini ha chiesto la riapertura dei musei almeno nelle regioni gialle e si sta discutendo sulla riapertura dei cinema.

A tutto ciò vanno ad aggiungersi le perplessità del Presidente De Luca che vorrebbe una sola Italia di colore “Arancione” con misure più stringenti anche se la Campania, attualmente, ha un RT inferiore ad altre Regioni, al 10 gennaio era allo 0,8.

© Riproduzione Riservata

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
- Advertisement -

Ultimi Articoli

Le storie della tradizione nel Cilento. Il pane con i “ciccioli”

Nelle campagne cilentane e nei forni di un tempo, fino a qualche decennio fa, il pane veniva cotto a...

Articoli correlati

- Advertisement -