Meteo Cilento. L’anticiclone perde forza ma il caldo è in agguato

0
0

Un ampio massimo barico di 1025 hPa si trova esteso dalle isole che danno il nome al noto anticiclone fino alla Germania. Sul suo fianco orientale, correnti fresche ma stabili affluiscono verso l’Italia.

Verso metà settimana l’anticiclone si estenderà più verso il nord Atlantico, e una nuova goccia fredda prenderà movimento verso le Alpi orientali. L’isoterma -15°c a 500 hPa proverà a irrompere sulle coste Adriatiche, riportando temporali e fresco.

Conviene farne scorta, del fresco, perché nelle tendenze a medio lungo termine si potrebbe presentare un tentativo di espansione dell’anticiclone africano.

Fra giovedì e venerdì la citata goccia fredda che punta verso i Balcani si farà sentire soprattutto sulle regioni nord orientali e su tutto il versante Adriatico. Ancora una volta si sottolinea che non saranno due giorni di pioggia continua, ma i temporali saranno più frequenti e per qualche ora anche organizzati.

Ancora una volta si sottolinea che non saranno due giorni di pioggia continua, ma i temporali saranno più frequenti e per qualche ora anche organizzati.

La tempistica esatta è incerta, ma fra giovedì sera e venerdì pomeriggio transiterà la coda del fronte freddo con temporali anche forti in movimento dal Triveneto all’Emilia Romagna con effetti in parte anche fra Piemonte e Liguria, più protetta ma a rischio acquazzoni anche la Lombardia. A seguire i temporali scenderanno al centro, soprattutto regioni Adriatiche ma anche su Toscana e Lazio. Al sud i temporali arrivano verso venerdì sera, principalmente nelle zone interne fra Campania, Puglia e Basilicata.

Ulteriore e decisa rinfrescata, al nord le massime scenderanno, venerdì, a 25-27°C, al centro sud ancora saranno sui 28-30°C.

Week end prima fresco poi più caldo.

Sabato 18 luglio mattina fresco risveglio al nord, con cielo molto limpido, localmente soli 12-14°C all’alba. Ma il tempo sarà buono, sereno o poco nuvoloso e fresco anche al centro. Il cielo terso faciliterà l’osservazione della cometa Neowise, approffitattene per fotograrla.

Al sud invece ritroviamo rovesci e temporali anche forti fra Campania, Calabria e Sicilia. Giornata ventosa con bora su Adriatico e maestrale nei mari occidentali. Domenica 19 luglio bel tempo ovunque, scarsi i rovesci pomeridiani sulle Alpi, temperature in aumento e torna abbastanza caldo, a 30-33°C da nord a sud.

Ondata di caldo a fine mese?

L’ultima settimana di luglio potrebbe portare l’ondata di caldo più intensa dell’estate. Con la possibile espansione di un anticiclone subtropicale e probabilità medio-alta di isoterme verso i +20°C a 850 hPa, circa 1500 m, le temperature in molte zone della Penisola potrebbero portarsi sui 35-38°C. Se consola, non dovrebbe essere un caldo da record e men che meno estrema, ma come sempre seguiteci per le conferme e i dettagli.

A cura della redazione de: ilmeteo.net

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui