6.1 C
Sessa Cilento
sabato, 2 Marzo 2024
Prima PaginaMagazineScienza e AmbienteCoronavirus, temperature più alte ne ridurranno l'espansione?

Coronavirus, temperature più alte ne ridurranno l’espansione?

Circolano diverse notizie al riguardo: la domanda è se il caldo dei prossimi mesi, con il ritorno della primavera, possa limitare l’espansione del virus. La risposta come vedremo è che non si sa, anche se alcuni virus sono soggetti a stagionalità.

In questi giorni la preoccupazione per l’espansione del coronavirus Covid-19 in Italia e nel mondo è grande ed i mass media pubblicano continuamente notizie aggiornando il numero di contagiati, mentre vengono prese misure eccezionali come la chiusura delle scuole, delle università e dei musei.

Come redazione meteo, la domanda che possiamo farci è se esistano relazioni fra l’espansione del coronavirus e le temperature. Ci avviciniamo infatti alla primavera, che inizierà ufficialmente il 20 marzo con l’equinozio.

La notizia sui media americani per delle dichiarazioni di Trump

Nei giorni scorsi i media americani hanno sottolineato come il presidente statunitense Trump (non certo un esperto in materia…), abbia scritto un tweet riguardante un possibile miglioramento della situazione in Cina grazie all’aumento delle temperature che è immaginabile aspettarsi con l’arrivo della stagione primaverile.

I media hanno subito pubblicato approfondimenti cercando di capire se queste affermazioni fossero veritiere.

Secondo quanto si legge in un articolo pubblicato sul National Geographic, alcuni tipi di coronavirus ed anche alcuni virus influenzali tendono ad espandersi meno nei mesi caldi. C’è quindi una base di verità sul fatto che le temperature più alte possano frenare l’espansione di alcuni virus.

Covid-19: non si sa ancora se le temperature ne influenzano l’espansione

Tuttavia, non c’è nessuno scienziato e nessun articolo scientifico che si azzardi a dire che il Covid-19, il virus che tante preoccupazioni sta portando nel mondo in questi giorni, sia influenzato dalla stagionalità. Del resto, si sa ancora troppo poco di questo virus (è uno dei motivi per cui desta tanto allarme, nonostante stia causando molte meno vittime di altri virus più noti). In sostanza, dicono gli esperti che stanno studiando il coronavirus, è troppo presto per sapere.

Se da una parte alcuni studi mostrano che alcuni tipi di virus si espandono più facilmente in condizioni di freddo e aria secca, dall’altra parte si tratta di studi limitati ad alcuni tipi di virus, e non possiamo trarre quindi conclusioni.

di Leonardo Pasqualini della  Redazione de: Il Meteo.net

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Botta e risposta tra Orazio Schillaci e Vincenzo De Luca. A scatenare la scintilla sono stati i manifesti della Regione Campania in cui la premier Meloni veniva presa di mira e si attribuiva al Governo la chiusura dei pronto soccorso, giudicati dal ministro della Salute “falsa propaganda
Altri 3mila metri quadri di area museale aperti al pubblico. Con la benedizione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La Reggia di Caserta
Una maxi-treccia tricolore in onore del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che oggi ha inaugurato la nuova ala ovest della Reggia di Caserta.

Articoli correlati

Da giovedì 25 a sabato 27 gennaio preparatevi a un'esperienza straordinaria con l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). Vulcanologi, sismologi, esperti di ambiente…. vi aspettano alla 5° edizione di "Parole per la Terra", la manifestazione che si svolge in tutta Italia, in varie sedi dell’Istituto. 
Secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e dell'University College of London (UCL), la presenza di due livelli poco permeabili nella crosta dei Campi Flegrei regolerebbe i movimenti verticali e la sismicità osservati negli ultimi 40 anni.
Il terremoto di oggi 17 Novembre 2023, Ml 3.0  si è verificato circa 298 km di profondità nel Golfo di Policastro, non è da ritenersi preoccupante poiché avvenuto nel contesto della zona di subduzione dell’Arco Calabro.

Dallo stesso Autore

In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Dopo gli ultimi cenni d’instabilità al meridione, a partire dalla giornata di domani (14 Febbraio) il tempo andrà stabilizzarsi su buona parte del territorio nazionale, per il ritorno dell’anticiclone di natura subtropicale, che assicurerà condizioni atmosferiche quasi primaverili.