11.7 C
Sessa Cilento
lunedì, 26 Febbraio 2024
Prima PaginaEditorialiNel Cilento, una volta c'erano i cantonieri

Nel Cilento, una volta c’erano i cantonieri

Numerose le foto, anche da parte mia, del Cilento imbiancato, bello, bellissimo, incantevole a volte con contorni fiabeschi che durano, appunto, il tempo di un racconto e all’indomani svaniscono. Difatti, perché il giorno dopo,  ci troviamo a lottare contro i cumuli di neve sparsi al lato della strada rotabile e magari anche poggiati delicatamente sullo strato viario.
“Non siamo preparati”, questo ho letto su numerosi “annunci liturgici” dei vari social. Non siamo preparati? Cosa significa!!

La protezione civile, ha diramato già in tempi non sospetti che qualcosa nell’andamento meteorologico stava cambiando, predisporsi in tempo sarebbe stata la cosa più logica da fare, ma nulla, si aspetta sempre che “ci scappi il morto” (è un modo di dire) per correre ai ripari, bastava guardare anche solo il meteo in TV.

La foto allegata a questo post, racconta ciò che ho trovato stamane (Gennaio 2017) percorrendo appena 3 chilometri in direzione sud e non oso pensare quali possano essere state le condizioni dei percorsi in direzione nord !!??. E si…, una volta erano i cantonieri che si occupavano della pulizia dei bordi e del manto stradale, ora non più, qualche testa pensante, ha deciso che i cantonieri costavano troppo, ha fatto due calcoli, più soldi per i cantonieri meno soldi per me, con la controprova più soldi per me uguale più benessere, belle auto, donnine al seguito  , jacuzzi, ecc.ecc… .

Risultato, eccolo, neve tendente al ghiaccio sulla viabilità ordinaria, steli rinsecchiti come nelle savane africane, ma lì almeno sono naturali, e chi se ne frega del paesaggio a chi interessa se il povero pendolare, lo studente ma anche un mezzo di soccorso dovesse attraversare questo campo siberiano.

Ed a questo “piccolo” uomo, ricordo della mia infanzia che la mia mente è andata, con le prime luci del giorno dopo; lo stradino di una volta che svolgeva il suo lavoro del tutto manualmente, aiutato solo da pochi strumenti rudimentali: una pala, un martello, una zappa, una falce, una carriola. Ogni stradino aveva la manutenzione di cinque o sei chilometri di strada. Ogni tratto stradale veniva ricoperto da un cantoniere, questi ne era il responsabile, il padre putativo, e più il territorio era vasto più stradini necessitavano. Il lavoro era gravoso: spargere la ghiaia, il sale quando il manto stradale era ricoperto da neve/ghiaccio, pulire i fossi, creare le cunette per far scorrere l’acqua accumulatasi, tagliare spine ed erbacce. Addetto al controllo dell’omino vi era il capo cantoniere che soprassedeva ai lavori e che, quando era necessario, non risparmiava rimproveri ai sottoposti.
Oggi anche la figura dello stradino o cantoniere, come dir si voglia, è scomparsa: non si trova più l’ operaio che lungo la strada, tra la chiusura di una buca e l’altra, chiacchiera con il passante di turno, ma svolge diligentemente il suo lavoro. In questi giorni molti, tanti, sicuramente io sto sperando in un po’ di pioggia (poca però)  purificatrice dell’asse viario e dell’animo di chi ha voluto che una figura come “l’omino della strada” non esistesse più.

© Diritti Riservati

Alessandro Giordano
Alessandro Giordano
Dal Marzo 2015 racconto la nostra terra, il Cilento, mostrandola con gli occhi di chi la ama, la vive e vuole contribuire a farla apprezzare di più ai turisti e ai Cilentani stessi. La Storia, i Personaggi, la Cultura, le Tradizioni e le Contraddizioni, il patrimonio artistico, gli eventi e le iniziative in programma che ritengo più interessanti segnalare, i musei, le attrazioni e le proposte per i turisti, il cibo ed i prodotti del territorio sono i temi principali dei miei articoli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Il Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana Dop punta sull’export e moltiplica le iniziative di promozione all’estero. Dalla Francia al Giappone, la Bufala Campana guarda sempre più ai mercati stranieri,
In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
La cittadina più anziana di Sessa Cilento si è spenta oggi (20 Febbraio)  all’età di 103 anni. Si chiamava Teresina La Greca , residente nell’antico piccolo borgo di Valle Cilento.

Articoli correlati

La consapevolezza che  la Pasqua di quest’anno avrebbe avuto un significato diverso rispetto al passato è arrivata già qualche mese fa. Tra  bombe,  morte,  distruzione e...
L’emergenza COVID-19 è anche l’occasione per incontrare, ancora una volta, la capacità dei cittadini di mobilitarsi a sostegno di chi si trova in condizioni...
C’era una volta la Tv, quella con il monoscopio che captava il segnale da grosse antenne simili a stendi-biancheria ormeggiate sui tetti; erano gli...

Dallo stesso Autore

I bambini la aspettano con trepidante attesa. Questa notte, infatti, la Befana lascerà tanti dolciumi a quanti sono stati bravi, mentre chi si è comportato male dovrà accontentarsi di un pezzetto di carbone.
La filiera della mozzarella di bufala campana Dop fa bene all’ambiente ed è sempre più green e sostenibile. Lo rivela un nuovo studio scientifico, realizzato dal professor Luigi Zicarelli e da Roberto De Vivo, Roberto Napolano e Fabio Zicarelli.
Le vedute acquerellate delle antiche commende di Rodio e di San Mauro la Bruca, trovate in un cabreo (cioè in un registro patrimoniale) del 1626 custodito presso la National library di Malta