22.8 C
Sessa Cilento
mercoledì 17 Agosto 2022
HomeMagazineScienza e AmbientePosidonia oceanica, convenzione Arpa Campania – CoNISMa

Posidonia oceanica, convenzione Arpa Campania – CoNISMa

Individuare  i tratti di costa a rischio di erosione e caratterizzarli per migliorarne la fruibilità turistica e balneare, è questo l’obiettivo finale del lavoro sperimentale sulla Posidonia oceanica affidato ad Arpac dalla Regione Campania con  la legge regionale n.5/2021. A tale scopo l’Agenzia ha siglato una convenzione con il CoNISMaConsorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare, al quale afferiscono ben 32 atenei italiani, e con il quale l’Arpa Campania intrattiene da anni proficui rapporti di collaborazione in tematiche incentrate sulla tutela del territorio e dell’ambiente marino- costiero.

Lo studio è finalizzato alla classificazione delle spiagge del territorio regionale e alla predisposizione di sistemi continui di monitoraggio del fenomeno del deposito del materiale organico costituito dalle foglie di Posidonia. Arpac e CoNISMa concorreranno alla realizzazione di tutti gli obiettivi previsti nel piano di attività predisposto dall’Agenzia: il CoNISMa fornirà il proprio supporto in tutte le fasi del progetto, in particolare nelle attività operative di censimento dei tratti di litorale interessati dallo spiaggiamento e accumulo delle banquettes – gli ammassi intrecciati di Posidonia – inclusa la loro caratterizzazione, e fornirà ogni utile supporto per lo studio e l’individuazione delle soluzioni possibili da adottare in funzione della caratterizzazione dei siti di accumulo.

I responsabili della convenzione, che durerà fino al 1 settembre del 2023, sono, per l’Arpac, il dott. Lucio De Maio, Dirigente della U.O. Mare, e per il CoNISMa, il prof. Giovanni Fulvio Russo, URL Università di Napoli Parthenope. «Arpac e CoNISMa – dichiara il direttore generale di Arpa Campania, Stefano Sorvino – collaborano già dal 2015 anche nell’ambito delle attività di Marine Strategy affidate all’Agenzia con il monitoraggio congiunto tra le due istituzioni degli habitat coralligeno e fondi a Maerl/rodoliti nelle aree della regione Campania. Nel 2018 hanno effettuato uno studio degli habitat bentonici tra la Costiera amalfitana, la Penisola sorrentina e Capri per fornire indicazioni sulla salute dell’ambiente marino in un’area di grande richiamo turistico. Con questa nuova convenzione si avvia un lavoro sperimentale e innovativo , con caratteristiche che lo rendono finora unico nel nostro Paese».

Leggi anche:   L’impronta digitale dei terremoti individuata con l’interferometria satellitare

«L’ultima mappatura sulle praterie di Posidonia risale ad oltre vent’anni fa – spiega il direttore tecnico dell’Agenzia, Claudio Marro –  molte praterie sono nel frattempo scomparse così grazie a questo studio sarà possibile capire non solo qual è il nuovo assetto ma soprattutto quali tratti di costa potranno essere recuperati rimuovendo gli accumuli di Posidonia, fermo restando che  quelli già a rischio erosione non dovranno essere toccati come nel caso degli accumuli che insistono su costa rocciosa non adibita alla balneazione». 

Per conoscere i dettagli del piano e l’importanza della Posidonia oceanica per l’ecosistema marino si rimanda alle notizie precedenti:

[7 dicembre 2021] Posidonia oceanica, piano di attività dell’Arpa Campania – News – Arpa Campania
[10 dicembre 2021] Dal lavoro sperimentale dell’Arpac sui siti di Posidonia una possibile best practice – Gente e Territorio

Giuseppe Jodice
Giuseppe Jodicehttps://www.cilentoreporter.it/
Giuseppe Jodice, Laureato in Scienze e tecnologie per la Natura e per l'Ambiente presso l’Università di Napoli Federico II, da poco si è avvicinato al mondo della scrittura come professione. Aspirante blogger, ha collaborato con varie testate giornalistiche online curandone i contenuti. Durante l’università scrive recensioni e interviste sul blog letterario Viaggio nello Scriptorium e, terminati gli studi, si appassiona al mondo del giornalismo, decidendo di sfruttare il grande potere della scrittura per comunicare al mondo i suoi interessi e le notizie più importanti. Ha avuto l’onore di frequentare il Corso di Giornalismo Ambientale Laura Conti organizzato da Legambiente. Appassionato ed attento osservatore delle tematiche prettamente scientifiche ed ambientali, é redattore per Cilento Reporter della rubrica Scienza & Ambiente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Devi leggere

Altri due giorni dove il sipario di “Segreti d’Autore” si aprirà a Valle Cilento

Niente è più difficile dell’assoluta bontà a questo mondo. Se l’affermazione di Dostoevskij era vera nel 1867, lo è ancora di più al giorno...

Il cibo come racconto delle tradizioni familiari alle pendici del Monte della Stella

In Italia si va in vacanza anche per l’ottimo cibo e per la famosa dieta mediterranea e nel Cilento ci sono numerosi eventi legati...

Serramezzana: “ Le voci di Clara Schumann in scena il 9 Agosto, per “Segreti d’Autore”

Tre donne per raccontare una donna. È quello che accade con “Le voci di Clara”, lo spettacolo in programma martedì 9 a “Segreti d’Autore”,...

Dall’allerta meteo per temporali al caldo africano che è ancora in agguato

Domani (09.08.2022) arriveranno forti temporali al Sud Italia  e localmente anche al centro e il grande caldo si è attenuato, ma le temperature restano molto...

Anche quest’anno “JazzinLaurino” per la ricerca scientifica

“JazzinLaurinoFestival & Workshop” promuove anche quest’anno il valore della ricerca scientifica per la cura del neuroblastoma, tumore tra i più diffusi nell’infanzia e prima...

Articoli correlati

Continue to the category

Dallo stesso Autore

Continue to the category