venerdì 21 Gennaio 2022
4.4 C
Sessa Cilento

Draghi firma il Dpcm: ecco i negozi in cui non servirà il green pass

Il premier Mario Draghi ha firmato il Dpcm con...

Alta Velocità. Codici Cilento: “no al nuovo tracciato”

In Commissione Trasporti della Camera dei Deputati...
- Pubblicità -
Prima PaginaMeteo CilentoMeteo: la seconda decade di maggio potrebbe aprire le porte all'anticiclone delle Azzorre

Meteo: la seconda decade di maggio potrebbe aprire le porte all’anticiclone delle Azzorre

Tempo di lettura 3Minuti

Maggio proseguirà ancora all’insegna dell’instabilità e del clima più fresco al centro-nord, dalla fine della seconda decade l’anticiclone tornerà a conquistare il Mediterraneo. Dopo un mese di aprile caratterizzato da temperature sotto le medie del periodo, anche maggio sembra che voglia ricalcare la stessa strada, con un periodo instabile, a tratti fresco e dinamico. Ma ora andiamo ad analizzare assieme la linea di tendenza prevista fino a fine mese. Cosa bisogna attendere nella seconda decade?

Nella seconda decade di maggio, stando alle ultime elaborazioni dei grandi centri di calcolo internazionali, buona parte dell’Italia, così come l’Europa centro-occidentale, continuerà ad essere interessata dal passaggio di diversi sistemi frontali e perturbazioni atlantiche. Il passaggio del flusso perturbato principale, attraverso un corridoio che spingerà le perturbazioni dalle coste di Terranova fino alle Isole Britanniche e alla Francia, favorirà l’avvento di diverse fasi di instabilità, alternate a brevi periodi di stabilità, che interesseranno più direttamente le nostre regioni centro-settentrionali, dall’area alpina fino al centro Italia.

In questo caso sarebbero le regioni settentrionali, e le peninsulari tirreniche, a beneficiare di maggiori precipitazioni, anche di tipo convettivo, a carattere di rovescio o temporale. Qui il clima si manterrà piuttosto fresco, con valori termici di poco sotto le medie del periodo. Le aree adriatiche del centro-sud e le regioni meridionali, invece, si troveranno ai margini di questi peggioramenti. Pertanto in queste regioni avremo condizioni di tempo più stabile e asciutto, in un contesto termico che dovrebbe mantenersi in linea con le medie stagionali, o di poco sotto, specie sulle regioni peninsulari.

Quando l’anticiclone si espanderà sul Mediterraneo?

Fra la fine della seconda decade e l’inizio della terza decade di maggio, secondo la linea di tendenza del modello europeo Ecmwf, si assisterà ad un aumento dei valori di geopotenziale lungo tutta l’area mediterranea. L’aumento del geopotenziale e della pressione al suolo aprirà la strada alle spinte dell’anticiclone delle Azzorre in direzione dell’Italia, sia dal vicino Atlantico, che dalla porta del Maghreb, attraverso la spinta del “getto subtropicale”. Il tempo, in corrispondenza del periodo 18-24 maggio, secondo questa linea di tendenza dovrebbe farsi più stabile, caldo e soleggiato su buona parte del territorio nazionale. Le uniche insidie instabili potrebbero riguardare dei veloci fronti freddi che dall’area alpina scivoleranno sui Balcani e la Grecia, lungo il bordo più orientale della figura anticiclonica, che potranno causare dei momentanei periodi di instabilità (temporali ad evoluzione diurna), soprattutto sulle regioni di nord-est, le coste adriatiche e parte del meridione.

Leggi anche:   Meteo: l'anticiclone africano non molla la presa. Le previsioni per Ferragosto

Le temperature, grazie al soleggiamento ininterrotto, torneranno ad aumentare su tutte le regioni, spingendosi su valori superiori alle medie climatiche del periodo. Le anomalie termiche positive dovrebbero riguardare maggiormente le regioni settentrionali, un po’ meno il centro-sud, lievemente influenzato da una circolazione d’aria fresca settentrionale che renderà il clima un po’ più piacevole.

Cosa bisogna aspettarci a fine mese?

Ad oggi, secondo gli ultimi aggiornamenti su base Ecmwf, la parte finale di maggio dovrebbe vedere un ulteriore consolidamento dell’anomalia positiva e di geopotenziale sul Mediterraneo centrale, con dei massimi che si concentreranno a ridosso delle regioni centro-settentrionali. Il tempo sarà prevalentemente stabile e soleggiato un po’ ovunque, in un contesto climatico più caldo. Le regioni meridionali, invece, resteranno esposte a circolazioni di aria fresca, in uscita dai Balcani, che potrebbero ravvivare l’instabilità, soprattutto durante il pomeriggio lungo l’Appennino, con la formazione di temporali di calore. Qui il clima sarà più fresco, con valori in linea con le medie.

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

© Riproduzione Riservata

Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.
spot_img
- Pubblicità -

Devi leggere

Draghi firma il Dpcm: ecco i negozi in cui non servirà il green pass

Il premier Mario Draghi ha firmato il Dpcm con la lista dei negozi in cui non è richiesto il green pass. “Non è richiesto il possesso di...
Pubblicità
- Pubblicità -

Altre Notizie

Time Line

Meteo. L’anticiclone inizia a sgonfiarsi, aprendo le porte a infiltrazioni più...

0
L’alta pressione continua a garantire condizioni di tempo stabile e soleggiato su gran parte del nostro Paese, anche se non mancano localmente le nubi...

Dieta Mediterranea. Anche per il 2022 la migliore al mondo

0
La dieta mediterranea, portata in auge dallo studioso Ancel Keys, è stata considerata, anche per il 2022, la migliore al mondo. Un gruppo di...

La seconda parte di “Linea Verde” Rai1, dedicata al Cilento

0
Linea Verde di nuovo nel Cilento. La nota ed apprezzata rubrica televisiva di Rai 1 che dedica spazio alle bellezze paesaggistiche, culturali ed enogastronomiche...

Sessa Cilento: distanziati ma vicini, il messaggio di Raffaele Di Marco

0
L’emergenza COVID-19 è anche l’occasione per incontrare, ancora una volta, la capacità dei cittadini di mobilitarsi a sostegno di chi si trova in condizioni...

Rai1, con “Linea verde”, continua il suo viaggio nel Cilento

1
Nella puntata di domenica 16 gennaio alle ore 12.20 su Rai1, continua il viaggio di "Linea Verde” nel territorio del Parco Nazionale del Cilento,...

Omicron, la variante che riporta in zona gialla la Campania

0
“Alla luce del flusso dei dati del monitoraggio Iss, ministero della Salute e Regioni, il ministro Speranza ha firmato l’ordinanza che porterà la Campania in giallo e...