14.5 C
Sessa Cilento
domenica, 23 Giugno 2024
Prima PaginaMeteo CilentoMeteo: il tempo per Pasqua e Pasquetta. Le tendenze

Meteo: il tempo per Pasqua e Pasquetta. Le tendenze

Dopo un inizio settimana Santa davvero molto mite, con punte di oltre +25°C al centro-nord, a Pasqua potrebbe tornare il maltempo e un po’ di freddo. Ecco i dettagli. L’inizio della settimana Santa sarà caratterizzato da una ulteriore spinta dell’anticiclone subtropicale sul bacino del mar Mediterraneo e sull’Europa centro-meridionale. La settimana pasquale inizierà sotto la protezione di un esteso anticiclone subtropicale, che verrà alimentato in quota da correnti più calde, d’estrazione subtropicale continentale, le quali, oltre a stabilizzare il tempo su tutte le regioni italiane, contribuiranno anche a far aumentare le temperature, spingendole su valori tipicamente primaverili.

Già domani in pianura Padana le temperature massime, durante il primo pomeriggio, potrebbero raggiungere punte di oltre +22°C +23°C, localmente anche più. Anche sulle altre regioni l’aumento del soleggiamento diurno favorirà una ulteriore impennata delle temperature massime, che nelle aree più interne supereranno i +20°C +22°C. Clima molto più fresco lungo le coste per l’azione delle brezze, provenienti dai mari piuttosto freschi in superficie, che mitigheranno un po’ l’aria nei bassi strati. Questa struttura anticiclonica, durante le giornate di martedì 30 marzo e mercoledì 31 marzo, venendo alimentata da aria piuttosto calda in quota, in risalita dall’entroterra algero-tunisino, si consoliderà ulteriormente, condizionando il tempo su tutto il nostro territorio nazionale, dalle Alpi alla Sicilia.

L’elemento saliente, in settimana, sarà rappresentato dall’aria più calda in quota, in risalita lungo il margine più occidentale dell’anticiclone, che avrà degli effetti anche nei bassi strati, dove si verificherà un ulteriore incremento termico. Al sud, soprattutto lungo le coste, il clima diverrà un po’ più fresco e umido, per l’azione dei venti termici dai mari ancora freddi. Inoltre, il contrasto fra la superficie dei mari freddi, e l’aria più calda che tenderà a scorrergli di sopra, rischia di produrre foschie e, localmente, anche le affascinanti “nebbie di mare”, tipico della primavera. Ma attenzione al peggioramento atteso per Pasqua

Se buona parte della settimana Santa sarà caratterizzata dal volto “buono” della primavera, con tanto sole e clima molto tiepido, per non dire caldo per il periodo, proprio in corrispondenza con la Pasqua la situazione meteorologica subirà un drastico mutamento, con il probabile ritorno del maltempo. Difatti, a causa della spinta meridiana (verso nord) dell’anticiclone delle Azzorre, una vasta saccatura, di lontane origini artiche, a ridosso del weekend pasquale scivolerà verso l’Europa centro-occidentale. Parte di quest’aria fredda, facente capo alla saccatura appena menzionata, potrebbe interessare parte dell’Italia, apportando piogge e rovesci sulle regioni settentrionali, e la neve sulle Alpi.

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

A governare il radicale cambiamento di circolazione è la situazione in quota. A 500 hPa si avvicina una ondulazione del flusso atlantico, con una saccatura da cui si isolerà un vortice freddo e instabile.
Acque cristalline, luoghi unici per le loro bellezze paesaggistiche, attenti alla sostenibilità ma anche alla tutela della biodiversità.
Inno alla lentezza per ammirare le immense bellezze del Cilento in programma sabato prossimo, 22 giugno 2024.

Articoli correlati

Dallo stesso Autore