giovedì 28 Ottobre 2021
12.4 C
Sessa Cilento
giovedì 28 Ottobre 2021
Prima PaginaMeteo CilentoMeteo Cilento: le previsioni per questo week end e la "luna blu"

Meteo Cilento: le previsioni per questo week end e la “luna blu”

-Pubblictà-

La pressione sull’Italia tende ad aumentare e nei prossimi giorni il tempo si manterrà stabile e piuttosto mite. Da domenica, complice l’aria calda in quota, tornano inversioni, foschie e parziali banchi di nubi basse.

Per un po’ di tempo le depressioni eviteranno l’Italia dopo i recenti eventi di maltempo che hanno interessato in momenti diversi molte regioni italiane. Ora si assiste ad un cambio di regime nella circolazione generale che favorirà alle nostre latitudini un prevalente dominio anticiclonico.

La natura dei campi di alta pressione che interesseranno la penisola sarà tuttavia mediterranea con contributi abbastanza miti subtropicali in quota. Questo schema sarà dettato dal braccio di ferro tra le grandi strutture bariche atlantiche che darà vita alternativamente ad espansioni anticicloniche tra il nord Africa e l’Europa centrale e ad espansioni longitudinali dell’anticiclone delle Azzorre.

Quello che certamente non è nelle corde di questo quadro atmosferico sono i contributi freddi settentrionali e l’arrivo di sistemi perturbati organizzati sui mari italiani.

Ci attende quindi un periodo abbastanza prolungato di stabilità anche se, nel periodo dell’anno in corso, questo genere di configurazioni non permette cieli sereni ovunque a causa dell’innesco delle inversioni termiche e del ristagno di umidità (ed inquinanti) nei bassi strati dell’atmosfera.

Fino a sabato 31 ottobre sole e temperature miti quasi ovunque

Sabato 31 ancora bel tempo quasi ovunque ma con tendenza a formazione di foschie più dense, locali nebbie notturne e parziali banchi di nubi basse nella pianura Padana centroccidentale, in temporaneo dissolvimento nelle ore più calde della giornata. Al nord tenderanno anche ad aumentare le velature d’alta quota a partire da occidente. Tanto sole sulle altre regioni con clima mite.

Aumentano umidità e smog nei bassi strati

Su gran parte della pianura Padana foschie dense e locali nebbie o stratificazioni nuvolose basse insisteranno nelle ore più fredde

Con domenica 1 novembre la disposizione ed il profilo termico dell’alta pressione favoriranno un graduale incremento dell’umidità nei bassi strati dell’atmosfera, in particolare su alcuni settori.

Su gran parte della pianura Padana foschie dense e locali nebbie o stratificazioni nuvolose basse insisteranno nelle ore più fredde attenuandosi solo parzialmente nelle ore centrali della giornata.

Fenomeni analoghi potranno manifestarsi, magari in maniera minore  lungo il litorale tirrenico fino alla Calabria. Sul resto del territorio nazionale da segnalare solo degli annuvolamenti medio-alti a ridosso delle Alpi confinarie e la prevalenza di sole altrove.

Orizzonti freddi e ancora brodino anticiclonico?

A parte qualche possibile pioggia, prima al nord il 4 e poi al sud il 6 novembre, ed un leggero calo termico associato, non sono al momento in cantiere grandi svolte.

Le precoci nevicate che hanno imbiancato le Alpi a quote inusualmente basse prima del giro di boa della metà del mese, hanno illuso che spera sempre nelle svolte fredde. Quegli eventi non sono rappresentativi rispetto al verso che prenderà la stagione fredda 2020/21, anzi forse appaiono oggi come un paio di episodi freddi importanti nel mezzo di fasi ben più calde.

Analizzando gli scenari a medio e lungo termine l’impressione è che a parte qualche possibile pioggia, prima al nord il 4 e poi al sud il 6 novembre, ed un leggero calo termico associato, non siano al momento in cantiere grandi svolte.

Potrebbe in realtà cambiare un po’ l’assetto anticiclonico con massimi al suolo in trasferimento sull’Europa centrorientale, manovra che porterebbe ancora sostanziale stabilità atmosferica ma nessuno scossone termico particolare.

La luna “Blu”

Sabato prossimo, 31 ottobre, ci sarà la Luna blu, un fenomeno insolito. Coinciderà con la famosa notte di Halloween, anche se quest’anno sarà molto atipico con la pandemia di coronavirus. Invece di andare in giro a chiedere caramelle, spaventare o lanciare petardi, l’astronomia ti offre un piano alternativo con la “Luna Blu”.

In genere, secondo il ciclo lunare, ogni mese c’è una sola luna piena, ma questo mese di ottobre sarà diverso: quella del 31 ottobre sarà infatti la seconda luna piena visibile. Questo fenomeno astronomico, che si verifica ogni due anni e mezzo, questa volta coinciderà con il famoso “Halloween”. La Luna sarà sempre bianca e grigia, come gli altri giorni, ma per tradizione è conosciuta con questo nome quando si verificano due eventi di Luna piena nello stesso mese. Ci sono diverse teorie sull’origine di questo termine, ma come in quasi tutte le cose che provengono dall’antichità, viene attribuita un’origine da una parte religiosa e dall’altra scientifica.

Riguardo alla sua origine religiosa, si dice che quando il fenomeno si verificò durante il periodo quaresimale, il digiuno venne prolungato e inizialmente fu chiamata Luna ‘belewe’ (traditrice in inglese). Successivamente è derivato in “blwe” e infine in “blue”, come lo conosciamo ora (colore blu). La NASA, nella sua pagina di divulgazione scientifica, ha aggiunto la coincidenza che nel 1883 il vulcano Krakatoa è esploso e le sue ceneri hanno potuto tingere di blu la Luna.

a cura della redazione de: ilmeteo.net

© Riproduzione Riservata

Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

Il portale di informazione web "Cilento Reporter" da sempre con impegno e  dedizione per un'informazione libera da qualsiasi vincolo, economico e non. Stiamo continuando ad aggiornarti e a informarti in questo periodo così sconcertante. Ma abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a far sentire la nostra, la Tua voce. A volte siamo scomodi, ma notiamo che i nostri articoli sono molto seguiti. A volte siamo sinceri e schietti fino all'antipatia, ma notiamo che c'è bisogno anche di questo. A volte siamo duri, ma quando la situazione lo richiede.
Siamo sempre liberi, perché  non ci lega vincolo alcuno. Non percepiamo fondi pubblici e selezioniamo rigorosamente le pubblicità accettandole solo se provengono da realtà etiche e che hanno a cuore l'ambiente e la salute.
Per questo continuare a far sentire la nostra voce non è facile. E abbiamo bisogno di te che ci leggi, come di tutti coloro che hanno a cuore l'informazione indipendente.

spot_img

Devi leggere

Un’eccellenza da 680 milioni annui: la rucola della Piana del Sele Igp

Ha un giro d’affari di 680 milioni di euro all’anno e una produzione media pari a 400mila tonnellate, il 73% circa del totale nazionale;...
Pubblicità

Notizie Correlate

Altre Notizie

Dello stesso autore

Un’eccellenza da 680 milioni annui: la rucola della Piana del Sele...

0
Ha un giro d’affari di 680 milioni di euro all’anno e una produzione media pari a 400mila tonnellate, il 73% circa del totale nazionale;...

Consac: mancato invio delle bollette, ecco come fare per richiederle

0
E’ da qualche tempo che le bollette per il consumo di acqua potabile gestita da Consac non vengono recapitate. Molte le segnalazioni  degli amministratori...

A Paestum il congresso internazionale di medicina sul post pandemia

0
Al Forum Scientifico di Paestum 2021 saranno trattati i temi più attuali della medicina interna, della immunologia clinica e delle malattie allergiche e dermatologiche...

Le grotte della Campania e il Cilento al centro delle speleologie...

0
Centinaia di speleologi da tutta Italia e da diversi Paesi europei si preparano a sbarcare a Marina di Camerota, che dal 29 ottobre al...

Video-racconto sul monitoraggio della qualità dell’aria sui monti Alburni

0
E' di Arpa Campania il nuovo video-racconto della serie dedicata alle stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria. Questa volta i tecnici Arpac sono a...

Nuovo ciclone all’estremo Sud, possibile medicane? Le previsioni per Ognissanti

0
Il ciclone responsabile del maltempo si è spostato verso la Grecia determinando un temporaneo miglioramento in particolare su Calabria e Sicilia. Cerchiamo di capire...